elezioni - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> PRIMO. Regole internazionali dicono che non si può votare per un anno dopo aver cambiato la legge elettorale. SECONDO: può essere un anno prezioso. Nei prossimi mesi si dovrà rivedere tutto (euro, che probabilmente salterà, Ue che ne seguirà le sorti e globalizzazione) e l’Italia deve decidere del suo destino. I partiti siano seri e propongano vie percorribili per il nostro Paese. Altrimenti è il baratro.

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Antonio Socci ·
Tags: elezioni


Posted: 27 Jan 2017 01:11 PM PST



Da cittadino elettore ritengo essenziale restituire quanto prima la parola agli italiani. Anche per riavere finalmente una rappresentanza parlamentare che rispecchi davvero l’orientamento politico del nostro popolo e non sia falsata da “premi di maggioranza” incostituzionali come accade oggi.

Tuttavia – al di là delle chiacchiere di Renzi – ritengo impossibile che il Pd vada in Parlamento a sfiduciare il suo stesso governo. Pagherebbe un prezzo d’immagine pesante. Inoltre abbiamo anche a che fare con delle regole.

Quella della “coerenza” fra sistema elettorale della Camera e del Senato è discutibile e di difficile decifrazione: ognuno la interpreta come più gli conviene e soprattutto è solo un argomento politico. Infatti in passato è accaduto più volte che i diversi sistemi elettorali delle due Camere abbiano dato due maggioranze diverse, da comporre poi politicamente.

Più importante mi pare un orientamento giuridico che oggi politici e media hanno totalmente dimenticato, ma che fece molto discutere qualche anno fa. Si tratta del “Codice di buona condotta elettorale” che fu messo a punto dalla European Commission for Democracy through Law (la “Commissione di Venezia” che era presieduta da Antonio La Pergola).

Si tratta di un organo consultivo del Consiglio d’Europa, ma il documento che ha elaborato sulle materie elettorali è stato giudicato rilevante dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, “consacrato” dalla risoluzione 1320 (del 2003) dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e ripresa dal Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa (2004).

NON SI PUO’

Nelle Linee guida di quel documento – fra le altre cose – si dice che non si può modificare la legge elettorale nell’anno che precede la chiamata alle urne:

La stabilità del diritto è un elemento importante per la credibilità di un processo elettorale, ed è essa stessa essenziale al consolidamento della democrazia. Infatti, se le norme cambiano spesso, l’elettore può essere disorientato e non capirle, specialmente se presentano un carattere complesso; a tal punto che potrebbe, a torto o a ragione, pensare, che il diritto elettorale sia uno strumento che coloro che esercitano il potere manovrano a proprio favore, e che il voto dell’elettore non è di conseguenza l’elemento che decide il risultato dello scrutinio”.

Poi si legge ancora:

“La necessità di garantire la stabilità, in effetti, non riguarda, tanto i principi fondamentali, la cui messa in causa formale è difficilmente immaginabile, quanto, alcune norme più precise del diritto elettorale, in particolare del sistema elettorale propriamente detto, la composizione delle commissioni elettorali e la suddivisione delle circoscrizioni. Questi tre elementi appaiono di sovente – a torto o a ragione – come determinanti per il risultato dello scrutinio, ed è opportuno evitare, non solamente le manipolazioni in favore del partito al potere, ma anche le stesse apparenze di manipolazioni. Ciò che è da evitare, non è tanto la modifica della modalità di scrutinio, poiché quest’ultimo può sempre essere migliorato; ma, la sua revisione ripetuta o che interviene poco prima dello scrutinio (meno di un anno). Anche in assenza di volontà di manipolazione, questa apparirà in tal caso come legata ad interessi congiunturali di partito”.

La sentenza della Corte Costituzionale ci presenta di fatto una nuova legge elettorale che – stando a questi principi – dovrebbe veder passare almeno un anno prima di essere applicata (tanto più se viene ulteriormente modificata dal Parlamento).
Naturalmente è tutto da discutere, ma un ricorso frettoloso alle urne potrebbe anche essere impugnato presso la Corte europea dei diritti dell’uomo che già è intervenuta nel recente passato per la Bulgaria.

UN ANNO PREZIOSO

Inoltre, considerati i vari schieramenti, si ha la sensazione che un anno di tempo potrebbe essere preziosissimo per costruire delle proposte politiche veramente serie e compiute. Cosa di cui oggi non c’è nemmeno la minima traccia.

Il dibattito nei partiti e fra i partiti infatti verte tutto su questioni secondarie. Nessun partito e nessuno schieramento ha maturato una proposta definita e impegnativa sulla vera questione di fondo che mette in gioco il destino del nostro Paese: l’euro, “questa” Unione europea e “questa” globalizzazione.

Ecco le vere questioni di fondo che – non a caso – con l’elezione di Trump negli Stati Uniti e con la Brexit, stanno ridisegnando tutto lo scenario internazionale. E’ rischiosissimo restarne fuori e non capire cosa sta accadendo.

I politici italiani, perlopiù senza visione, senza cultura e senza competenze vere, sembrano impegnati in una rissa su questioni secondarie che si svolge su una nave la quale – senza che se ne accorgano – sta portando tutti nel baratro.

SALTA LA UE

Due giorni fa non un “populista”, non un Salvini o una Meloni o un Grillo, ma l’ex governatore della Banca d’Inghilterra Mervyn King, uno che la sa lunga e infatti non ha mai sparato sulla Brexit, parlando a Milano, ha focalizzato la questione dell’euro con queste parole:

“fu prematuro voler creare la moneta unica alla fine degli anni Novanta e non tra 50 o 80 anni, e ora sta producendo costi politici e sociali enormi. Prima la disoccupazione nei vari Paesi era a livelli paragonabili, ora c’è una grande divergenza. Proprio mentre i Paesi più deboli devono deprimere la propria domanda interna per recuperare competitività internazionale. Non vedo via d’uscita facile: la comunità degli economisti tedeschi non accetterà mai il cambiamento necessario: trasferimenti permanenti dalla Germania verso i Paesi della periferia. Ma il tasso di cambio dell’euro di oggi è insostenibile: sottovalutato per la Germania, sopravvalutato per l’Italia”.

King ha poi alzato il tiro spiegando che “non siamo noi britannici a lasciare l’Unione europea, è l’Unione europea che sta lasciando noi. La Ue ormai è completamente diversa dalla comunità nella quale eravamo entrati quarant’anni fa”.
Essa infatti oggi – secondo King – è totalmente basata sull’euro e su Schengen, cioè la libera circolazione delle persone, “e da ora in poi la Ue dovrà lavorare per far funzionare questi accordi mentre aumentano sia i flussi migratori che la divergenza economica fra i Paesi dell’unione monetaria”. Ebbene, afferma King, “il Regno Unito ha sempre detto che non voleva far parte di questi due progetti”.

L’Italia può ancora permettersi di far parte di questi due progetti? La situazione di crisi in cui sprofondiamo impone di ripensare tutto sull’Europa e – per evitare il tracollo definitivo – fare scelte radicali, ma oculate e serie, non frettolose. Chi ha un piano?

CAMBIA LA SCENA DEL MONDO

Si aggiunga a questo il crollo della globalizzazione degli anni Novanta – quella dei Clinton (e poi di Obama) – spazzata via da Trump (e Putin), ma ancor prima dalla crisi del 2007-2008 che ha presentato il conto alla follia ideologica del mercatismo, un’utopia tecnocratica che pretendeva di abolire gli stati e le identità dei popoli per avere il dominio dei mercati su masse di individui ridotti a merce, a “esercito industriale di riserva” e a meri consumatori.

Il mondo sta radicalmente cambiando e i politici italiani perlopiù non se ne rendono conto: i più ciechi sembrano essere Renzi e il Pd, una classe politica mediocre e ideologicamente succube di establishment stranieri.

Loro – essendo stati il partito dell’euro, di Maastricht e di Clinton e Obama – appaiono ormai come reperti archeologici di un assetto geopolitico crollato e che ancora produce disastri. E non danno segnali di revisione critica.

Ma anche gli altri schieramenti stentano a disegnare un programma solido e condiviso che affronti con intelligenza e responsabilità questo cambio di scenario epocale.

Ciò significa che può essere prezioso avere qualche mese di tempo per metabolizzare il nuovo assetto internazionale in evoluzione, capire quale può essere la strada dell’Italia e fare agli italiani delle proposte politiche serie.
.
Antonio Socci
Da “Libero”, 27 gennaio 2017




> Fillon trionfa alle primarie in Francia, sarà lui a correre per l’Eliseo

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di In Terris ·
Tags: FillonFranciaelezioni
Articoli recenti
Nuvole
Santiago del Estero Stephen Austin raccolta firme x chiedere dimissioni otto errori. populismo latinoamericano lotta contro l'aborto Immacolata Concezione Pillole Amoris Card. Brandmuller Satana sbarackato Obama comunismo effetto Paglia rivoluzione religiosa Don Ariel bufale lettera dei quattro Cardinali il cornoletame Gesù sacramentato Apparizione a Lourdes feto misericordia Caritas Clinton Vittorio Agnoletto economia Parlamento Presepe Conferenze valtortiane Pontefice supplica commissariamento Ordine di Malta Amoris Laetitia I 4 Novissimi leucemia Cina genocidio terremotati arrogante consustanziazione voce Volto Santo intervista integrale al Card. Burke IMU Maria Don Ariel S. Levi di Gualdo Storia sociale della Chiesa Card. Sarah guarigioni monachesimo bellezza SOSPESO A DIVINIS Card. Biffi pro-life italiano Paradiso verginità della Vergine Beata Giovanna Scopelli il mercante d'armi Neo Modernismo AVVISO IMPORTANTE Francia a ibernazione Giuda sofferenza dei bambini anima vittima Politi Toscana Giobbe Limbo Lo Straniero Avvenire Newman Twitter Papa Benedetto XVI Cattedrale di Reggio Emilia lingue di vermi aborto Intervista Benedettini antimassoneria rissa vaticana Santa Veronica Giuliani Radio Maria dubia infallibilità e indeffettibilità della Chiesa No Raul Castro Giubileo della Misericordia Card. Burke peronismo nazionalcattolico Gedeone correzione formale treni a vento Fedeli Cattedrale di Pristina medaglia miracolosa fare chiarezza Mama Antula Quo Vadis? Bernadette intervista a Burke Rom leggere vescovo Robert W. McElroy Preti sposati Jean-François Lavére sincretismo Vaticano pro-life morte dei bambini comunione ai divorziati risposati ex-cathedra comunione a divorziati risposati Difendiamo i nostri figli dittatore 80 anni Cristo Re Giudizio Particolare carmelitana padre Lombardi La Croce di S. Benedetto Sindone avvelenamento di massa Commiato all'Opera Creazione Pontificato Bergoglio pensieri a voce alta Socci Google Re Magi Santo Sepolcro Argentina imparare la Lis fedeltà Bergoglio Transustanziazione consumismo il reato di intralcio all'aborto Dott.ssa Elisabetta Frezza Family Day cremazione Germain Grisex cinwue Dubia Mary Wagner Renzi teoria Tosatti Pence Pensieri a voce alta Incontro 80 sindaci da tutto il mondo GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Roberto De Mattei Fedeli. diritti Trump Pensieri a Voce Alta liturgia antica l'antilingua S. Antonio Abate tradizionalisti Madonna della Ghiara Marchino Giovanni Paolo II Ratzinger Crisi del Dogma P. Giovanni Cavalcoli Convegno valtortiano 2016 traumi PENSIERI A VOCE ALTA castigo di Dio doveri satanismo prostituzione Quaresima incendio Italia Bukavu LGBT Pensieri a Voce Bassa furto di ostie Polonia Israele eretico Pietro obiezione di coscienza rifugiati nuovo cristianesimo Fraternità San Pio X profughi crollo del tetto di una chiesa Fillon darwinismo Guido Landolina Isis Fumagalli flat tax Blondet Don Minutella Scalfari alluvioni Pensieri a voce alta (in pillole) San GIuseppe Kosovo Atti di riparazione Referendum Sander Magister evoluzionismo Papa Francesco Padre Pio la Colonna dell'Immacolata alta! Non praevalebunt! Strage di Viareggio dimissioni congelate creazionismo fenomeni Valtorta Dogma La necessità della... Resistenza Costituzione strage di Berlino Cascioli settimana di preghiera filatelica Porta Santa sogno Verginità di Maria domanda articolo 138 demonologia Beato Mayr-Nusser messainlatino Gandolfini Don Zucchini Giappone Basta Bugie eresia ariana Johm Schneider Consacrazione Dubia interviste Buon Natale peccato originale Concilio Valeria Fedeli Convegno Valtorta condanna FB CONFERENZE E SANTE MESSE sesto dubia Palmaro Pensiero a voce bassa 1002 Robert Spaemann pillole) assassinio perdono assistenza umanitaria modernisti confessione Natale Fatima seminari Kasper Camicia della Madonna omosessuali Catechismo Maggiore di S. Pio X aborto peccato gravissimo Expo droga CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Apocalisse Aleppo Frezza Carlo Acutis Misericordia et misera Aldo Maria Valli Gerusalemme teologia del processo e del divenire DUBIA Pensieri a voce alta (in pillole) apologetica Risurrezione dei morti battesimo articolo su Maria Valtorta protestanti Musica Sacra assolvere il peccato di aborto Umberto Benigni Rwanda Benedetta Frigerio Wilders la verità su Aleppo indagato Sala Scopelli Suor Lucia di Fatima morte di Fidel Castro scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Claudio Pierantoni Lutero articoli vari Basta Bugie comunicazione non ostile riforma della curia religiosa anno giubilare Medaglia miracolosa j'accuse Ordine di Malta modernismo 25 novembre 2016 fondazione Maria Valtorta tsunami Lourdes Lefebvre riforma miracoli febbre spirituale tragedia a Uyo Amoris laetitia Don Giuseppe Berardino Spadaro mons. Fellay video Stephen Amoris Laetitia antidarwinismo Eye Pyramid Pensieri promesse Renxit gender Islam moderato la Beppina Cardinali Unità dei cristiani terremoti Mistica viareggina Concistoro fastfood Papa riconteggio Medjugorje Maria Valtorta valanga Pensieri a voce bassa Madonna profezia Guido Villa elezioni Fidel Castro Benedetto XVI Ministra dell'Istruzione PENSUERI A VOCE BASSA odio gelo Russia Redenzione Mattarella Finnis Insediamento Trump Inferno pro gender sisma Brexit ecografia prenatale Giornata della pace L'Evangelo come mi è stato rivelato Papa Bergoglio omosessualità strafalcioni eresie scisma John Major Card. Raymond Burke globalizzazione Obama cappella agli islamici Lund Purgatorio Gender Melloni assenza di Dio cattolici statunitensi a Trump Italicum referendum Theologica infallibilità disorientamento pastorale varie PENSIERI VOCE ALTA proselitismo Gomez Davila Świebodzin Omelie Boff Laetitia serate valtortiane limbo Mistica Maria Valtorta convivenza in ricordo del viaggio in Italia La sconfitta di Renzi Cuba massoneria il sacro tugurio streghe silenzio della S. Sede Morte eutanasia (in luterani
Torna ai contenuti | Torna al menu