il mercante d'armi - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Obama, il mercante d’armi

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Varie ·
Tags: il mercante d'armi
GIAMPAOLO ROSSI

  • T

Quella di Barack Obama passerà alla storia come l’amministrazione americana che ha venduto più armi nel mondo e soprattutto ai Paesi in via di Sviluppo; niente male per un Presidente premio Nobel per la Pace (sulla fiducia), mito dei terzomondisti liberal e pacifisti. Dal 2008 al 2015 (in pratica durante i suoi due mandati), gli Usa hanno chiuso accordi per 200 miliardi di dollari, pari al 42% dell’intero ammontare del traffico di armi in questi paesi.



Il dato eclatante risulta da un recente studio pubblicato dal Congressional Research Service, l’Istituto di Ricerca del Congresso americano. Secondo il report, gli accordi di trasferimento di armi nei Paesi in via di Sviluppo, hanno rappresentato più dell’80% di tutto il mercato delle armi globale; e l’America di Barack Obama è stata leader assoluta con una quota di mercato più del doppio di quella della “famigerata” e “guerrafondaia” Russia di Putin.

Non solo, ma se a quelli Usa si aggiungono gli accordi di Francia (51 bln $), Germania (19,5 bln $), Gran Bretagna (14 bln $), Italia (10 bln $) e altri paesi europei (53 bln $), si raggiunge la cifra di 357 miliardi di dollari di accordi di trasferimento armi nei Paesi in via di sviluppo; e la differenza con la Russia diventa superiore di quattro volte. Interessante notare che anche aggiungendo alla Russia, le vendite della Cina (le due nazioni che secondo la vulgata occidentale, mettono a rischio la pace nel mondo), non si raggiunge neppure la metà del controvalore del traffico d’armi generato dall’Occidente.
In altri parole i paesi Nato hanno inondato di armi di ogni tipo le aree più a rischio del pianeta.

Quando?
Secondo il rapporto, le scelte di trasferimento armi rispondono a precise necessità della politica estera americana e di tutela degli interessi nazionali di Washington. Dalla fine della Seconda Guerra mondiale, la strategia Usa è stata quella di aiutare alleati e nazioni amiche ad affrontare le minacce alla sicurezza regionale. Eppure colpisce il fatto che la maggiore quantità di vendita armi in Medio Oriente (76 miliardi di dollari) sia stata autorizzata da Obama nel biennio 2011-2012, quello per intenderci che ha generato le famose Primavere arabe, la guerra (ovviamente umanitaria) in Libia e quella civile in Siria; lo stesso biennio che ha preparato l’ascesa dell’Isis e la formazione del Califfato. In altre parole sembra che “la politica delle armi” di Obama non sia servita alla stabilizzazione regionale ma, al contrario, ad alimentare le crisi che oggi stiamo attraversando.

Dove?

Per l’America di Obama, l’area privilegiata per la vendita di armi è stato il Medio Oriente; qui, nella polveriera del mondo, gli Usa hanno chiuso oltre il 70% dei loro accordi complessivi.
Limitatamente all’ultimo triennio 2012-2015, la Russia detiene la principale fetta di mercato in Asia (76%), la Cina in Africa (22%), mentre l’America Latina riceve in prevalenza armi europee.

Chi?

L’Arabia Saudita è il paese acquirente che più di ogni altro ha chiuso accordi commerciali di armi al mondo per un valore complessivo di oltre 93 bln $; di questi, secondo la ricerca, circa 72 miliardi dagli Usa ed il restante dai paesi europei (Francia in testa). L’India il secondo con 34 miliardi.



Rimanendo nel Medio Oriente, gli altri Paesi maggiori acquirenti di armi sono stati Egitto (30 bln $), Iraq (29 bln $), Emirati Arabi (25,6 bln $) e Qatar (24 bln $).
Da notare che per l’Egitto dal 2012, anno della presa di potere di Al-Sisi, il principale fornitore di armi è diventata la Russia; segno evidente di un cambiamento della politica estera di un paese che per decenni è stato il riferimento degli interessi Usa in Medio Oriente.

Focus 2015

Nel 2015, anno più recente preso in considerazione, gli Usa hanno chiuso accordi di vendita armi per 40 miliardi di dollari, pari al 50,2% dell’intero mercato mondiale; questo significa che più della metà del traffico di armi nel mondo è gestito dagli Stati Uniti.

Ma il dato più eclatante è che per la prima volta, al secondo posto tra i paesi fornitori di armi, non c’è la Russia (nonostante abbia leggermente aumentato il valore degli accordi commerciali) ma la Francia del socialista Hollande che ha raggiunto la cifra di 15 miliardi di dollari di armi vendute, a coprire quasi il 20% del mercato mondiale (nel 2014 era di 5,5 miliardi).

Limitatamente ai Paesi in via di Sviluppo, Usa e principali produttori europei (Francia, Germania, Gran Bretagna e Italia) coprono quasi il 70% valore del traffico d’armi; la Russia il 17% e la Cina il 9%.

Nella relazione è specificato come “i principali fornitori dell’Europa occidentale, singolarmente, hanno migliorato la loro posizione competitiva nelle esportazioni di armi attraverso il forte sostegno marketing dei propri governi “; insomma appare chiara la natura della politica estera occidentale.

Probabilmente nel 2016 il volume trasferimenti complessivi di armi autorizzati dall’amministrazione Obama risulterà aumentare considerevolmente se verrà confermato lo sbalorditivo accordo di 115 miliardi di dollari siglato da Obama con il governo saudita. Armi, che ricordiamolo, sono utilizzate dalle monarchie del Golfo per condurre la criminale guerra nello Yemen in aperta violazione del diritto internazionale.

Chissà se nel discorso di commiato che Barack Obama si appresta a fare alla nazione americana, racconterà anche di questo suo merito: il Presidente che avrebbe dovuto proiettare il mondo verso una nuova era di pace e distensione internazionale è stato il maggior esportatore di armi (e guerre) nella storia americana.




Nuvole
Creazione Cascioli Rwanda Madonna della Ghiara Papa Bergoglio Valeria Fedeli imparare la Lis Papa Benedetto XVI Morte PENSIERI VOCE ALTA Difendiamo i nostri figli teoria Risurrezione dei morti Guido Villa GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Pence supplica IMU pro-life italiano Scopelli Gesù sacramentato peronismo nazionalcattolico Babele I 4 Novissimi riforma della curia FB Misericordia et misera luterani Israele indagato Sala Lourdes gelo il sacro tugurio Wilders Lo Straniero Socci anima vittima Robert Spaemann Agnello di Dio Vittorio Agnoletto Santiago del Estero modernismo Don Minutella Card. Sarah rissa vaticana seminari Crisi del Dogma commissariamento Ordine di Malta Padre Pio Purgatorio Palmaro satanismo modernisti streghe droga Parlamento Unità dei cristiani Raul Castro effetto Paglia Amoris Laetitia Volto Santo nuovo cristianesimo cinwue Dubia rifugiati Germain Grisex Pensieri a voce alta scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Cuba Insediamento Trump infallibilità Amoris Laetitia Musica Sacra ecografia prenatale interviste Jean-François Lavére la verità su Aleppo Benedetto XVI religiosa valanga Amoris Convegno valtortiano 2016 articoli vari Basta Bugie il mercante d'armi Toscana consumismo diritti omosessualità battesimo Conferenze valtortiane Johm Verginità di Maria gender Papa Francesco Convegno Valtorta Islam moderato Buon Natale Madonna populismo latinoamericano Valtorta fastfood Bernadette proselitismo fedeltà medaglia miracolosa demonologia Strage di Viareggio pensieri a voce alta Kosovo tsunami domanda Schneider Amoris laetitia Avvenire promesse serate valtortiane condanna Catechismo Maggiore di S. Pio X sofferenza dei bambini Fumagalli morte dei bambini Maria La necessità della... Resistenza terremotati OMELIE Laetitia avvelenamento di massa assassinio Mistica Maria Valtorta l'antilingua Obama Giudizio Particolare obiezione di coscienza tragedia a Uyo Porta Santa Pontefice 25 novembre 2016 Radio Maria Beata Giovanna Scopelli fare chiarezza Lund Francia Basta Bugie eresia ariana vescovo Robert W. McElroy Presepe Gesù Salvatore dubia Non praevalebunt! Consacrazione Beatitudini No LEZIONI SPIRITUALI Ordine di Malta Melloni Russia odio Lutero Sander Magister Inferno Claudio Pierantoni profughi Argentina Sindone Costituzione eretico Maria Valtorta comunismo disorientamento pastorale Concistoro AVVISO IMPORTANTE Bukavu CONFERENZE E SANTE MESSE tradizionalisti limbo Ratzinger Referendum lettera dei quattro Cardinali Twitter Concilio padre Lombardi ibernazione profezia omosessuali Lefebvre Suor Lucia di Fatima Family Day assolvere il peccato di aborto Card. Brandmuller Cattedrale di Reggio Emilia Pontificato Bergoglio filatelica bufale convivenza miracoli Mary Wagner Card. Biffi articolo 138 sbarackato Obama consustanziazione Lezioni spirituali ex-cathedra Fraternità San Pio X P. Giovanni Cavalcoli cappella agli islamici Storia sociale della Chiesa Omelie pro gender Incontro 80 sindaci da tutto il mondo correzione formale lotta contro l'aborto bellezza Fidel Castro comunicazione non ostile Caritas LGBT Eye Pyramid Frezza Isis leucemia flat tax Satana teologia del processo e del divenire cremazione Camicia della Madonna Gedeone il reato di intralcio all'aborto Italia Spadaro in ricordo del viaggio in Italia traumi Blondet Newman Medaglia miracolosa Quo Vadis? Rom confessione DUBIA Renzi Transustanziazione j'accuse peccato originale incendio Card. Burke globalizzazione economia articolo su Maria Valtorta liturgia antica castigo di Dio il cornoletame guarigioni Re Magi La Samaritana antimassoneria referendum Fedeli Dott.ssa Elisabetta Frezza furto di ostie Apocalisse protestanti Gerusalemme Renxit leggere Neo Modernismo Buon Pastore Limbo Świebodzin Giappone Gandolfini fondazione Maria Valtorta comunione a divorziati risposati Pensieri a Voce Alta elezioni Trump monachesimo silenzio della S. Sede Giubileo della Misericordia strafalcioni aborto peccato gravissimo Dogma Preti sposati infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Ministra dell'Istruzione strage di Berlino doveri lingue di vermi Brexit Clinton Fillon Stephen Austin Dubia Cina Immacolata Concezione Benedetta Frigerio L'Evangelo come mi è stato rivelato Gomez Davila riconteggio Expo crollo del tetto di una chiesa Atti di riparazione Papa sesto dubia feto 80 anni intervista integrale al Card. Burke Tosatti Politi assenza di Dio Google anno giubilare cattolici statunitensi a Trump Pietro fenomeni Don Zucchini dimissioni congelate John Major rivoluzione religiosa La sconfitta di Renzi genocidio Bergoglio Cattedrale di Pristina Commiato all'Opera Boff Beato Mayr-Nusser sisma Roberto De Mattei San GIuseppe Scalfari Santo Sepolcro verginità della Vergine Intervista Benedettini Natale carmelitana Kasper apologetica Guido Landolina creazionismo morte di Fidel Castro video Stephen Vaticano Italicum pro-life sale eresie raccolta firme x chiedere dimissioni la Beppina la Colonna dell'Immacolata Gender terremoti Cristo Re lezioni spirituali varie Carlo Acutis Medjugorje Giovanni Paolo II Polonia prostituzione Mama Antula Giuda Umberto Benigni Aleppo luce intervista a Burke SOSPESO A DIVINIS darwinismo S. Antonio Abate Fatima scisma Cardinali aborto Apparizione a Lourdes messainlatino Theologica Quaresima mons. Fellay Finnis Card. Raymond Burke Mattarella misericordia febbre spirituale Misericordia eutanasia Giobbe Mistica viareggina Don Ariel S. Levi di Gualdo treni a vento arrogante Santa Veronica Giuliani Giornata della pace Lezioni spirituali p. Enzo riforma sincretismo assistenza umanitaria settimana di preghiera evoluzionismo perdono Fedeli. otto errori. Aldo Maria Valli Marchino alluvioni CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Redenzione sogno antidarwinismo Don Ariel dittatore comunione ai divorziati risposati Paradiso massoneria Don Giuseppe Berardino
Torna ai contenuti | Torna al menu