Cardinali - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Verità, non compassione. E' questo che i cardinali chiedono al Papa

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli de Il Foglio ·
Tags: CardinaliGedeoneAmoris LaetitiaPietro

Brandmüller, Burke, Caffarra e Meisner, scrivendo a Francesco, hanno fatto ciò che era necessario. La fede è minacciata dalle suggestioni moderne. Serve la parola di Pietro

di Stanislaw Grygiel

2 Dicembre 2016 alle 10:11

“Dobbiamo aspettare la parola di Pietro. Solo lui ha ricevuto da Cristo il comando di confermare i fratelli nella fede" (foto LaPresse)

“Pensa colui che pone domande”.
Ciò che sta accadendo negli ultimi tempi sia nella Chiesa sia nella società mi fa sempre di più pensare a Gedeone. Come lui e il popolo d’Israele furono assaliti dai Madianiti e ridotti “in grande miseria” (Gdc 6,6), anche noi siamo a nostra volta astutamente assaliti dai Madianiti postmoderni, la cui inesorabile praxis ci getta nel caos d’una “selva oscura”, nella quale non è solo difficile ma anche pericoloso cercare “la diritta via” che è stata “smarrita” (Dante). Spesso mi rivolgo ai miei amici con le parole di Gedeone: “Signor mio, se il Signore è con noi, perché ci è capitato tutto questo? Dove sono tutti i suoi prodigi che i nostri padri ci hanno narrato?” (Gdc 6,13). Per salvarci dall’angoscia, assieme a loro lancio questa domanda al cielo e aspetto la risposta. Spero che possa giungerci. Quando? Nel tempo prescelto, che è il migliore per noi tutti. Aspettare il tempo prescelto da Dio esige però una grande fede e una grande speranza che ci danno la certezza d’una grazia sovrabbondante nei tempi difficili e pericolosi in cui è la paura a servire agli uomini da punto di riferimento. Ho seguito con grande preoccupazione ciò che si è svolto in rapporto alla Lettera indirizzata a Papa Francesco dai quattro cardinali, Walter Brandmüller, Raymond Leo Burke, Carlo Caffarra e Joachim Meisner.
Condivido questa preoccupazione con tanti miei amici che adesso cercano di amare ancor più Cristo e la Sua Chiesa e che sono pronti a sacrificare tutto, solo che Dio salvi la Chiesa dallo scompiglio intellettuale e morale suscitato da una mentalità postmoderna che subdola s’insinua nelle menti di tanti nostri pastori. Vedo la Lettera dei quattro cardinali come una normale, a volte necessaria, filiale domanda rivolta al Papa perché la sua parola petrina – spiegando ciò che non è chiaro per i fedeli – dilegui i loro dubbi evitando che dissolvano la fede e l’amore senza i quali nessuna famiglia può reggere. Non regge soprattutto quella famiglia che si chiama Chiesa. In altri termini, i quattro Cardinali hanno chiesto al Papa di rafforzare i fratelli nella fede sempre più minacciata dalle suggestioni moderne, cui a parere di molti fedeli l’esortazione post-sinodale Amoris laetitianon si è opposta in modo chiaro e fermo. Una famiglia in cui non fosse possibile tale comportamento dei figli verso il padre, sarebbe non famiglia ma piuttosto una collettività costruita sulla base della dialettica hegeliano-marxista servo-padrone, dove il padrone ha paura del servo che a sua volta ha paura del padrone. Di conseguenza, principio della coesistenza sociale non sarebbe l’amore e la libertà, ma il conflitto e la schiavitù. Ho vissuto più di quarant’anni in un paese dialetticamente amministrato e non c’è da meravigliarsi se ne sono allergico. Ciò mi permette di vedere meglio i pericoli micidiali ai quali il mondo occidentale è esposto o, meglio, si espone sponte sua.
La sollecitudine dei quattro cardinali riguarda qualsiasi dubbio possa intaccare il sacramento del matrimonio e la famiglia che in esso prende vita. I potenti della postmodernità, ben sapendo che senza togliere di mezzo quest’ostacolo, cioè la vita sacramentale della Chiesa, non riusciranno mai a impadronirsi del mondo, colpiscono i sacramenti nei quali la Chiesa di Cristo nasce e si sviluppa. Colpiscono perciò il sacramento del matrimonio e la famiglia che in esso nasce, colpiscono gli altri sacramenti a esso organicamente legati, i sacramenti cioè della penitenza e dell’eucaristia. Di conseguenza anche il sacramento del sacerdozio, poiché una volta distrutti quelli il sacerdozio non serve a niente. La cura dei quattro cardinali è lungimirante. Essi difendono l’uomo. Le loro domande, i “dubbi”, sono giustificate e perfettamente articolate. Ne irradia l’amore della Verità che è la Vita e la Via della Chiesa e dell’uomo. Ne irradia l’amore per Cristo. La loro Lettera è atto della testimonianza che la Chiesa deve continuamente dare alla Verità che è Cristo senza deformarla con mezze verità e con riserve troppo umane (“ma”, “però”, “solo che in questo caso” e così via). Tanti uomini sperano che sia dato anche a loro di ricevere la risposta di Pietro. Ci sono tanti che desiderano uscire dall’incertezza della situazione in cui vivono, aiutati però dalla fiamma della verità e non dalla fioca luce della compassione offerta dai pastori. Non li potrà aiutare la parola di alcun altro, soprattutto la parola di un qualche laico (nemmeno se fosse un “esperto” del pensiero del Papa), a liberarsi dai turbamenti morali. Il laico che si provasse a farlo commetterebbe peccato d’arroganza e di vana presuntuosità. Dobbiamo aspettare la parola di Pietro. Solo lui ha ricevuto da Cristo il comando di confermare i fratelli nella fede. Un giorno udremo da lui la parola attesa. La presenza di Pietro nella Chiesa non cesserà mai di essere attuazione delle parole rivolte da Cristo a Pietro prima che Lo tradisse: “E tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli” (Lc 22,32).
Contro la Chiesa moderna

Non c’è nessuna continuità tra le idee di Giovanni Paolo II e la confusione attuale. In tanti pastori, oggi regna la diplomazia politicante anziché la pastorale evangelica. Chi vive secondo la logica della verità, del Padre e delle differenze, è criticato, ridicolizzato, minacciato.

Detto questo, non posso nascondere di essere stato gravemente ferito come cristiano dalle parole totalmente anticristiane gettate da un vescovo (per pietà ne passo il nome sotto silenzio) sul capo dei quattro Cardinali che, secondo lui, hanno commesso “gravissimo peccato”, “peccato di eresia”, “peccato dello scandalo”. E applica a loro la stessa condanna di Gesù: “E’ meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino e fosse gettato negli abissi del mare”. Questi quattro cardinali, sempre secondo questo vescovo, non dovrebbero “fare uso del titolo di ‘cardinale’”. Il mio sconcerto m’impedisce qualsiasi commento. Soltanto ricorderò a questo vescovo un adagio cinese: “Prima di dire qualcosa, bisogna contare fino a dieci, talvolta fino a cento”. Tutto è grazia di Dio. Perciò la speranza, la fede e l’amore sempre scaturiscono dal cuore dell’uomo. Ma anche ciò che accade nel suo cuore è grazia. In virtù di questa grazia l’uomo può conoscere meglio se stesso e gli altri ai quali si unisce. Così, dentro l’inquietudine provocata dall’incertezza che turba i fedeli, la preoccupazione per il futuro temporale della società e della Chiesa cede pian piano il posto all’affidamento alla Persona di Cristo, la cui conoscenza unisce l’uomo alla vittoria da Lui riportata sulla croce e promessa a tutti.
Vedo che molti, cercando di uscire dalla confusione, entrano più profondamente nel “centro dell’universo e della storia” (Redemptor hominis, 1), entrano cioè in comunione con Cristo. Alla luce che promana da Lui e illumina la loro coscienza morale, cercano di aderire più fortemente ai sacramenti della penitenza, dell’eucaristia, del matrimonio e del sacerdozio che sono messi in questione dalla modernità in modo assai subdolo ed efficace. Il colpo inferto a un sacramento danneggia tutti gli altri. Lo stesso accade con i comandamenti del Decalogo. E’ probabile che in questa confusione alcuni si allontanino dalla Chiesa, a quanti tuttavia rimarranno sarà data la vittoria ad-veniente dall’eternità e non dal tempo. Non è l’uomo, ma è Cristo, presente nel Vangelo, nell’eucaristia, nel confessionale, nella fede della Chiesa, a sapere chi sia l’uomo stesso. Cristo non deve chiedere a nessuno chi sia l’uomo. Cristo lo conosce perfettamente, poiché è in Lui, nel Figlio, che il Padre lo sta creando fino a oggi. Per questo nessuno può sentirsi autorizzato a precedere Cristo sulla via verso il Golgota, dove si compie la nostra salvezza.
La compassione che muove Pietro a tentare di convincere Cristo a uscirne e prendere un’altra via, fa cadere sulla sua testa una veemente condanna: “Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!” (Mt 16, 23). Coprire con la nostra compassionevole ignoranza la verità sull’uomo rivelata in Cristo significa laicizzarla – questo sì che è “peccato grave”, “peccato di eresia”, “peccato dello scandalo”! Pensare nella verità significa cercarla, ponendo domande a chi spetta dare la risposta. Stiano ben lungi da questo dialogo tutti coloro ai quali bastano le opinioni e la compassione che esse inducono e ai quali dà fastidio la chiarezza. Ben lungi stiano dagli uomini che desiderano vivere nella chiarezza della Verità coloro che, avendo laicizzato la giustizia e la misericordia che sono un tutt’uno in questa Verità, non sono d’accordo con Cristo, quando Egli dice: “Sia il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno” (Mt 5, 37).
Se una persona uscisse dal confessionale con “il di più”, rimarrebbe con “il maligno”. Chi sarebbe allora responsabile di questa tragedia? Proprio per evitarla, i quattro cardinali hanno fatto ciò che era necessario. Non dimentichiamo che quando uno entra in chiesa, come dice Chesterton, si toglie il cappello e non la testa. Il maligno che governa il mondo postmoderno vuole che facciamo proprio il contrario. Ci offre a buon prezzo grandi cappelli per coprire la mancanza vergognosa di ciò che permette all’uomo di guardare in su, verso ciò che lo eleva alle altezze divine.
* Docente ordinario di Antropologia filosofica al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia di Roma, è stato allievo di Karol Wojtyla all’Università di Lublino, diventandone poi consigliere.



Articoli recenti
Nuvole
Quaresima demonologia teoria Finnis il mercante d'armi dubia fenomeni vescovo Robert W. McElroy intervista integrale al Card. Burke assolvere il peccato di aborto seminari Mary Wagner Scopelli Concilio Conferenze valtortiane traumi raccolta firme x chiedere dimissioni dittatore Bukavu Crisi del Dogma Johm Vittorio Agnoletto Schneider Misericordia et misera lotta contro l'aborto aborto articoli vari Basta Bugie Renzi Buon Natale Presepe FB anno giubilare Umberto Benigni Concistoro profezia guarigioni Quo Vadis? confessione la Beppina Israele l'antilingua Musica Sacra Rom Card. Raymond Burke riconteggio economia Strage di Viareggio peronismo nazionalcattolico eresie in ricordo del viaggio in Italia Madonna omosessuali Transustanziazione cinwue Dubia Convegno Valtorta settimana di preghiera Preti sposati Roberto De Mattei Pensieri a voce bassa Islam moderato Socci sofferenza dei bambini morte dei bambini j'accuse la Colonna dell'Immacolata Valtorta interviste flat tax video Stephen droga odio Melloni Lourdes Redenzione Cardinali Pensieri a Voce Bassa otto errori. Amoris Italia Cina La sconfitta di Renzi fondazione Maria Valtorta alta! L'Evangelo come mi è stato rivelato fedeltà Fedeli lingue di vermi Avvenire peccato originale il reato di intralcio all'aborto religiosa globalizzazione Gedeone il sacro tugurio Giubileo della Misericordia Pontefice Giovanni Paolo II Guido Landolina miracoli Italicum Ratzinger Beata Giovanna Scopelli riforma Blondet Padre Pio comunione a divorziati risposati sogno GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Google arrogante Bergoglio antimassoneria effetto Paglia Pietro Argentina Papa Dubia correzione formale Polonia Card. Burke cremazione Basta Bugie Gomez Davila rivoluzione religiosa Cattedrale di Pristina Difendiamo i nostri figli Ministra dell'Istruzione imparare la Lis pro-life Raul Castro Paradiso scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi nuovo cristianesimo Twitter assenza di Dio Pensieri a voce alta No antidarwinismo Lefebvre sesto dubia aborto peccato gravissimo Amoris Laetitia Vaticano scisma Don Zucchini Gesù sacramentato battesimo Morte Incontro 80 sindaci da tutto il mondo feto Stephen Austin Radio Maria Kasper Santiago del Estero Fatima alluvioni Don Giuseppe Berardino Family Day fare chiarezza creazionismo Amoris laetitia Fillon mons. Fellay consustanziazione Unità dei cristiani cattolici statunitensi a Trump John Major Verginità di Maria verginità della Vergine Insediamento Trump Trump dimissioni congelate fastfood Dogma CONFERENZE E SANTE MESSE Intervista Benedettini populismo latinoamericano Laetitia Gandolfini PENSIERI VOCE ALTA comunicazione non ostile Gerusalemme morte di Fidel Castro 80 anni Pillole Fumagalli Satana Pensiero a voce bassa 1002 misericordia Benedetto XVI Maria Valtorta Mistica Maria Valtorta monachesimo Risurrezione dei morti Cuba Don Minutella Card. Brandmuller Neo Modernismo DUBIA treni a vento Fraternità San Pio X voce Russia comunione ai divorziati risposati infallibilità SOSPESO A DIVINIS San GIuseppe Parlamento modernismo bufale pro gender Giappone Papa Bergoglio Limbo Atti di riparazione Gender Caritas Świebodzin Consacrazione Mistica viareggina doveri apologetica Volto Santo cappella agli islamici incendio AVVISO IMPORTANTE I 4 Novissimi Ordine di Malta Cascioli Mama Antula pro-life italiano omosessualità P. Giovanni Cavalcoli Sindone Medjugorje intervista a Burke Beato Mayr-Nusser 25 novembre 2016 Pontificato Bergoglio leggere limbo febbre spirituale Francia Camicia della Madonna Giornata della pace ibernazione Cristo Re Brexit Obama strage di Berlino Newman Lo Straniero evoluzionismo rifugiati Marchino Politi silenzio della S. Sede carmelitana tragedia a Uyo Lutero consumismo Pence CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta ex-cathedra profughi La necessità della... Resistenza Theologica Cattedrale di Reggio Emilia luterani varie Costituzione sincretismo Robert Spaemann Spadaro supplica modernisti riforma della curia Dott.ssa Elisabetta Frezza Fidel Castro Catechismo Maggiore di S. Pio X teologia del processo e del divenire Giudizio Particolare Papa Benedetto XVI avvelenamento di massa IMU Aldo Maria Valli Purgatorio tsunami Referendum Storia sociale della Chiesa Amoris Laetitia LGBT Papa Francesco Natale Madonna della Ghiara eretico Scalfari Wilders tradizionalisti massoneria valanga Inferno castigo di Dio prostituzione comunismo Commiato all'Opera Immacolata Concezione Sander Magister Bernadette genocidio terremotati anima vittima crollo del tetto di una chiesa perdono Claudio Pierantoni Valeria Fedeli obiezione di coscienza Pensieri Rwanda promesse Apocalisse elezioni Germain Grisex eutanasia furto di ostie sbarackato Obama streghe serate valtortiane Toscana Don Ariel Palmaro referendum articolo 138 convivenza terremoti disorientamento pastorale Card. Sarah infallibilità e indeffettibilità della Chiesa medaglia miracolosa Aleppo Tosatti assassinio (in pillole) strafalcioni Convegno valtortiano 2016 Carlo Acutis Eye Pyramid Expo rissa vaticana indagato Sala S. Antonio Abate Pensieri a voce alta (in pillole) Non praevalebunt! Jean-François Lavére articolo su Maria Valtorta Kosovo a messainlatino Maria PENSIERI A VOCE ALTA La Croce di S. Benedetto la verità su Aleppo il cornoletame padre Lombardi assistenza umanitaria domanda bellezza darwinismo condanna ecografia prenatale Re Magi Creazione gender Pensieri a Voce Alta liturgia antica Apparizione a Lourdes Santa Veronica Giuliani lettera dei quattro Cardinali filatelica Isis Giobbe eresia ariana protestanti sisma Giuda pensieri a voce alta Frezza PENSUERI A VOCE BASSA Porta Santa Clinton Mattarella commissariamento Ordine di Malta satanismo Santo Sepolcro Guido Villa diritti Lund Suor Lucia di Fatima Pensieri a voce alta (in pillole) Benedetta Frigerio Omelie gelo proselitismo Card. Biffi Renxit Boff leucemia Medaglia miracolosa Don Ariel S. Levi di Gualdo Fedeli.
Torna ai contenuti | Torna al menu