Re Magi - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> La vera storia dei Re Magi... alla luce delle rivelazioni a Maria Valtorta

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Dedicato a Maria Valtorta ·
Tags: Re Magi
http://mariavaltortanelcuore.altervista.org/epifania-del-signore-solennita-matteo-21-12/


Maria Valtorta: “L'Evangelo come mi è stato rivelato. “ – 34 (Poema: I,56), ed. CEV.  
L’Adorazione dei Magi. È “vangelo della fede”.



Giuseppe e Maria sono rimasti a Betlemme per dare a Gesù la possibilità di crescere nella città di Davide, suo padre, come richiesto da Zaccaria e come a lui  promesso.
Una decina di mesi sono ormai trascorsi dalla Sua nascita ed una notte arrivano a Betlemme i tre Savi d’oriente.

28 febbraio 1944.

[1]Vedo Betlemme piccola e bianca, raccolta come una chiocciata sotto al lume delle stelle. Due vie principali la tagliano a croce, l’una venendo da oltre il paese, ed è la via maestra che poi prosegue oltre il paese, l’altra andando da un’estremità all’altra dello stesso, ma non oltre. Altre viuzze lo segmentano, questo piccolo paese, senza la più piccola norma di piano stradale come noi lo concepiamo, ma anzi adattandosi al suolo che è a dislivelli ed alle case sorte qua e là, secondo i capricci del suolo e del loro costruttore. Volte quali a destra e quali a manca, chi messa per spigolo, rispetto alla via che le costeggia, obbligano questa ad essere come un nastro che si sgomitola sinuosamente e non un rettilineo che va da qua a là senza deviare. Ogni tanto una piazzetta, sia per un mercato, sia per una fontana, sia perché, costruito qui e là senza regola, è rimasto uno scampolo di suolo sghimbescio su cui non è possibile costruire più nulla.

Nel punto dove mi pare di sostare particolarmente è proprio una di queste piazzette irregolari. Dovrebbe essere quadrata o quanto meno rettangolare. Invece è venuta un trapezio tanto strano da parere un triangolo acuto smusso nel ver­tice. Nel lato più lungo – la base del triangolo – vi è un fabbricato largo e basso. Il più largo del paese. Di fuori è un muraglione liscio e nudo, sul quale si aprono appena due portoni, ora ben serrati. Dentro invece, nel suo largo quadrato, si aprono molte finestre al primo piano, mentre sotto vi sono porticati che cingono cortili sparsi di paglia e detriti, con delle vasche per abbeverare cavalli e altri animali. Alle rustiche colonne dei portici sono anelli per tenere legate le bestie, e su un lato vi è una vasta tettoia per ricoverare mandre e cavalcature. Comprendo che è l’albergo di Betlemme.

Sugli altri due lati uguali sono case e casette, quali precedute e quali no da un poco d’orto, perché fra esse vi è quella che è con la facciata sulla piazza, e quella col retro della casa sulla piazza. Sull’altro lato più stretto, fronteggiante il caravanserraglio, un’unica casetta dalla scaletta esterna che entra a metà facciata nelle camere del piano abitato. Sono tutte chiuse perché è notte. Non vi è nessuno per le vie, data l’ora.

Vedo aumentare la luce notturna piovente dal cielo pieno di stelle, così belle nel cielo orientale, così vive e grandi che paiono vicine e che sia facile raggiungerle e toccare quei fiori splendenti nel velluto del firmamento.

Alzo lo sguardo per comprendere la fonte di questo aumento di luce. Una stella, di insolita grandezza che la fa parere una piccola luna, si avanza nel cielo di Betlemme. E le altre paiono eclissarsi e farle largo come ancelle al passare della regina, tanto il suo splendore le soverchia e annulla. Dal globo, che pare un enorme zaffiro pallido, acceso internamente da un sole, parte una scia nella quale, al predominante colore dello zaffiro chiaro, si fondono i biondi dei topazi, i verdi degli smeraldi, gli opalescenti degli opali, i sanguigni bagliori dei rubini e i dolci scintillii delle ametiste. Tutte le pietre preziose della terra sono in quella scia, che spazza il cielo con un moto veloce e ondulante come fosse viva. Ma il colore che predomina è quello piovente dal globo della stella: il paradisiaco colore di pallido zaffiro che scende a fare di argento azzurro le case, le vie, il suolo di Betlemme, culla del Salvatore. Non è più la povera città, per noi meno di un paese rurale. È una fantastica città di fiaba in cui tutto è d’argento. E l’acqua delle fonti e delle vasche è di liquido diamante.

Con un più vivo raggiare di splendori la stella si ferma sulla piccola casa che è sul lato più stretto della piazzetta. Né i suoi abitanti, né i betlemmiti la vedono, perché dormono nelle chiuse case, ma essa accelera i suoi palpiti di luce, e la sua coda vibra e ondeggia più forte tracciando quasi dei semicerchi nel cielo, che si accende tutto per questa rete d’astri che essa trascina, per questa rete piena di preziosi che splendono tingendo dei più vaghi colori le altre stelle, quasi a comunicare loro una parola di gioia.

La casetta è tutta bagnata da questo fuoco liquido di gemme. Il tetto della breve terrazza, la scaletta di pietra scura, la piccola porta, tutto è come un blocco di puro argento sparso di polvere di diamanti e perle. Nessuna reggia della terra ha mai avuto od avrà una scala simile a questa, fatta per ricevere il passo degli angeli, fatta per esser usata dalla Madre che è Madre di Dio. I suoi piccoli piedi di Vergine Immacolata possono posarsi su quel candido splendore, i suoi piccoli piedi destinati a posarsi sui gradini del trono di Dio. Ma la Vergine non sa. Essa veglia presso la cuna del Figlio e prega. Nell’anima ha splendori che superano gli splendori di cui la stella decora le cose.

Dalla via maestra si avanza una cavalcata. Cavalli bardati ed altri condotti a mano, dromedari e cammelli cavalcati o portanti il loro carico. Il suono degli zoccoli fa un rumore di acqua che frusci e schiaffeggi le pietre di un torrente. Giunti sulla piazza, tutti si fermano. La cavalcata, sotto il raggio della stella, è fantastica di splendore. I finimenti delle ricchissime cavalcature, gli abiti dei loro cavalcatori, i volti, i bagagli, tutto splende unendo e ravvivando il suo splendore di metallo, di cuoio, di seta, di gemma, di pelame, al brillio stellare. E gli occhi raggiano e ridono le bocche, perché un altro splendore si è acceso nei cuori, quello di una gioia soprannaturale.

Mentre i servi si avviano verso il caravanserraglio con gli animali, tre della carovana smontano dalle rispettive cavalcature, che un servo subito conduce altrove, e a piedi vanno verso la casa. E si prostrano, fronte a terra, a baciare la polvere. Sono tre potenti. Lo dicono le vesti ricchissime. Uno, di pelle molto scura, sceso da un cammello, si avvolge tutto in uno sciamma di candida seta splendente, stretto alla fronte ed alla vita da un cerchio prezioso, da cui pende un pugnale o una spada dall’elsa tempestata di gemme. Gli altri, scesi da due splendidi cavalli, sono vestiti l’uno di una stoffa rigata, bellissima, in cui predomina il color giallo, fatto quest’abito come un lungo domino ornato di cappuccio e di cordone, che paiono un sol lavoro di filigrana d’oro tanto sono trapunti di ricami in oro. Il terzo ha una camicia setosa, che sbuffa da larghe e lunghe brache strette al piede, e si avvolge in uno scialle finissimo, che pare un giardino fiorito tanto sono vivi i fiori che lo decorano tutto. In testa ha un turbante trattenuto da una catenella tutta a castoni di diamanti.

Dopo avere venerato la casa dove è il Salvatore si rialzano e vanno al caravanserraglio, dove i servi hanno bussato e fatto aprire.
E qui cessa la visione. Che riprende, tre ore dopo, con la scena dell’adorazione dei Magi a Gesù.

È giorno, ora. Un bel sole splende nel cielo pomeridiano. Un servo dei tre traversa la piazza e sale la scaletta della piccola casa. Entra. Esce. Torna all’albergo.
Escono i tre Savi, seguiti ognuno dal proprio servo. Traversano la piazza. I rari passanti si volgono a guardare i pomposi personaggi che passano molto lentamente, con solennità. Fra l’entrata del servo e quella dei tre è passato un buon quarto d’ora, che ha dato modo agli abitanti della casetta di prepararsi a ricevere gli ospiti.

Questi sono ancor più riccamente vestiti della sera avanti. Le sete splendono, le gemme brillano, un gran pennacchio di penne preziose, sparse di scaglie ancor più preziose, tremola e sfavilla sul capo di colui che ha il turbante.
I servi portano l’uno un cofano tutto intarsiato, le cui rinforzature metalliche sono in oro bulinato; il secondo un lavoratissimo calice, coperto da un ancor più lavorato coperchio tutto d’oro; il terzo una specie di anfora larga e bassa, pure in oro, e tappata da una chiusura fatta a piramide, che al vertice porta un brillante. Devono essere pesanti, perché i servi li portano con fatica, specie quello del cofano.
I tre montano la scala ed entrano. Entrano in una stanza che va dalla strada al dietro della casa. Si vede l’orticello posteriore da una finestra aperta al sole. Delle porte si aprono nelle due altre pareti, e da queste sbirciano coloro che sono i proprietari: un uomo, una donna e tre o quattro fra giovinetti e bimbi.

Maria è seduta col Bambino in grembo ed ha vicino Giuseppe in piedi. Però si alza Ella pure e si inchina quando vede entrare i tre Magi. È tutta vestita di bianco. Così bella nella sua semplice veste candida che la copre dalla radice del collo ai piedi, dalle spalle ai polsi sottili, così bella nella testina coronata di trecce bionde, nel viso che l’emozione fa più vivamente roseo, negli occhi che sorridono con dolcezza, nella bocca che s’apre al saluto: «Dio sia con voi », che i tre si arrestano un istante colpiti. Poi procedono e le si prostrano ai piedi. E la pregano di sedere. Essi no, non siedono, per quanto Ella li preghi di farlo. Essi restano in ginocchio, rilassati sui calcagni. Dietro a loro, pure in ginocchio, sono i tre servi. Essi sono subito dopo il limitare. Hanno posato davanti a loro i tre oggetti che portavano, e attendono.

I tre Savi contemplano il Bambino, che mi pare possa avere dai nove mesi ad un anno[2], tanto è vispo e robusto. Egli sta seduto in grembo alla Mamma, e sorride e cinguetta con una vocina di uccellino. È vestito tutto di bianco come la Mamma , con sandaletti ai piedini minuscoli. Una vestina molto semplice: una tunichella da cui escono i bei piedini irrequieti, le manine grassottelle che vorrebbero afferrare tutto, e soprattutto la bellissima faccina nella quale splendono gli occhi azzurro cupi, e la bocca fa le fossette ai lati ridendo e scoprendo i primi dentini minuti. I ricciolini sembrano una polvere d’oro tanto sono splendenti e vaporosi.

Il più vecchio dei Savi parla per tutti. Spiega a Maria che essi hanno visto, una notte del passato dicembre, accendersi una nuova stella nel cielo, di inusitato splendore. Mai le carte del cielo avevano portato quell’astro e parlato di esso. Il suo nome non era conosciuto, perché essa non aveva nome. Nata allora dal seno di Dio, essa era fiorita per dire agli uomini una verità benedetta, un segreto di Dio. Ma gli uomini non le avevano fatto caso, perché avevano l’anima confitta nel fango. Non alzavano lo sguardo a Dio e non sapevano leggere le parole che Egli traccia, ne sia in eterno benedetto, con astri di fuoco sulla volta dei cieli.

Essi l’avevano vista e si erano sforzati a capirne la voce. Perdendo contenti il poco sonno che concedevano alle loro membra, dimenticando il cibo, s’erano sprofondati nello studio dello zodiaco. E le congiunzioni degli astri, il tempo, la stagione, il calcolo delle ore passate e delle combinazioni astronomiche avevano a loro detto il nome e il segreto della stella. Il suo nome: «Messia». Il suo segreto: «Essere il Messia venuto al mondo». E si erano partiti per adorarlo.Ognuno all’insaputa dell’altro. Per monti e deserti, per valli e fiumi, viaggiando la notte, erano venuti verso la Palestina , perché la stella andava in tal senso. Per ognuno, da tre punti diversi della terra, andava in tal senso. E si erano trovati poi oltre il Mar Morto. Il volere di Dio li aveva riuniti là, ed insieme avevano proceduto, intendendosi, nonostante ognuno parlasse la sua lingua, e intendendo e potendo parlare la lingua del Paese per un miracolo dell’Eterno.

E insieme erano andati a Gerusalemme, poiché il Messia doveva essere il Re di Gerusalemme, il Re dei giudei. Ma la stella si era celata, sul cielo di quella città, ed essi avevano sentito frangersi di dolore il loro cuore e si erano esaminati per sapere se avevano demeritato di Dio. Ma avendoli rassicurati la coscienza, si erano rivolti a re Erode per chiedergli in quale reggia era il nato Re dei giudei che essi erano venuti ad adorare. E il re, convocati i principi dei sacerdoti e gli scribi, aveva chiesto dove poteva nascere il Messia. Ed essi avevano risposto: «A Betlemme di Giuda ».

Ed essi erano venuti verso Betlemme e la stella era riapparsa ai loro occhi, lasciata la Città santa, e la sera avanti aveva aumentato gli splendori – il cielo era tutto un incendio – e poi si era fermata, adunando tutta la luce delle altre stelle nel suo raggio, sopra questa casa. Ed essi avevano compreso esser lì il Nato divino. Ed ora lo adoravano, offrendo i loro poveri doni e più che altro offrendo il loro cuore, che mai avrebbe cessato di benedire Iddio della grazia concessa e di amare il suo Nato, di cui vedevano la santa Umanità. Dopo sarebbero tornati a riferire al re Erode, perché egli desiderava adorarlo esso pure.

«Ecco intanto l’oro come a re si conviene possedere, ecco l’incenso come a Dio si conviene, ed ecco, o Madre, ecco la mirra, poiché il tuo Nato è Uomo oltre che Dio, e della carne e della vita umana conoscerà l’amarezza e la legge inevitabile del morire. Il nostro amore vorrebbe non dirle, queste parole, e pensarlo eterno anche con la carne come eterno è lo Spirito suo. Ma, o Donna, se le nostre carte, e più le nostre anime, non errano, Egli è, il Figlio tuo, il Salvatore, il Cristo di Dio, e perciò dovrà, per salvare la terra, levare su Sé il male della terra, di cui uno dei castighi è la morte. Questa resina è per quell’ora. Perché le carni, che son sante, non conoscano putredine di corruzione e conservino integrità sino alla loro risurrezione. E per questo nostro dono Egli di noi si ricordi, e salvi i suoi servi dando loro il suo Regno».

Per intanto, per esserne santificati, Ella, la Madre , dia il suo Pargolo «al nostro amore. Che baciando i suoi piedi scenda in noi benedizione celeste».

Maria, che ha superato lo sgomento suscitato dalle parole del Sapiente e ha celato la tristezza della funebre evocazione sotto un sorriso, offre il Bambino. Lo pone sulle braccia del più vecchio, che lo bacia e ne è accarezzato, poi lo passa agli altri due.

Gesù sorride e scherza colle catenelle e le frange dei tre, e guarda curiosamente lo scrigno aperto pieno di una cosa gialla che luccica, e ride vedendo che il sole fa un arcobaleno battendo sul brillante del coperchio della mirra.

Poi i tre rendono a Maria il Bambino e si alzano. Si alza anche Maria. Si inchinano a vicenda, dopo che il più giovane ha dato un ordine al servo, che esce. I tre parlano ancora un poco. Non sanno decidersi a staccarsi da quella casa. Lacrime di emozione sono negli occhi. Infine si dirigono all’uscita, accompagnati da Maria e Giuseppe.

Il Bambino ha voluto scendere e dare la manina al più vecchio dei tre, e cammina così, tenuto per mano da Maria e dal Savio, che si curvano per tenerlo per mano. Gesù ha il passetto ancora incerto dell’infante e ride picchiando i piedini sulla striscia che il sole fa sul pavimento.

Giunti alla soglia – non si deve dimenticare che la stanza era lunga quanto la casa – i tre si accomiatano inginocchiandosi ancora una volta e baciando i piedini di Gesù. Maria, curva sul Piccino, gli prende la manina e la guida, facendole fare un gesto di benedizione sul capo di ogni singolo Mago. È già un seguo di croce tracciato dalle ditine di Gesù, guidate da Maria.

Poi i tre scendono la scala. La carovana è già li pronta che attende. Le borchie dei cavalli splendono al sole del tramonto. La gente si è affollata sulla piazzetta a vedere l’insolito spettacolo.

Gesù ride battendo le manine. La Mamma lo ha sollevato e appoggiato al largo parapetto che limita il pianerottolo e lo tiene con un braccio contro il suo petto perché non caschi. Giuseppe è sceso con i tre e regge ad ognuno la staffa mentre salgono sui cavalli e sul cammello.

Ora servi e padroni sono tutti a cavallo. L’ordine di marcia viene dato. I tre si curvano fin sul collo della cavalcatura in un ultimo saluto. Giuseppe si inchina, Maria pure e torna a guidare la manina di Gesù in un gesto di addio e di benedizione.

[1] Maria Valtorta – L'Evangelo come mi è stato rivelato – Vol. 1 – 34.1-18 – ed. CEV.
[2] In considerazione del fatto che gli abiti dei tre Savi sono di seta, è possibile pensare che si sia in autunno. Anche perché in Palestina il clima è ancora caldo. Lo stesso fatto che Gesù indossi una tunichella e dei sandaletti fa intuire che non sia freddo. D'altronde il Bambino è già in grado di muovere i primi passi tenuto per mano e quindi è possibile che abbia fra i 10 e gli 11 mesi. A conferma del fatto che l'anno non lo aveva ancora compiuto, abbiamo poi una visione dove Maria Ss. ci informa che il Suo primo genetliaco Gesù lo fece in Egitto e precisamente nel paese di Matarea. Cfr. Maria Valtorta, L'Evangelo come mi è stato rivelato – Vol. 1 – 133 – ed. CEV.
"…Ma fossi anche la più grande regina della Terra e potessi accendere mille e diecimila lumi, sarei al buio perché Tu non sei qui. Mentre ero nella perfetta luce, in quella scura grotta quando ti ebbi sul cuore, mia Luce e Luce del mondo. Sarà la prima volta che io mi dico: ‘Il mio Bambino oggi ha un anno di più’ e non ho il mio Bambino. E sarà più triste del tuo primo genetliaco in Matarea. Ma Tu fai la tua missione ed io la mia. …"



Articoli recenti
Nuvole
Insediamento Trump Apparizione a Lourdes Papa Francesco treni a vento Preti sposati Guido Landolina Cina tradizionalisti Medaglia miracolosa pensieri a voce alta Sander Magister Renzi Papa Benedetto XVI Kosovo Umberto Benigni Schneider Transustanziazione Valtorta guarigioni Radio Maria Clinton satanismo profezia Madonna Valeria Fedeli sofferenza dei bambini Laetitia Card. Raymond Burke comunione ai divorziati risposati Lourdes comunismo traumi Dubia Trump Politi flat tax fondazione Maria Valtorta messainlatino in ricordo del viaggio in Italia Socci Mistica viareggina streghe articolo 138 Cattedrale di Pristina Don Ariel S. Levi di Gualdo Non praevalebunt! Pensieri promesse tsunami settimana di preghiera il reato di intralcio all'aborto Commiato all'Opera Palmaro cappella agli islamici PENSIERI A VOCE ALTA Fraternità San Pio X Expo commissariamento Ordine di Malta Santiago del Estero Limbo Padre Pio CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta incendio Concilio darwinismo Theologica odio Medjugorje Misericordia et misera la verità su Aleppo terremoti Family Day Robert Spaemann raccolta firme x chiedere dimissioni varie pro-life Unità dei cristiani Tosatti arrogante Buon Natale GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Russia Finnis evoluzionismo doveri La sconfitta di Renzi scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi PENSIERI VOCE ALTA antidarwinismo sesto dubia serate valtortiane Storia sociale della Chiesa Pensieri a voce bassa Mary Wagner SOSPESO A DIVINIS tragedia a Uyo Kasper apologetica proselitismo luterani Marchino medaglia miracolosa seminari Catechismo Maggiore di S. Pio X Toscana 25 novembre 2016 Crisi del Dogma rifugiati Pensieri a voce alta (in pillole) il mercante d'armi Re Magi S. Antonio Abate nuovo cristianesimo Natale Papa Giornata della pace mons. Fellay referendum fedeltà AVVISO IMPORTANTE Consacrazione Stephen Austin Basta Bugie anima vittima Benedetto XVI Papa Bergoglio comunicazione non ostile Boff Lo Straniero modernisti eresie Amoris Pensieri a voce alta riforma della curia Scopelli Giudizio Particolare disorientamento pastorale scisma massoneria sisma Card. Sarah fastfood supplica Fedeli. Mistica Maria Valtorta sale Beata Giovanna Scopelli leggere Eye Pyramid assolvere il peccato di aborto Fedeli dimissioni congelate lezioni spirituali Santa Veronica Giuliani sogno il cornoletame Pietro miracoli genocidio rissa vaticana Costituzione valanga a Gerusalemme diritti Melloni Italicum Convegno valtortiano 2016 riconteggio Risurrezione dei morti Aleppo pillole) infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Card. Burke fare chiarezza terremotati vescovo Robert W. McElroy Misericordia OMELIE Strage di Viareggio strage di Berlino Cascioli CONFERENZE E SANTE MESSE bufale infallibilità Scalfari Suor Lucia di Fatima Musica Sacra Bukavu Paradiso omelia Brexit Card. Biffi Argentina confessione Fillon Ratzinger La necessità della... Resistenza feto Mattarella comunione a divorziati risposati omosessuali crollo del tetto di una chiesa Beatitudini Gomez Davila effetto Paglia articoli vari Basta Bugie Vittorio Agnoletto Presepe filatelica Spadaro febbre spirituale LGBT Quaresima teologia del processo e del divenire Giovanni Paolo II Pensieri a voce alta (in pillole) Don Ariel Buon Pastore articolo su Maria Valtorta Morte Pence peronismo nazionalcattolico fenomeni Ordine di Malta anno giubilare liturgia antica la Beppina creazionismo Lezioni spirituali p. Enzo I 4 Novissimi Volto Santo bellezza demonologia Redenzione Germain Grisex economia carmelitana Renxit profughi gelo Pillole Islam moderato Maria La Samaritana Giubileo della Misericordia FB alluvioni Gedeone Omelia Blondet sbarackato Obama Isis video Stephen Jean-François Lavére Lezioni spirituali intervista integrale al Card. Burke intervista a Burke Quo Vadis? lingue di vermi battesimo Benedetta Frigerio Difendiamo i nostri figli La Croce di S. Benedetto cinwue Dubia furto di ostie PENSUERI A VOCE BASSA Giuda aborto Newman eutanasia Guido Villa populismo latinoamericano Pensiero a voce bassa 1002 Atti di riparazione Francia Gandolfini luce Bernadette leucemia dittatore 80 anni ecografia prenatale domanda cattolici statunitensi a Trump omosessualità Parlamento ibernazione Gesù sacramentato eresia ariana Intervista Benedettini Aldo Maria Valli perdono prostituzione alta! eretico Card. Brandmuller Santo Sepolcro Amoris laetitia Johm religiosa modernismo Don Minutella avvelenamento di massa Vaticano Obama antimassoneria assenza di Dio Amoris Laetitia gender Rom pro gender No consustanziazione Pontificato Bergoglio Neo Modernismo Don Giuseppe Berardino Bergoglio interviste Fumagalli riforma ex-cathedra Agnello di Dio Apocalisse Dogma obiezione di coscienza Incontro 80 sindaci da tutto il mondo P. Giovanni Cavalcoli DUBIA Twitter Giobbe il sacro tugurio limbo lotta contro l'aborto rivoluzione religiosa Dott.ssa Elisabetta Frezza Avvenire Wilders j'accuse IMU Fatima Sindone Pensieri a Voce Bassa Lund Gender Beato Mayr-Nusser correzione formale strafalcioni imparare la Lis Lefebvre Verginità di Maria Caritas Pensieri a Voce Alta assassinio lettera dei quattro Cardinali Świebodzin l'antilingua Fidel Castro silenzio della S. Sede Giappone Amoris Laetitia castigo di Dio Cattedrale di Reggio Emilia Frezza San GIuseppe Porta Santa (in Israele condanna Mama Antula elezioni protestanti Italia Cristo Re Google dubia morte di Fidel Castro Inferno Satana globalizzazione Carlo Acutis assistenza umanitaria Referendum Creazione Roberto De Mattei Maria Valtorta droga Don Zucchini la Colonna dell'Immacolata otto errori. convivenza Immacolata Concezione Claudio Pierantoni voce indagato Sala LEZIONI SPIRITUALI monachesimo Gesù Salvatore Cardinali Pontefice Raul Castro sincretismo consumismo Camicia della Madonna Lutero Concistoro peccato originale pro-life italiano padre Lombardi morte dei bambini misericordia Cuba Omelie cremazione Purgatorio Rwanda Ministra dell'Istruzione John Major Polonia omelie aborto peccato gravissimo L'Evangelo come mi è stato rivelato Conferenze valtortiane Madonna della Ghiara Convegno Valtorta verginità della Vergine teoria
Torna ai contenuti | Torna al menu