la verità su Aleppo - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Aleppo, le menzogne dei media e la realtà vissuta da chi l'ha vissuta. Un medico, Nabil Antaki.

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Marco Tosatti ·
Tags: la verità su Aleppo
Marco Tosatti



La fine della battaglia di Aleppo ha segnato un altro episodio di sostanziale vergogna per la maggior parte dell’informazione occidentale, compresa quella italiana. Era solo qualche mese fa che denunciavamo come i media occidentali si facevano strumento della propaganda dei propri governi, e facevamo nostro l’incipit di un commentatore del Boston Globe: “La copertura della guerra siriana sarà ricordata come uno dei più vergognosi episodi nella storia della stampa americana. E i reportage sul massacro nell’antica città di Aleppo ne sono l’ultimo episodio”.
Per quelli che conoscono l’inglese, è una lettura istruttiva. Ne avevamo tradotto alcune parti in questo articolo.
In realtà doveva ancora venire la copertura delle presidenziali USA, con tutte le élite giornalistiche schierate per Hillary Clinton e partecipi – senza una scusa ai propri lettori traditi – della disfatta. Ma dal momento che tutto si tiene, non possiamo non ricordare che Hillary Clinton è stata una delle artefici del massacro del popolo e della nazione siriana.
La fine della battaglia di Aleppo, che ha ridato acqua, elettricità e libertà – sì, libertà, più di quella che offrivano i tagliagole alleati di Turchia, Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti, e difesi (!) dalla UE – ai milioni di cittadini di Aleppo sottoposti negli ultimi quattro anni a bombardamenti quotidiani ignorati dai nostri mezzi di informazione. La foto che vedete è quella dell’albero di Natale che gli aleppini del quartiere di Azizieh hanno eretto per festeggiare il primo Natale senza bombe e morti e feriti da anni. E questo è il video della musica armena suonata per la festa.
Vi offriamo a questo punto la testimonianza di Nabil Antaki, un medico cristiano siriano, la cui lettera è stata pubblicata da Ora Pro Siria, il sito che si è fatto voce della gente reale nel Paese martoriato. Nabil Antaki è un medico che ha deciso di restare ad Aleppo per aiutare i suoi concittadini negli anni di una guerra resa ancora più dura dall’assedio imposto dai ribelli, che privava milioni di persone di acqua ed energia elettrica. I ribelli cosiddetti “moderati” appoggiati dai governi occidentali.



”Pubblico la mia risposta ad una amica che è stata interpellata da due persone dopo la diffusione della nostra ‘’lettera da Aleppo n. 28’’
Cara F.
Comprendo bene la confusione di uno dei due tuoi interlocutori o il disagio dell’altro, e comprendo anche la tua domanda: ‘qual è la verità? ’
Capisco molto bene la reazione di queste persone sottomesse alla martellante propaganda mediatica occidentale di parte. Una propaganda manichea con i buoni definiti ribelli o rivoluzionari (dimenticando che essi fanno parte dei due gruppi (Daesh e al-Nusra) che la Comunità internazionale ha classificato come organizzazioni terroristiche. Si dimentica anche che 90.000 jihadisti stranieri sono venuti nel nostro Paese per fare la jihad. E si dimentica che il fine di questi terroristi è la realizzazione di uno Stato islamico.
Dall’altro lato, ecco i malvagi, demonizzati da una massiccia disinformazione, sin dagli inizi degli avvenimenti, per accelerare la caduta del regime.
I ribelli-terroristi che invasero i quartieri est di Aleppo nel luglio del 2012 e Mosul nel 2014 sono gli stessi che commisero gli attentati a Parigi nel 2015.
A Parigi, erano terroristi che bisognava eliminare.
A Mosul, voi applaudite (giustamente) l’assalto dell’esercito iracheno appoggiato dai raids aerei statunitensi e della coalizione, per liberare la città dai terroristi di Daesh, (ben sapendo che questi raids faranno ovviamente delle vittime civili, senza che in Occidente qualcuno se ne dispiaccia).
Ad Aleppo, voi invece condannate l’assalto dell’esercito dello Stato siriano il cui scopo è liberare una parte della città, controllata da quattro anni e quattro mesi dagli stessi terroristi di al-Nusra. (Ricordiamo che Daesh e al-Nusra erano un unico gruppo, scissosi in due circa due o tre anni fa, poiché al-Nusra voleva seguire al Qaïda e giurare fedeltà al delfino di Ben Laden, mentre Daesh voleva giurare fedeltà al califfo auto-proclamatosi Baghdadi).
Dov’è la verità? Non certo presso i giornalisti e i media.
Essa si trova presso coloro che vivono qui.
Presso gli abitanti di Aleppo-ovest (che non sono soltanto cristiani, dato che siamo rimasti in pochi), che ieri sera hanno manifestato la loro gioia nelle strade all’annuncio della liberazione di una gran parte di Aleppo-est. Coloro che hanno subito durante quattro anni e mezzo bombardamenti quotidiani da parte dei terroristi di Aleppo-est con decine di vittime tutti i giorni (naturalmente ignorati dai media occidentali e nessuno che abbia sentito imbarazzo). I terroristi li hanno privati d’acqua potabile per più di due anni (1 milione e mezzo di abitanti a cui si è tagliata l’acqua corrente è un crimine di guerra e contro l’umanità) e nessuno ne è stato sconvolto. Sono stati gli Aleppini a supplicare l’esercito ed il governo di liberare i quartieri orientali ed era dovere dello Stato intervenire.
La verità sta presso gli abitanti liberati dei quartieri orientali di Aleppo, che erano ostaggi dei terroristi, anzi scudi umani. Bisogna vederli scoppiare di gioia, mentre si gettano tra le braccia dei soldati, e piangere quando ritrovano membri della propria famiglia. Bisogna ascoltarli raccontare le sofferenze per ciò che i terroristi gli hanno fatto subire. Naturalmente, tutto ciò è documentato con dei video in arabo che non vi mostrano.
I bombardamenti russi e siriani, che tanto hanno disturbato i nostri amici europei [sensibili e cinici a fasi alterne o a seconda della collocazione topografica delle vittime. N.d.T.], ebbene sì, hanno fatto vittime tra i civili e noi lo deploriamo. Ma voi, voi siete altrettanto addolorati per le vittime civili fatte dalla coalizione occidentale nei bombardamenti di Mosul? O la bomba americana è forse più intelligente della russa ?. In Siria no. Infatti i raids della coalizione occidentale sui terroristi hanno mietuto ogni volta vittime civili e l’ultimo raid aereo francese ne ha fatte 110 in un colpo solo, ma non ve lo dicono. Durante una presa di ostaggi, dopo negoziazioni e tentativi infruttuosi per liberarli pacificamente, la polizia non dà forse l’assalto pur essendo consapevole che potrebbero esserci delle vittime tra gli ostaggi?
Non esistono guerre pulite (dimenticate che stiamo vivendo in guerra da cinque anni e mezzo), però i media europei hanno esagerato i fatti, modificando e amplificando la realtà. Il martellamento che avete subito è intessuto di menzogne. Vi hanno annunciato dieci volte in sei mesi la distruzione dell’ultimo ospedale di Aleppo-est: come se per un colpo di bacchetta magica l’ospedale potesse risorgere in due settimane. Vi hanno mostrato il ‘Sindaco di Aleppo-est’ in tutte le salse: conferenze-stampa, ricevuto da Hollande, imbarcandosi con Duflos in un farsesco viaggio ad Aleppo. Ma si dà il caso che questo signore non sia sindaco di Aleppo e neppure di Parigi. Egli è semplicemente un impostore fatto uscire come un coniglio dal cappello di un prestigiatore per appoggiare la campagna mediatica messa su per arrestare l’avanzata dell’esercito lealista, pretendendo una tregua per ragioni ‘umanitarie’: cioè per permettere ai terroristi (geneticamente modificati dagli Occidentali in ‘ribelli moderati’) di riprendersi.
I Siriani, che hanno sofferto troppo per questa guerra e gli Aleppini in particolare, non accetteranno la proibizione di esprimere la loro gioia nel vedere la disfatta dei terroristi (almeno in Aleppo), i loro concittadini di Aleppo-est liberati, e di poter vivere senza piangere ogni giorno la morte di un parente, di un amico, di un vicino, uccisi dai proiettili di ribelli-terroristi.
Nabil

P.S La campagna mediatica è stata orchestrata alla perfezione: un martellamento quotidiano di menzogne che le persone, pur di buona volontà e con un certo spirito critico, arrivano a credere, non avendo una conoscenza diretta della situazione sul terreno. ‘Non possono mentirci tanto, sicuramente c’è del vero’ pensano.
Se voi mentite, mentite e continuate a mentire, qualcosa delle vostre menzogne sarà creduto. ’’



Articoli recenti
Nuvole
Wilders Volto Santo Newman Ministra dell'Istruzione morte di Fidel Castro j'accuse massoneria leggere strage di Berlino Giappone Toscana Commiato all'Opera Frezza Cascioli antimassoneria dubia IMU raccolta firme x chiedere dimissioni apologetica Card. Burke bufale Radio Maria fondazione Maria Valtorta lettera dei quattro Cardinali San GIuseppe Maria crollo del tetto di una chiesa Johm Madonna proselitismo Parlamento riforma Purgatorio Clinton Concilio Misericordia Israele Sander Magister Ordine di Malta tsunami No Robert Spaemann messainlatino La necessità della... Resistenza rifugiati Fillon assistenza umanitaria religiosa Bukavu ex-cathedra Cardinali eresia ariana video Stephen Lutero Pontefice Brexit Maria Valtorta alluvioni aborto obiezione di coscienza comunismo teologia del processo e del divenire il cornoletame Agnello di Dio Isis Valtorta Jean-François Lavére cremazione elezioni rivoluzione religiosa miracoli Islam moderato Amoris Laetitia Card. Biffi riforma della curia Transustanziazione fedeltà Buon Natale Socci assolvere il peccato di aborto Renxit Aldo Maria Valli rissa vaticana limbo Gandolfini Claudio Pierantoni Guido Villa Vittorio Agnoletto fenomeni Card. Sarah la verità su Aleppo Świebodzin pro-life italiano omelie Morte pensieri a voce alta Neo Modernismo Convegno Valtorta Mattarella cappella agli islamici supplica Mistica Maria Valtorta creazionismo scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi filatelica Trump tradizionalisti arrogante diritti Intervista Benedettini Pensieri a voce bassa morte dei bambini Papa satanismo Laetitia il reato di intralcio all'aborto economia Kosovo Creazione Papa Bergoglio Russia Apparizione a Lourdes PENSIERI A VOCE ALTA Santa Veronica Giuliani Palmaro Obama vescovo Robert W. McElroy cinwue Dubia Pontificato Bergoglio Giornata della pace GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Lefebvre Porta Santa Fedeli Basta Bugie Omelie flat tax populismo latinoamericano Atti di riparazione Ratzinger Giobbe l'antilingua Giovanni Paolo II Fumagalli febbre spirituale luterani Fatima Benedetto XVI sbarackato Obama Giubileo della Misericordia Santiago del Estero domanda Sindone promesse Catechismo Maggiore di S. Pio X medaglia miracolosa fastfood Valeria Fedeli Finnis settimana di preghiera Fedeli. assenza di Dio interviste Immacolata Concezione DUBIA Re Magi CONFERENZE E SANTE MESSE intervista integrale al Card. Burke odio Vaticano Apocalisse SOSPESO A DIVINIS LGBT Cattedrale di Pristina Pietro indagato Sala Gedeone omosessuali Lourdes ecografia prenatale Guido Landolina infallibilità sale S. Antonio Abate incendio Beato Mayr-Nusser monachesimo John Major Lezioni spirituali varie comunione a divorziati risposati Scalfari articolo 138 Lezioni spirituali p. Enzo lingue di vermi Avvenire omosessualità Non praevalebunt! Italia Boff dittatore feto Germain Grisex Carlo Acutis terremotati Fidel Castro Marchino riconteggio avvelenamento di massa droga treni a vento il mercante d'armi Giudizio Particolare Conferenze valtortiane omelia Mama Antula otto errori. la Beppina PENSIERI VOCE ALTA Family Day antidarwinismo articoli vari Basta Bugie comunione ai divorziati risposati Renzi misericordia 80 anni Papa Benedetto XVI Beata Giovanna Scopelli Costituzione fare chiarezza Don Giuseppe Berardino Inferno lotta contro l'aborto Gesù Salvatore doveri sofferenza dei bambini Satana demonologia assassinio eutanasia Politi effetto Paglia sesto dubia Theologica eresie modernisti Giuda Don Ariel S. Levi di Gualdo Strage di Viareggio referendum Cristo Re pro gender Paradiso genocidio Scopelli Referendum Madonna della Ghiara prostituzione Papa Francesco Presepe gelo padre Lombardi Kasper Card. Raymond Burke Quaresima Beatitudini Amoris dimissioni congelate Verginità di Maria Padre Pio Medjugorje peccato originale La Samaritana terremoti luce Spadaro strafalcioni castigo di Dio Convegno valtortiano 2016 Eye Pyramid sincretismo imparare la Lis Limbo leucemia consumismo carmelitana infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Gerusalemme guarigioni sisma La sconfitta di Renzi Expo profezia Redenzione Argentina Don Ariel Tosatti profughi L'Evangelo come mi è stato rivelato CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Unità dei cristiani Google articolo su Maria Valtorta Rom Buon Pastore Dubia Twitter cattolici statunitensi a Trump Cuba condanna scisma Don Zucchini Caritas Fraternità San Pio X Bernadette il sacro tugurio Rwanda convivenza anno giubilare modernismo in ricordo del viaggio in Italia La Croce di S. Benedetto Dogma Natale Melloni Schneider peronismo nazionalcattolico bellezza Blondet Santo Sepolcro Consacrazione Pence Medaglia miracolosa Stephen Austin P. Giovanni Cavalcoli consustanziazione commissariamento Ordine di Malta sogno Crisi del Dogma Gender Pensieri a Voce Alta Pensiero a voce bassa 1002 Italicum Roberto De Mattei streghe Incontro 80 sindaci da tutto il mondo 25 novembre 2016 FB traumi battesimo Card. Brandmuller OMELIE perdono Risurrezione dei morti Storia sociale della Chiesa serate valtortiane valanga Francia Cattedrale di Reggio Emilia gender Misericordia et misera Pensieri a Voce Bassa lezioni spirituali Suor Lucia di Fatima intervista a Burke la Colonna dell'Immacolata LEZIONI SPIRITUALI AVVISO IMPORTANTE Gesù sacramentato ibernazione eretico I 4 Novissimi nuovo cristianesimo Mary Wagner teoria verginità della Vergine Gomez Davila Cina Pensieri a voce alta Benedetta Frigerio evoluzionismo furto di ostie Insediamento Trump Musica Sacra confessione Don Minutella Amoris laetitia Lo Straniero protestanti anima vittima Preti sposati Camicia della Madonna globalizzazione Bergoglio Quo Vadis? Concistoro tragedia a Uyo Difendiamo i nostri figli Mistica viareggina Aleppo silenzio della S. Sede aborto peccato gravissimo darwinismo mons. Fellay pro-life Raul Castro seminari Umberto Benigni disorientamento pastorale Lund Dott.ssa Elisabetta Frezza liturgia antica Amoris Laetitia correzione formale Polonia comunicazione non ostile
Torna ai contenuti | Torna al menu