dittatore - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> La chiesa bergogliana celebra il tiranno comunista e snobba le vittime

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Antonio Socci ·
Tags: Fidel CastrodittatoreBergogliocomunismo
Lo Straniero - Il blog di Antonio Socci


Posted: 04 Dec 2016 06:19 AM PST


Per difendersi dai dittatori spesso rimane, ai dissidenti, solo la satira, quella che mostra il lato grottesco e menzognero della tirannia.
A proposito di Fidel Castro, che è stato cremato (il funerale si celebra oggi a Cuba), circola, negli ambienti di opposizione, questa battuta: “Che ironia! E’ stato allergico alle urne per 58 anni e poi da morto c’è finito dentro (un’urna)”.
In molti casi i dissidenti cubani sono cattolici che hanno sperimentato per anni gli artigli feroci del regime.
Però al tempo di Bergoglio si sono trovati spiazzati. Non solo per il rapporto speciale fra il tiranno comunista e il papa argentino, che durante la visita a Cuba ha omaggiato il despota e ha tenuto a distanza i dissidenti (evitando sempre di parlare di rispetto dei diritti umani), ma anche perché – morto Castro – alla Sinistra comunista e anticapitalista internazionale, che piange la scomparsa di Castro, resta un solo un punto di riferimento politico e morale: proprio Giorgio Mario Bergoglio.
Così non ha sorpreso nessuno (ma ha un po’ sconcertato) leggere in questi giorni le cose scritte sul dittatore comunista di Cuba negli ambienti bergogliani.
Il caso più clamoroso riguarda “Avvenire”, il giornale della Conferenza episcopale italiana, che ha come punto di riferimento mons. Galantino, un fedelissimo di Bergoglio.

L’AMICO DEL DESPOTA
Ebbene, “Avvenire”, giovedì scorso è uscito con un’intervista, lanciata in pompa magna sulla prima pagina, al Premio Nobel per la pace Adolfo Pérez Esquivel, argentino e qualificato da “Avvenire” come “amico personale di Castro”.
E’ pur vero che Pérez Esquivel è stato un perseguitato sotto la dittatura dei colonnelli argentini, ma – dovendo parlare di Cuba e di Castro – perché il giornale dei vescovi ha scelto un “amico di Castro”?
Non avrebbe dovuto intervistare, piuttosto, i perseguitati dal regime cubano che si è accanito pure contro gli omnosessuali e che – per esempio – ha riservato alle donne condannate per motivi politici un sadismo particolare nelle torture?
O almeno “Avvenire” avrebbe potuto intervistare qualche sacerdote che, anche per esperienza personale, poteva raccontare le brutali repressioni castriste, le fucilazioni (circa 17 mila), le torture, i lager (dove sono passate almeno 100 mila persone), l’indottrinamento marxista e ateo (per decenni è stato abolito pure il Natale)?
Purtroppo al tempo di Bergoglio non c’è nessuna simpatia per i cristiani perseguitati dai regimi comunisti (o islamici), quindi è stato interpellato l’“amico di Castro”.
Certo, anche facendo una così ampia intervista a Esquivel, non era necessario sposarne completamente le idee ed evitare qualsiasi domanda sulle gravi violazioni dei diritti umani a Cuba e sui crimini della sessantennale dittatura castrista. Ma “Avvenire” così ha fatto.

L’ASSURDO
Sulla prima pagina del giornale della Cei è uscito questo titolo (con foto), rivolto a Trump e agli Stati Uniti: “Pérez Esquivel: lasciate liberi Sudamerica e Cuba”.
Il sommario spiegava: “Amico personale del leader scomparso, l’intellettuale argentino difende la libertà dei cubani e di tutti i popoli del continente di essere davvero padroni del proprio destino”.
E la prima frase è rivolta personalmente a Trump perché non sia “prepotente” con i popoli dell’America Latina e perché “riconosca a Cuba il suo diritto alla autodeterminazione”.
Invece di dirlo ai due Castro (di lasciare libera Cuba e di riconoscere al popolo cubano il diritto all’autodeterminazione), Pérez Esquivel e “Avvenire” lo dicono a Trump e agli americani.
Come se da 60 anni i cubani soffrissero sotto il tallone della dittatura di Trump, come se i massacri di cubani e i lager fossero opera degli americani.
Più di 300 mila cubani – da quando Castro ha preso il potere – sono fuggiti proprio verso gli Stati Uniti per cercare libertà e pane. Non si è mai visto un popolo intero che fugge dal suo presunto “liberatore” per chiedere asilo all’oppressore.
Ma queste domande non sfiorano né Perez Esquivel, amico di Bergoglio, né l’intervistatrice Stefania Falasca che è considerata fra i giornalisti più vicini a Bergoglio.
Infatti la Falasca comincia l’intervista spiegando che ha incontrato a Roma Pérez Esquivel il quale – dice la giornalista – “con la sua consueta lucidità ci parla di Castro e della politica statunitense, del futuro di Cuba e delle nuove ‘dittature del capitale’ in America Latina”.
Quindi dall’“Avvenire” bergogliano apprendiamo che a Cuba e in Sudamerica non ci sono dittature comuniste, ma “dittature del capitale”.
A volerla buttare sul ridere si potrebbe osservare che forse pensano al “capitalista Fidel”, dal momento che la rivista finanziaria “Forbes”, negli anni passati, poneva Castro ai primi posti nell’elenco dei capi di stato più ricchi, accanto a re, regine, sceicchi e dittatori, facendo andare su tutte le furie il despota cubano.

SIMBOLO
Ma non è a Castro che si riferiva “Avvenire” denunciando le “dittature del capitale”. Del resto Pérez Esquivel e “Avvenire” non nominano mai le parole “comunista” e “comunismo”: Castro era un benefattore dell’umanità.
Ecco cosa arriva a dire Esquivel, senza che “Avvenire” muova la minima obiezione: “Su Cuba occorre avere l’onestà di uno sguardo giusto e vedere che cosa è riuscita a fare, nonostante un embargo durato cinquant’anni…. Cuba è un simbolo per tutta l’America Latina perché è vista come paradigma di autodeterminazione dei popoli. Di Castro restano un grande senso dell’unità dei popoli e di lotta per la loro libertà, di resistenza di fronte all’oppressione delle grandi potenze”.
Questo premio Nobel per la Pace non ha visto a Cuba la feroce dittatura familiare dei Castro, ma un’isola che è il “simbolo dell’autodeterminazione dei popoli”.
E il tiranno appena morto sarebbe il simbolo della “lotta dei popoli per la libertà” contro “l’oppressione delle grandi potenze”.

CONTRO I PROFUGHI
Non contento di aver esaltato un tiranno, il Nobel per la pace argentino poi arriva a trattare così gli esuli cubani scappati via mare in cerca di libertà e di pane: “Mi hanno lasciato un’impressione negativa i festeggiamenti a Miami per la morte di Castro, è una questione di rispetto. Gli esuli negli Stati Uniti si sono sempre opposti alla rivoluzione perché hanno perso i loro privilegi. Certo, hanno influenza politica e un grande potere economico, soprattutto a Miami. Sono professionisti del dissenso al servizio degli interessi degli Stati Uniti. Penso però che siano un gruppo politicamente esaurito”.
Curioso che “Avvenire” e la giornalista bergogliana, che ogni giorno amplificano le invettive papali per i migranti che vogliono sbarcare in Italia, non abbiano avuto nulla da ridire a proposito delle durissime patole di Esquivel: quei cubani contro cui ha tuonato infatti sono profughi, fuggiti su carrette dal mare da una dittatura, esponendosi alla morte, per cercare pane e libertà.
Non solo. Dopo aver costretto centinaia di migliaia di persone a scappare esuli sulle barche, quando scopriva la loro fuga dal suo crudele regime, come scrive il “Libro nero del comunismo”, Castro inviava “degli elicotteri a bombardare con sacchi di sabbia le zattere: nell’estate del 1994 circa 7000 persone morirono in mare e si calcola che, in totale, un terzo dei ‘balseros’ abbia perso la vita durante la fuga. In trent’anni sarebbero stati quasi 100.000 i cubani che hanno tentato la via del mare”.
Dalla stessa fonte apprendiamo che il 20 per cento dei cittadini cubani (quasi due milioni) sono esuli fuori dalla loro patria: “L’esilio ha distrutto le famiglie e non si contano più quelle che vivono sparpagliate tra L’Avana, Miami, la Spagna e Puerto Rico”.
E’ di questi esuli che Pérez Esquivel parlava in quei termini alquanto “castristi” sul giornale di Bergoglio che da tre anni ci ossessiona con i suoi comizi sui migranti (ma solo quelli del Mediterraneo, non i profughi del comunismo).

Antonio Socci
Da “Libero”, 4 dicembre 2016



Articoli recenti
Nuvole
verginità della Vergine correzione formale Non praevalebunt! Pensiero a voce bassa 1002 profezia Mattarella Sander Magister varie Pensieri a voce alta DUBIA ecografia prenatale demonologia castigo di Dio Buon Pastore No Lefebvre Rom rifugiati Schneider pensieri a voce alta Concilio ibernazione medaglia miracolosa j'accuse LEZIONI SPIRITUALI Giubileo della Misericordia Fatima rissa vaticana crollo del tetto di una chiesa Caritas Giobbe Lo Straniero Valeria Fedeli Mistica viareggina Gerusalemme Marchino Porta Santa Giornata della pace la Colonna dell'Immacolata Eye Pyramid tragedia a Uyo Fedeli. Gesù Salvatore Valtorta strafalcioni Commiato all'Opera Mistica Maria Valtorta Risurrezione dei morti infallibilità Suor Lucia di Fatima articoli vari Basta Bugie comunione a divorziati risposati Giudizio Particolare dittatore peronismo nazionalcattolico Apparizione a Lourdes furto di ostie omosessualità traumi gender disorientamento pastorale Unità dei cristiani Claudio Pierantoni la verità su Aleppo il sacro tugurio Fillon IMU Radio Maria Cattedrale di Reggio Emilia Cina comunione ai divorziati risposati fondazione Maria Valtorta modernisti Kasper perdono assolvere il peccato di aborto Quaresima economia consustanziazione Verginità di Maria terremotati Blondet droga liturgia antica Referendum aborto Pietro Apocalisse CONFERENZE E SANTE MESSE Umberto Benigni obiezione di coscienza Musica Sacra Google leucemia Italicum indagato Sala Convegno valtortiano 2016 25 novembre 2016 Lutero religiosa Santa Veronica Giuliani assenza di Dio Buon Natale OMELIE Redenzione La Croce di S. Benedetto Family Day condanna profughi Tosatti fenomeni serate valtortiane Scopelli diritti messainlatino Papa Benedetto XVI settimana di preghiera CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Paradiso Misericordia et misera prostituzione dimissioni congelate Don Giuseppe Berardino supplica morte di Fidel Castro creazionismo Roberto De Mattei Argentina ex-cathedra Don Ariel S. Levi di Gualdo filatelica Madonna silenzio della S. Sede La necessità della... Resistenza convivenza vescovo Robert W. McElroy Islam moderato Israele teologia del processo e del divenire Giovanni Paolo II flat tax miracoli sbarackato Obama sesto dubia Fedeli Lourdes alluvioni febbre spirituale Camicia della Madonna Boff Laetitia LGBT bufale Atti di riparazione elezioni Consacrazione apologetica Ordine di Malta limbo Beata Giovanna Scopelli La Samaritana Papa Bergoglio antidarwinismo incendio lingue di vermi lotta contro l'aborto cremazione mons. Fellay pro gender Catechismo Maggiore di S. Pio X antimassoneria il reato di intralcio all'aborto Strage di Viareggio John Major Brexit Don Ariel lettera dei quattro Cardinali proselitismo seminari Costituzione GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI l'antilingua Vaticano padre Lombardi Amoris Vittorio Agnoletto comunicazione non ostile Italia modernismo Santiago del Estero Obama omosessuali Avvenire Dubia Trump comunismo Maria Medjugorje luterani anno giubilare Spadaro Russia Toscana Mama Antula scisma Pence riforma della curia Stephen Austin Palmaro odio P. Giovanni Cavalcoli Guido Landolina Agnello di Dio S. Antonio Abate Theologica Socci promesse Isis Conferenze valtortiane eresia ariana Guido Villa Card. Raymond Burke cappella agli islamici gelo Francia Fidel Castro cinwue Dubia San GIuseppe Giuda la Beppina Immacolata Concezione Basta Bugie in ricordo del viaggio in Italia Omelie Bukavu battesimo Creazione intervista integrale al Card. Burke Newman monachesimo pro-life fedeltà anima vittima Raul Castro carmelitana bellezza domanda eresie Fraternità San Pio X AVVISO IMPORTANTE Presepe tsunami Card. Burke interviste Aleppo Card. Sarah Dogma globalizzazione Medaglia miracolosa articolo 138 Cristo Re satanismo Amoris Laetitia pro-life italiano Pensieri a Voce Bassa Cuba consumismo commissariamento Ordine di Malta Insediamento Trump Fumagalli Pontificato Bergoglio sofferenza dei bambini Świebodzin streghe imparare la Lis Mary Wagner cattolici statunitensi a Trump Dott.ssa Elisabetta Frezza Jean-François Lavére Germain Grisex Cardinali Madonna della Ghiara Gesù sacramentato Pensieri a Voce Alta omelie populismo latinoamericano assistenza umanitaria Purgatorio Inferno Intervista Benedettini Transustanziazione Wilders Melloni Padre Pio Parlamento Papa Francesco doveri tradizionalisti Morte Cattedrale di Pristina peccato originale Natale treni a vento Frezza Finnis video Stephen Satana il cornoletame otto errori. Aldo Maria Valli Gandolfini Gomez Davila Concistoro il mercante d'armi arrogante Lezioni spirituali Volto Santo SOSPESO A DIVINIS massoneria Don Zucchini Giappone Convegno Valtorta Limbo Ministra dell'Istruzione fastfood rivoluzione religiosa intervista a Burke infallibilità e indeffettibilità della Chiesa effetto Paglia sale terremoti Ratzinger PENSIERI A VOCE ALTA protestanti valanga nuovo cristianesimo feto Carlo Acutis FB Kosovo Rwanda Card. Biffi riconteggio L'Evangelo come mi è stato rivelato sincretismo morte dei bambini Polonia Bernadette dubia Pensieri a voce bassa Quo Vadis? Expo Renxit darwinismo confessione Benedetta Frigerio Gender Re Magi Beatitudini 80 anni Amoris Laetitia misericordia Scalfari Storia sociale della Chiesa scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi strage di Berlino Sindone PENSIERI VOCE ALTA Preti sposati Politi Lund guarigioni Don Minutella La sconfitta di Renzi Renzi eretico riforma luce Twitter Johm Difendiamo i nostri figli Gedeone raccolta firme x chiedere dimissioni Santo Sepolcro Benedetto XVI I 4 Novissimi sisma Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Neo Modernismo Amoris laetitia Misericordia Card. Brandmuller avvelenamento di massa lezioni spirituali evoluzionismo leggere Maria Valtorta Beato Mayr-Nusser sogno Robert Spaemann assassinio Lezioni spirituali p. Enzo genocidio Clinton teoria Pontefice eutanasia Cascioli aborto peccato gravissimo Papa articolo su Maria Valtorta Bergoglio Crisi del Dogma referendum fare chiarezza
Torna ai contenuti | Torna al menu