flat tax - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> La rivoluzione fiscale di Trump è, anche per l'Italia, la via per la rinascita

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Antonio Socci ·
Tags: Trumpflat taxeconomia
Lo Straniero - Il blog di Antonio Socci

Posted: 03 Dec 2016 01:34 PM PST

E’ impossibile, è folle, è assurdo, è catastrofico… Così bloccarono l’idea centrale del programma di Silvio Berlusconi: una drastica liberazione fiscale degli italiani (due o tre aliquote, la più alta delle quali non superava il 33 per cento).
E gli stessi anatemi vengono lanciati verso Matteo Salvini che, come Lega, propone oggi la Flat tax, una tassazione unica al 15 per cento, facendo sua la proposta dell’economista americano Alvin Rabushka che fu consigliere economico di Reagan.
Ma se è davvero impossibile, folle, assurda e catastrofica perché la Flat tax viene applicata con successo in decine di Paesi?
E soprattutto perché oggi Donald Trump, per gli Stati Uniti, vara proprio la Flat tax (abbattimento drastico della tassazione sulle imprese con aliquota unica al 15 per cento)? E perché con questa misura si prospetta un vero boom economico?
E’ passato sotto un imbarazzato silenzio – qua da noi – questo primo passo della rivoluzione trumpiana. Eppure l’annuncio è stato fatto, in pompa magna, da Steven Mnuchin appena è stato nominato da Trump al Tesoro. In campagna elettorale Trump lo aveva promesso e già lo stanno facendo.
Mnuchin ha spiegato che vuole portare l’aliquota per le imprese dal 30 per cento al 15 per cento: “Sarà la più grande rivoluzione fiscale dai tempi di Ronald Reagan. Tagliando le tasse delle imprese creeremo un’enorme crescita economica”.
Portare la crescita del Pil al 4 per cento (come si prevede) significa creare tanti nuovi posti di lavoro e poi comporta crescita dei salari e degli utili per le azende. Senza che lo Stato perda gettito fiscale.
Ovviamente i dettagli e le modalità della “rivoluzione fiscale” possono variare e sono molto importanti (come pure le differenze tra un Paese e l’altro). Non ne tratteremo qui.

VERIFICA
La questione che ci interessa è – per così dire – politica: si tratta di capire se davvero funziona la filosofia di fondo della Flat tax, la quale afferma che un drastico abbattimento delle tasse (con una forte semplificazione) non porta alla bancarotta le finanze pubbliche, ma, anzi, porta all’emersione del sommerso (che non ha più convenienza ad evadere) e al rilancio degli investimenti, così da determinare addirittura un incremento delle entrate statali.
L’idea originaria risale agli anni Cinquanta ed è del Nobel per l’economia Milton Friedman, di cui Antonio Martino è stato allievo (tramite lui la proposta è diventata centrale nel programma politico berlusconiana).
Ce ne sono molte versioni. Di solito vengono citati i due esempi storici dell’America di Ronald Reagan e della Gran Bretagna di Margaret Thatcher, che però non applicarono un’autentica Flat tax, ma – di fatto – con un drastico taglio delle aliquote ottennero un raddoppio delle entrate fiscali e un rilancio dell’economia.
Quindi obiettivamente questi due casi rappresentano una conferma di quell’idea di fondo.
Fra gli esempi recenti il professor Alvin Rabushka cita la Russia “un paese che è due volte e mezzo la popolazione dell’Italia; lì una flat tax al 13 per cento è stata introdotta nel 2000. Nei sei anni compresi dal 2001-2006, le entrate, al netto dell’inflazione reale, sono quasi triplicate”.
Nel caso russo alcuni parlano addirittura di un aumento del reddito personale del 100 per cento (depurato dall’inflazione) nel quadriennio successivo all’introduzione di questo sistema fiscale.
Certo in Italia c’è il problema della progressività della tassazione sancita dalla Costituzione, ma è già stato dimostrato che questo non è un ostacolo insormontabile.

LA SOLUZIONE
Di solito si hanno altre obiezioni, come gli effetti sull’immediato di un drastico taglio delle tasse. Ma il professor Francesco Forte (economista e più volte ministro) ha scritto cose sagge in proposito, dimostrando che è possibile “fornire da subito coperture chiare e dettagliate” anche senza aspettare l’emersione dell’evasione e la ripresa, che ha i suoi tempi tecnici.
La proposta di Forte è una Flat tax con aliquota al 22 per cento ed “è frutto di calcoli basati sui dati del ministero dell’Economia e della Finanza”. L’economista spiega:
“La gente, i mercati e l’Unione Europea non crederanno mai a una proposta senza coperture, o con coperture affidate alle sole buone speranze. Io le coperture le elenco e le spiego, e immagino un sistema semplificato, ma con totale equivalenza di gettito. Se poi le entrate dovessero essere più alte, nulla vieta di diminuire l’aliquota, che è decisamente meglio del contrario”.
Dunque ci sono vie percorribili. Il governo Berlusconi nella legislatura 2001-2006 riuscì ad abbassare la pressione fiscale fino al limite minimo che sfiorava il 40 per cento.
Ma ormai occorre dare una scossa forte all’economia, perciò è necessario recuperare le varie proposte di Flat tax partorite dal centrodestra e rimodularle bene (negli anni recenti ne hanno parlato anche i Radicali italiani e la Fondazione Magna Charta).
Il “ciclone Trump” riapre la riflessione anche da noi.

QUESTIONE CENTRALE
D’altronde non si tratta affatto (solo) di una questione economica (che già sarebbe enorme, perché questo Paese, senza un’idea risolutiva, rischia di fallire).
Le tasse sono il centro vero della politica e riguardano la libertà dei cittadini (oltreché il loro portafogli). Qualunque proposta politica – sfrondata delle molte parole inutili – si può riassumere in questo: quante tasse lo stato impone al cittadino e quali servizi dà in cambio.
Non a caso la rivoluzione americana prima e poi quella francese sono scoppiate per questioni fiscali (a cui in seguito si sono aggiunte altre componenti).
Anche il sistema democratico sta appeso lì, come c’insegnano la storia della Magna Charta Libertatum, nell’Inghilterra del XIII secolo, e poi lo slogan “no taxation without representation” da cui è partita la guerra d’indipendenza e poi la democrazia americana.
Il problema però è che anche il sistema democratico si è inceppato, per tanti motivi, anzitutto perché i parlamentari invece di rappresentare gli interessi di chi li ha votati (e paga le tasse) seguono altre logiche. Nelle quali prevale lo sperpero e la cattiva spesa. “Non vi è arte di governo che un governo impari più presto da un altro che quella di cavare soldi dalle tasche della gente”, diceva Adam Smith.
Ci sono anche politici che ritengono sia una missione meritoria quella di tartassare i cittadini per distribuire poi la ricchezza nazionale a loro piacimento (o secondo la loro ideologia), cosicché si sentono perfino benefattori. Con i soldi altrui. Come diceva George Bernard Shaw “un governo che ruba a Pietro per dare a Paolo può sempre fare affidamento sul consenso di Paolo”.
Ma non è questa la giustizia fiscale e non è questa una democrazia vera.

SUDDITI O SOVRANI
Un Paese dove – ogni anno – i cittadini devono lavorare gratis per placare i voraci appetiti dello Stato fino a luglio e solo da agosto in poi possono lavorare per la propria famiglia, non ha più un popolo davvero libero.
Un Paese dove perfino la moneta – oltre alla vita dei cittadini – è gestita da entità sovranazionali, non ha più un popolo sovrano: è un Paese di sudditi.
Un Paese in cui per intraprendere, per lavorare e creare ricchezza ci si trova a che fare con uno Stato e un’Unione europea che non sono un aiuto e un supporto, ma un ostacolo e un occhiuto nemico, non può essere un Paese prospero, ma è condannato all’impoverimento e alla miseria.
Un Paese dove le tasse non hanno come corrispettivo un servizio pubblico e non sono proporzionate ad esso, ma diventano una gabella che è dovuta al Sovrano “a prescindere” dai servizi resi, in base alle “necessità” del Padrone, non è più un Paese democratico, ma somiglia a una (infingarda) tirannia.
La politica infatti definisce il rapporto fra i cittadini e lo Stato e una parte decisiva di questo rapporto riguarda le tasse. Pertanto in gioco non ci sono (solo) i nostri soldi e il futuro dei nostri figli, ma anche la nostra libertà e infine la nostra dignità.
.
Antonio Socci
Da “Libero”, 3 dicembre 2016
.
Facebook: “Antonio Socci pagina ufficiale”



Articoli recenti
Nuvole
Camicia della Madonna Intervista Benedettini voce Bergoglio Aleppo LGBT tradizionalisti Lo Straniero comunione a divorziati risposati Strage di Viareggio Card. Biffi in ricordo del viaggio in Italia Brexit Morte gelo Expo Tosatti creazionismo Fraternità San Pio X La sconfitta di Renzi Storia sociale della Chiesa diritti L'Evangelo come mi è stato rivelato Dogma Marchino Don Zucchini alluvioni Card. Burke Medjugorje Valtorta traumi Risurrezione dei morti Difendiamo i nostri figli Rwanda Santa Veronica Giuliani apologetica effetto Paglia pillole) terremoti condanna Italia Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Wilders eresia ariana febbre spirituale Amoris Mistica viareggina ecografia prenatale Mistica Maria Valtorta correzione formale imparare la Lis Benedetto XVI intervista a Burke Musica Sacra Francia Amoris Laetitia Family Day lingue di vermi elezioni il sacro tugurio infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Cuba Schneider Medaglia miracolosa populismo latinoamericano morte di Fidel Castro liturgia antica morte dei bambini Convegno Valtorta pro-life italiano Theologica intervista integrale al Card. Burke valanga Apocalisse Ordine di Malta Papa Francesco interviste Avvenire Neo Modernismo Beata Giovanna Scopelli Toscana antidarwinismo bellezza Gedeone Insediamento Trump Kosovo mons. Fellay scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Pensieri a voce bassa protestanti eretico antimassoneria sincretismo Cina Dubia peccato originale Obama aborto peccato gravissimo Pensiero a voce bassa 1002 Pontificato Bergoglio Quaresima No Renxit Don Minutella Świebodzin l'antilingua DUBIA Claudio Pierantoni riforma flat tax indagato Sala droga Jean-François Lavére nuovo cristianesimo castigo di Dio battesimo satanismo Trump SOSPESO A DIVINIS Papa Verginità di Maria Inferno Argentina Giuda Costituzione comunicazione non ostile Cristo Re medaglia miracolosa Lund peronismo nazionalcattolico Maria Valtorta cinwue Dubia il reato di intralcio all'aborto Pensieri a Voce Alta Finnis odio arrogante Conferenze valtortiane anima vittima S. Antonio Abate articolo 138 Non praevalebunt! strage di Berlino Concistoro Madonna streghe guarigioni Islam moderato comunione ai divorziati risposati Italicum Russia Scopelli Concilio Omelie Carlo Acutis Re Magi Referendum j'accuse Lefebvre Laetitia il mercante d'armi La Croce di S. Benedetto leggere GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Bukavu Dott.ssa Elisabetta Frezza settimana di preghiera fenomeni riconteggio Pontefice Immacolata Concezione Giornata della pace riforma della curia tragedia a Uyo rissa vaticana Melloni Clinton Boff CONFERENZE E SANTE MESSE il cornoletame Volto Santo Fidel Castro assassinio Parlamento Blondet proselitismo silenzio della S. Sede IMU Suor Lucia di Fatima feto Cattedrale di Pristina Giobbe confessione la Beppina Pietro Gandolfini Unità dei cristiani globalizzazione commissariamento Ordine di Malta modernisti Politi filatelica padre Lombardi evoluzionismo rifugiati consustanziazione CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Umberto Benigni Natale comunismo fare chiarezza consumismo Presepe Aldo Maria Valli Fumagalli Google Polonia sogno Frezza Fillon Maria gender Pence disorientamento pastorale Basta Bugie Lutero misericordia 25 novembre 2016 fastfood cattolici statunitensi a Trump dimissioni congelate Fedeli. FB Ministra dell'Istruzione furto di ostie Don Ariel genocidio Isis Stephen Austin Socci John Major eutanasia dubia (in eresie Amoris laetitia a Giappone sofferenza dei bambini Paradiso PENSIERI A VOCE ALTA Pillole video Stephen rivoluzione religiosa Creazione I 4 Novissimi articoli vari Basta Bugie cappella agli islamici Purgatorio doveri Caritas assistenza umanitaria scisma Pensieri a voce alta monachesimo carmelitana P. Giovanni Cavalcoli Catechismo Maggiore di S. Pio X Gerusalemme prostituzione Kasper omosessuali Atti di riparazione cremazione Padre Pio terremotati Redenzione pensieri a voce alta raccolta firme x chiedere dimissioni Papa Benedetto XVI Madonna della Ghiara anno giubilare Giovanni Paolo II Apparizione a Lourdes Spadaro omosessualità Card. Sarah Crisi del Dogma messainlatino Rom Quo Vadis? Benedetta Frigerio domanda Cardinali San GIuseppe demonologia Scalfari fedeltà Guido Villa teologia del processo e del divenire pro-life dittatore obiezione di coscienza Guido Landolina Pensieri a Voce Bassa Raul Castro religiosa treni a vento lettera dei quattro Cardinali Don Giuseppe Berardino infallibilità limbo Commiato all'Opera leucemia referendum miracoli pro gender Robert Spaemann Johm Twitter Pensieri a voce alta (in pillole) convivenza crollo del tetto di una chiesa Valeria Fedeli Fedeli Card. Brandmuller Bernadette Gender sesto dubia Cascioli 80 anni profezia economia bufale luterani Don Ariel S. Levi di Gualdo Giubileo della Misericordia la Colonna dell'Immacolata perdono PENSUERI A VOCE BASSA assenza di Dio sisma Satana sbarackato Obama varie massoneria Buon Natale Gomez Davila Cattedrale di Reggio Emilia la verità su Aleppo Preti sposati teoria Transustanziazione modernismo Santo Sepolcro AVVISO IMPORTANTE articolo su Maria Valtorta Sindone Mama Antula Ratzinger Pensieri a voce alta (in pillole) Giudizio Particolare serate valtortiane Lourdes Consacrazione Misericordia et misera Mattarella incendio assolvere il peccato di aborto otto errori. fondazione Maria Valtorta avvelenamento di massa lotta contro l'aborto Roberto De Mattei promesse Germain Grisex Pensieri profughi seminari Porta Santa Limbo Vaticano supplica Renzi Beato Mayr-Nusser La necessità della... Resistenza Mary Wagner aborto verginità della Vergine alta! Newman Papa Bergoglio Israele Amoris Laetitia strafalcioni ibernazione PENSIERI VOCE ALTA Radio Maria Gesù sacramentato tsunami Sander Magister Card. Raymond Burke vescovo Robert W. McElroy Santiago del Estero Vittorio Agnoletto Palmaro darwinismo Convegno valtortiano 2016 Eye Pyramid Fatima ex-cathedra
Torna ai contenuti | Torna al menu