Porta Santa - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Una ‘guerra civile’ in atto nella Chiesa?

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Radio Spada ·
Tags: PolitiPapa FrancescoPorta SantaDubiaAmoris Laetitia
Nuovo articolo su Radio Spada



by jeannedarc
Non possiamo - ovviamente - condividere l'impostazione che Marco Politi adotta in questo articolo e che è riflessa, in maniera neppure implicita, in alcuni passaggi, ma proponiamo ai nostri lettori questo scritto per il sicuro grande interesse delle analisi che contiene e su cui tutti sono invitati alla riflessione. [RS]
di: Marco Politi

Papa Francesco ha chiuso la Porta Santa, ma il suo messaggio è accompagnato dal brontolio di una crisi sotterranea. Una guerra civile è in corso nella Chiesa. Uno scontro che tocca l’autorità del pontefice e il suo programma riformatore. Sono in gioco visioni opposte sul ruolo della Chiesa, il “peccato”, la salvezza delle anime. E come in tutte le guerre civili il conflitto non contempla compromessi.

Quattro cardinali hanno scelto questi giorni per mettere direttamente sotto accusa la teologia di Francesco e il suo documento postsinodale Amoris Laetitia (che apre la strada alla comunione dei divorziati risposati). I porporati imputano a Bergoglio di avere seminato tra i fedeli “incertezza, confusione e smarrimento” e chiedono di “fare chiarezza” sul documento. Alla lettera sono allegati, nello stile delle contestazioni teologiche, i cosiddetti Dubia: cioè “domande su questioni controverse”. Con un gesto, che ha il sapore di una sfida, la lettera è stata inviata “per conoscenza” anche al guardiano ufficiale dell’ortodossia, il cardinale Gerhard Mueller, prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede.

E’ un evento assolutamente inedito nella storia moderna del papato. E la prima cosa che colpisce è il silenzio imbarazzato delle alte gerarchie ecclesiastiche. Non un cardinale ha controbattuto pubblicamente le loro tesi, non un presidente di conferenza episcopale, non il dirigente di qualche grande associazione cattolica. E dire che, prendendo di petto il ruolo della coscienza, di cui parla Francesco, i quattro porporati affermano che in tal caso si rischia di arrivare al punto in cui diventano ipotizzabili “casi adulterio virtuoso, omicidio legale e spergiuro obbligatorio”.
Due dei porporati sono esponenti di Curia: il tedesco Walter Brandmueller, già presidente del pontificio Comitato di scienze storiche, e l’americano Raymond L. Burke, già presidente del tribunale della Segnatura apostolica. E due sono arcivescovi emeriti di grandi diocesi: Carlo Caffarra, caro a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI e fino al 2015 alla guida di Bologna, e Joachim Meisner, un intimo di papa Ratzinger, fino al 2014 a capo della diocesi di Colonia.

Liquidare la loro lettera – a cui Francesco ha risposto indirettamente in un’intervista ad Avvenire , denunciando un “certo legalismo che può essere ideologico” – come il sussulto di quattro “ultraconservatori” significa non comprendere lo scontro sotterraneo, che si è andato sviluppando nella Chiesa cattolica nell’ultimo biennio. I quattro sono la punta di un iceberg, che si va allargando e diffondendo. Parlano anche per molti che non si espongono.

Per anni i media non hanno compreso la profondità del movimento anti-Obama, che ha portato l’8 novembre alla sconfitta della sua politica. Oggi rischiano di ripetere lo stesso errore con Francesco. Abbacinati dal suo carisma e dal consenso planetario di cui gode anche tra agnostici e non credenti, molti rimuovono la sistematica escalation di quanti tra il clero, gli episcopati, il collegio cardinalizio contestano la teologia di misericordia del pontefice.
Tra i due Sinodi c’è stato uno spostamento di accento fondamentale. Se nei passati decenni, nello scontro tra riformatori e conservatori, il pontefice rimaneva “arbitro” per la maggioranza della gerarchia ecclesiastica, oggi, invece, il Papa è diventato parte in causa. Basta leggere l’ultima intervista del cardinale Burke: l’Amoris Laetitia, afferma, “non è Magistero perché contiene serie ambiguità che confondono i fedeli e li possono indurre all’errore e al peccato grave. Un documento che presenti questi difetti non può far parte dell’insegnamento perenne della Chiesa”.

In due anni c’è stato un crescendo di azioni di dissenso. Prima del Sinodo 2014 cinque cardinali scrissero un libro in difesa della dottrina tradizionale del matrimonio. Poi intervennero con un altro libro 11 porporati di ogni parte del mondo, fra cui personalità importanti, riconosciute tra il clero e l’episcopato. Intanto quasi 800mila cattolici, fra cui 100 vescovi, firmavano una petizione al Papa per bloccare le innovazioni. A Sinodo 2015 iniziato, 13 cardinali scrissero a Bergoglio mettendo in questione la regolarità della direzione dell’assemblea.

Un movimento sistematico di contestazione a cui il fronte riformatore ha opposto solo timidezza. E infatti – benché molti vogliano dimenticarlo – nelle votazioni al Sinodo sulla Famiglia del 2015 sono state rigettate le tesi di una via penitenziale, che riconoscesse apertamente la possibilità della comunione ai divorziati risposati. La maggioranzatradizionalista [termine naturalmente improprio, ndr] di questo parlamento mondiale dei vescovi ha detto “no”. Nel frattempo è sorta una rete di cardinali, vescovi, preti, teologi e laici impegnati, firmatari di una “Dichiarazione di fedeltà al magistero immutabile della Chiesa sul matrimonio”. Successivamente 45 teologi hanno scritto (in forma anonima) al collegio cardinalizio, insinuando che certe interpretazioni di Amoris Laetitia potrebbero essere “eretiche”.

Il movimento anti-Bergoglio lavora sul tempo. Negli Stati Uniti l’escalation sottovalutata contro Obama ha portato alla sconfitta dei Democratici. Nella Chiesa cattolica la posta in gioco è il futuro conclave. Oggi lo storico della Chiesa Alberto Melloni parla di “isolamento” del pontefice. E Andrea Riccardi, storico anche lui, spiega che mai nel Novecento un pontefice ha trovato tanta opposizione tra gli episcopati e il clero.

Nella guerra civile in corso nella Chiesa l’obiettivo è il dopo-Francesco: non dovrà arrivare sul trono papale un uomo che porti a sviluppo le riforme iniziate.



Articoli recenti
Nuvole
Creazione Expo modernismo Incontro 80 sindaci da tutto il mondo LGBT Fedeli. luterani Clinton il mercante d'armi Trump morte di Fidel Castro Giuda fare chiarezza Scopelli Newman Frezza genocidio consumismo eresia ariana rivoluzione religiosa convivenza Atti di riparazione Card. Sarah Gomez Davila omosessualità Valeria Fedeli Roberto De Mattei proselitismo eresie interviste supplica No sincretismo fastfood Papa Bergoglio varie Umberto Benigni Conferenze valtortiane Insediamento Trump Pensieri misericordia Mistica viareggina dittatore serate valtortiane Palmaro Quo Vadis? Maria Valtorta Lund treni a vento Papa consustanziazione Card. Burke rissa vaticana Aldo Maria Valli Difendiamo i nostri figli nuovo cristianesimo miracoli domanda Laetitia ecografia prenatale Quaresima rifugiati referendum assolvere il peccato di aborto droga Santa Veronica Giuliani leggere Pontefice incendio Referendum Don Ariel satanismo Gerusalemme vescovo Robert W. McElroy PENSUERI A VOCE BASSA Cina FB Blondet Radio Maria commissariamento Ordine di Malta anima vittima Polonia terremoti gender la verità su Aleppo massoneria Convegno Valtorta sbarackato Obama Limbo Dogma Mary Wagner articolo 138 Israele Giubileo della Misericordia lingue di vermi Transustanziazione antimassoneria aborto peccato gravissimo Basta Bugie morte dei bambini Boff Sander Magister Politi Lourdes battesimo Francia San GIuseppe Twitter fondazione Maria Valtorta disorientamento pastorale Bukavu sogno tragedia a Uyo Giappone Strage di Viareggio Cardinali populismo latinoamericano Pensieri a voce alta alta! Vittorio Agnoletto fedeltà Socci Guido Villa assenza di Dio feto settimana di preghiera intervista integrale al Card. Burke eutanasia dubia Apparizione a Lourdes comunicazione non ostile valanga Valtorta bellezza Cattedrale di Pristina CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Mama Antula profughi Morte Vaticano Padre Pio IMU lettera dei quattro Cardinali Tosatti antidarwinismo Finnis anno giubilare padre Lombardi liturgia antica Card. Biffi intervista a Burke Giornata della pace cremazione terremotati la Beppina creazionismo peccato originale 80 anni I 4 Novissimi il reato di intralcio all'aborto Satana Concilio Storia sociale della Chiesa cinwue Dubia Buon Natale Eye Pyramid Rwanda carmelitana seminari avvelenamento di massa doveri Lo Straniero Mattarella perdono traumi DUBIA Santo Sepolcro Musica Sacra condanna video Stephen Risurrezione dei morti scisma obiezione di coscienza tradizionalisti Presepe pillole) riconteggio j'accuse globalizzazione Suor Lucia di Fatima assistenza umanitaria Concistoro Natale strage di Berlino Pensieri a Voce Bassa pro gender confessione il cornoletame P. Giovanni Cavalcoli Cascioli pro-life furto di ostie l'antilingua fenomeni Benedetto XVI Robert Spaemann lotta contro l'aborto Islam moderato castigo di Dio La Croce di S. Benedetto peronismo nazionalcattolico Beata Giovanna Scopelli CONFERENZE E SANTE MESSE darwinismo Renxit Fillon Johm eretico Consacrazione Spadaro Theologica modernisti limbo AVVISO IMPORTANTE Rom monachesimo riforma Giovanni Paolo II Kosovo Fedeli Dott.ssa Elisabetta Frezza John Major Argentina articolo su Maria Valtorta Parlamento Isis Crisi del Dogma economia Scalfari Germain Grisex profezia Family Day Medjugorje Pensieri a voce alta (in pillole) Unità dei cristiani Pence Pontificato Bergoglio Giudizio Particolare Verginità di Maria crollo del tetto di una chiesa Re Magi assassinio Claudio Pierantoni Amoris Laetitia indagato Sala Porta Santa Santiago del Estero Fraternità San Pio X PENSIERI VOCE ALTA apologetica Aleppo La necessità della... Resistenza Volto Santo Stephen Austin Pensieri a voce alta (in pillole) teoria bufale Raul Castro il sacro tugurio Non praevalebunt! Fatima Don Zucchini mons. Fellay Medaglia miracolosa Madonna della Ghiara cattolici statunitensi a Trump Neo Modernismo demonologia promesse Misericordia et misera flat tax Jean-François Lavére streghe alluvioni 25 novembre 2016 Don Ariel S. Levi di Gualdo Melloni comunione a divorziati risposati infallibilità Benedetta Frigerio GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Lefebvre verginità della Vergine Ministra dell'Istruzione effetto Paglia la Colonna dell'Immacolata Bernadette silenzio della S. Sede Dubia L'Evangelo come mi è stato rivelato strafalcioni Marchino Fumagalli Gandolfini Ratzinger filatelica diritti Kasper Amoris comunione ai divorziati risposati Purgatorio Giobbe Italicum pensieri a voce alta medaglia miracolosa Amoris laetitia aborto evoluzionismo Sindone (in febbre spirituale Madonna Pillole protestanti Apocalisse otto errori. omosessuali guarigioni voce elezioni Gender Russia Avvenire cappella agli islamici Omelie Ordine di Malta Commiato all'Opera S. Antonio Abate ex-cathedra La sconfitta di Renzi Intervista Benedettini religiosa Bergoglio Cuba odio ibernazione Card. Raymond Burke raccolta firme x chiedere dimissioni Cattedrale di Reggio Emilia Gesù sacramentato Cristo Re Pietro Beato Mayr-Nusser sofferenza dei bambini Guido Landolina Paradiso Convegno valtortiano 2016 Maria a Obama Pensieri a voce bassa gelo articoli vari Basta Bugie Google Świebodzin Camicia della Madonna tsunami comunismo Don Giuseppe Berardino leucemia teologia del processo e del divenire imparare la Lis messainlatino Schneider Toscana Papa Benedetto XVI Costituzione Caritas Brexit Don Minutella Lutero Immacolata Concezione Italia sesto dubia Gedeone Redenzione Amoris Laetitia Inferno sisma Fidel Castro Papa Francesco PENSIERI A VOCE ALTA Card. Brandmuller Pensieri a Voce Alta Wilders prostituzione infallibilità e indeffettibilità della Chiesa in ricordo del viaggio in Italia arrogante Pensiero a voce bassa 1002 Renzi riforma della curia Mistica Maria Valtorta Preti sposati pro-life italiano Carlo Acutis correzione formale dimissioni congelate scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Catechismo Maggiore di S. Pio X SOSPESO A DIVINIS
Torna ai contenuti | Torna al menu