Neo Modernismo - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> 089. Neo Modernismo? La necessità della… Resistenza (Seconda parte di due)

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Guido Landolina ·
Tags: Neo Modernismo
 
   
    
 
 
CLICCA QUI PER APRIRE E SCARICARE TUTTI I 'PENSIERI A VOCE ALTA'
 
DI GUIDO LANDOLINA
 
 
 
   18.1.2017
 
 
089. Neo Modernismo? La necessità della… Resistenza (Seconda parte di due)
 
 
Se nella prima parte di questo mio 'Pensiero a voce alta' (n.088) ho voluto dedicare tanto spazio al clima politico, filosofico e religioso dell'Ottocento e del primo Novecento - ed in particolare a tre campioni del Positivismo, del Razionalismo e del Modernismo (citando alla lettera brani che ho tratto dalle loro opere di grande successo) quali Renan, Loisy e Bultmann - è per fare comprendere bene il filo conduttore, anzi la loro contiguità, che li lega a molti teologi moderni, anzi neo-modernisti, che occupano alte cariche nella Chiesa.
 
Di tale teologia potremmo ad esempio considerare, come prestigioso quarto 'campione' odierno, il Cardinale tedesco Walter Kasper.

 

 
Perché chiamare a 'testimoniare' il Cardinale  Walter Kasper?
 
Per via delle importanti cariche e ruoli ecclesiastici ricoperti in passato, e altri che sta ricoprendo come 'testimone informato dei fatti', e perché egli è considerato 'vicinissimo' a Papa Francesco, per cui - anche quanto ai più stretti collaboratori di ogni Papa - potremmo nel caso specifico considerare vero il detto comune che 'non ci si può mai fidare abbastanza…'.
 
E inoltre anche per via del ruolo di 'alter ego' che egli ha svolto nella conduzione dei due recenti Sinodi mondiali sulla Famiglia e nella interpretazione da lui data in merito alla Esortazione Apostolica 'Amoris Laetitia' che coinvolge aspetti importanti e fondanti dei Vangeli e della Dottrina cristiana che riguardano i Sacramenti del Matrimonio, della Confessione e dell'Eucarestia sui quali autorevoli Cardinali, Vescovi, teologi e filosofi cattolici, nonché comuni fedeli, auspicano da tempo un chiarimento interpretativo ufficiale da parte del Papa, visto che non solo Cardinali, Vescovi e persino singoli sacerdoti ma anche Conferenze episcopali di altri paesi stanno assumendo posizioni e dando interpretazioni diametralmente contrastanti fra di loro, minando così alla base l'Unità della Chiesa e della Dottrina cattolica.
 
Ho dovuto tempo addietro studiare l'importante opera cristologica del Card. Walter Kasper: 'Gesù il Cristo' (nella Edizione del 2013), opera tuttora disponibile in libreria.[1]
 
Mi aveva colpito il suo pensiero ed in particolare, fra le moltissime altre affermazioni a dir poco 'stonate' - quel suo negare la Resurrezione di Gesù attribuendone il racconto evangelico non ad un fatto storicamente e realmente avvenuto ma ad una mera credenza di fede dei primi cristiani che avevano voluto 'deificarlo'.
 
San Paolo aveva detto in una sua Epistola che se la Resurrezione di Gesù non fosse mai avvenuta la nostra Fede non avrebbe ragione di essere.
 
Ovvio che, leggendo ed analizzando la sua ponderosa opera, molte sue affermazioni teologicamente e cattolicamente 'scorrette' non appaiono a prima vista così chiare e brutali come quelle dei tre personaggi citati più sopra.
 
Ciò in quanto esse sono formulate dall'Autore in maniera astrattamente 'accademica', teutonicamente professorale e sapienzialmente 'prudente' anche sotto forma di 'dubbio', forse per non dare 'scandalo' di fronte ai 'piccoli', visto che poi egli è pur sempre un cardinale autorevolissimo.
 
Ciò non di meno moltissimi suoi concetti che ritroverete qui sotto sono in buona sostanza analoghi a quelli appunto di Renan, Loisy e Bultmann.
 
Nella prestigiosa rivista Cattolica IL TIMONE, mi sono imbattuto in un breve 'saggio' critico di don Claudio Crescimanno sull'opera in questione.
 
L'ho molto apprezzato per la chiarezza espositiva e per la precisione dei riferimenti a brani dell'opera di Walter Kasper che rivelano un suo attento studio, e ancora di più, per le confutazioni di tali brani, punto per punto, con precisi rimandi ai Vangeli, al Magistero ed al Catechismo della Chiesa:[2]
 
 
 
 
La strana teologia di Walter Kasper (dal «Dizionario elementare del pensiero pericoloso»)
 
 
 
Pubblichiamo la voce Walter Kasper del nuovo Dizionario elementare del pensiero pericoloso (per richiedere il volume vedi QUI):
 
 
KASPER, WALTER

 
Walter Kasper nasce a Heidenheim nel 1933 da famiglia cattolica, entra ancora giovane in seminario dove compie gli studi superiori e viene ordinato sacerdote nel 1957. Studia nelle università di Tubinga e Monaco, consegue la laurea in teologia nel 1961 e la libera docenza nel 1964. Insegna teologia dogmatica a Munster dal 1964 al 1970 e a Tubinga dal 1970 al 1989. In questo periodo diviene membro della Commissione Teologica Internazionale e consulente teologico della Conferenza episcopale tedesca. Nel 1989 viene nominato vescovo di Rottenburg. Nel 1994 diventa copresidente della Commissione internazionale per il dialogo tra luterani e cattolici; il lavoro in campo ecumenico gli vale, nel 1999, la nomina a segretario del pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, a seguito della quale Kasper si trasferisce a Roma.

Nel concistoro del 21 febbraio 2001 viene elevato alla dignità cardinalizia e poi nominato presidente del medesimo pontificio Consiglio, nonché Presidente della Commissione per le Relazioni Religiose con gli Ebrei. Il 1º luglio 2010, il papa Benedetto XVI ha accettato la sua rinuncia all’incarico per motivi d’età.

 
Tra le sue opere principali ricordiamo: L’Assoluto nella storia. Nella tarda filosofia di Schelling (1964); Per il rinnovamento del metodo dogmatico (1967); Il Dogma sotto la Parola di Dio (1968); Fede e storia (1970); Mistero uomo (1973); Cristologie, oggi (1974, con Arno Schilson); Gesù, il Cristo (1974); Teologia del matrimonio cristiano (1977); Il Dio personale. Risposta al mistero dell’uomo (1978); Presenza dello Spirito. Aspetti della Pneumatologia (1979); Il Dio di Gesù Cristo (1982); Teologia e Chiesa (1987); Sacramento dell’unità. Eucaristia e Chiesa (2004).

Ha detto
 
● «Come già si osservava, Gesù non si è arrogato esplicitamente né la qualifica di Messia né quella di Figlio di Dio» (Gesù il Cristo, Queriniana, Brescia 2013, p. 225).
 
● Riguardo al concepimento verginale del Figlio di Dio nel grembo di Maria santissima, Kasper dapprima scrive dei «difficili problemi teologico-biblici che la tematica del concepimento verginale solleva», per cui la verginale maternità di Maria è «ancora aperta sul piano biblico» (ibid., pag. 353, n. 69), poi riconosce che «ogni negazione della dottrina ecclesiale di fede pone fondamentalmente in questione lo stesso principio della tradizione» (ibid.).
 
● «La conclusione che dobbiamo trarre da tutto quanto si è detto è che molte storie miracolose riferiteci dai Vangeli devono essere considerate leggendarie. […] Questi racconti non storici sono enunciati di fede sul significato salvifico della persona e del messaggio di Gesù» (ibid., p 118). Secondo Kasper «Si ha l’impressione che il Nuovo Testamento abbia arricchito la figura di Gesù di elementi narrativi extra-cristiani per sottolinearne la grandezza e l’autorità» (ibid., p. 117). Inoltre, i miracoli «In se stessi non sono poi così chiari e non costituiscono necessariamente una prova della divinità di Gesù» (ibid., p. 129). E ancora: «Per tale ragione i miracoli non possono mai costituire una prova chiara della fede» (ibid., p. 130).
 
● «Nessun teste neo-testamentario asserisce di aver visto Cristo risorgere. […] gli enunciati della tradizione neo-testamentaria della risurrezione di Gesù non sono affatto neutrali: sono confessioni e testimonianze prodotte da gente che crede» (ibid., p. 176): il che sembra far pensare che possa trattarsi di testimoni poco affidabili proprio perché hanno la fede! Anche della scoperta del “sepolcro vuoto”, scrive: «Dobbiamo allora supporre che non si tratti di cenni storici, ma soltanto di artifizi stilistici, escogitati per richiamare l’attenzione e creare suspense» (ibid., p. 172).
 
● «Nella stretta terminologia teologica, evangelizzazione è un termine generale ed una realtà molto complessa. Connota presenza e testimonianza, preghiera e liturgia, proclamazione e catechesi, dialogo e azione sociale. Ma la presenza e la testimonianza, la preghiera e la liturgia, il dialogo e l’azione sociale, che fanno tutti parte dell’evangelizzazione, non hanno lo scopo di aumentare il numero del Cattolici. Anzi l’evangelizzazione, compresa nel suo appropriato significato teologico, non implica alcun tentativo di proselitismo» (Riunione del Comitato internazionale per i rapporti tra cattolici ed ebrei, New York 1-4 maggio 2001, sessione “Scambio d’informazioni” sulla dichiarazione Dominus Iesus).
 
● «La sola cosa che desidero dire è che il documento Dominus Iesus non afferma che tutti debbano diventare Cattolici per essere salvati da Dio. Al contrario, dichiara che la grazia di Dio – che, secondo la nostra fede, è la grazia di Gesù Cristo – è a disposizione di tutti» (ibid.).
 
● «[…] la Chiesa crede che l’Ebraismo, cioè la risposta fedele del Popolo ebreo all’alleanza irrevocabile di Dio, è per esso fonte di salvezza, perché Dio è fedele alle sue promesse» (ibid.)


 
Risposte
 
● Il Vangelo proclama la divinità del Verbo di Dio che poi si è fatto uomo in Gesù di Nazareth, Signore e Salvatore: «In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio […] e il Verbo si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi» (Gv 1,1).
- Contrariamente a quanto affermato da Kasper, Gesù si è attribuito il titolo di Figlio di Dio: «Ma egli taceva e non rispondeva nulla. Di nuovo il sommo sacerdote lo interrogò dicendogli: “Sei tu il Cristo, il Figlio di Dio benedetto?”. Gesù Rispose: Io lo sono”» (Mc 14,61-63).
- Gesù si dichiara esplicitamente Figlio di Dio: «Padre, è giunta l’ora, glorifica il Figlio tuo, perché il Figlio glorifichi te» (Gv 17,1).
- Pietro riconosce la messianicità e la figliolanza divina di Gesù: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente» (Mt 16,16) e Gesù conferma questo riconoscimento: «Beato te, Simone figlio di Giona…» (Mt 16,17).
 
● L’unanime Tradizione della Chiesa, fondata sulla sacra Scrittura, lega indissolubilmente la verginità di Maria santissima con la sua maternità cosicché formano insieme un unico mistero, a sua volta inseparabile dall’evento dell’Incarnazione del Figlio di Dio nel grembo di una vergine (Lc 1,34-35), così come annunciato secoli prima dal profeta Isaia: «Ecco una vergine concepirà e partorirà un Figlio» (7,14).
- Il Catechismo della Chiesa Cattolica (CCC) insegna che: «Fin dalle prime formulazioni della fede, la Chiesa ha confessato che Gesù è stato concepito nel seno della Vergine Maria per la sola potenza dello Spirito Santo, ed ha affermato anche l’aspetto corporeo di tale avvenimento» (n. 496); e aggiunge: «L’approfondimento della fede nella maternità verginale ha condotto la Chiesa a confessare la verginità reale e perpetua di Maria» (CCC n. 499).
 
● I miracoli compiuti da Gesù sono i segni della sua potenza divina con i quali egli dimostra di essere il Figlio di Dio venuto nel mondo secondo la volontà del Padre (cfr. Gv 5,36; 10,52): mettere in discussione la realtà storica dei miracoli evangelici, anche se – come fa Kasper – non di tutti ma di molti, significa minare alle fondamenta la credibilità stessa della divina Rivelazione.
- Il Concilio Vaticano I (1869-1870) afferma: «Nondimeno, perché l’ossequio della nostra fede fosse conforme alla ragione (cfr. Rm 12,1), Dio ha voluto che agli interiori aiuti dello Spirito Santo si accompagnassero anche prove esteriori della sua rivelazione: cioè fatti divini e in primo luogo i miracoli e le profezie che, manifestando in modo chiarissimo l’onnipotenza e la scienza infinita di Dio, sono segni certissimi della divina rivelazione, adatti a ogni intelligenza» (Costituzione dogmatica Dei Filius sulla fede cattolica, III).
- Il suddetto concilio afferma: «Se qualcuno dice che i miracoli sono impossibili e che di conseguenza tutte le narrazioni che vi si riferiscono, anche quelle contenute nella Sacra Scrittura, devono essere annoverate tra le favole o i miti; o che i miracoli non possono mai essere conosciuti con certezza né servire per provare efficacemente l’origine divina della religione cristiana: sia anatema» (ibid., anatemi, III, 4).
- Il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna: «Gesù accompagna le sue parole con numerosi “miracoli, prodigi e segni” (At 2,22) i quali manifestano che in lui il Regno di Dio è presente. Attestano che Gesù è il messia annunciato» (n. 547), e gli stessi miracoli «testimoniano che egli è il Figlio di Dio» (CCC n. 548).
- Affermare che i racconti evangelici di molti miracoli compiuti da Gesù siano “leggendari” e “non storici” sembra palesemente contraddire quanto insegna il Concilio Vaticano II (1962-1965): «La santa madre Chiesa ha ritenuto e ritiene con fermezza e con la più grande costanza che i quattro suindicati Vangeli, di cui afferma senza esitazione la storicità, trasmettono fedelmente quanto Gesù Figlio di Dio, durante la sua vita tra gli uomini, effettivamente operò e insegnò per la loro eterna salvezza, fino al giorno in cui fu assunto in cielo (cfr. At 1,1-2)» (Costituzione dogmatica sulla Divina Rivelazione Dei Verbum, 19). Per la Chiesa, i Vangeli trasmettono fedelmente anche i fatti (miracoli) compiuti da Gesù.
 
● È ovvio che nessun uomo sia stato presente al momento della Risurrezione di Cristo, poiché il passaggio del Signore Gesù dalla morte alla vita nuova glorificata è avvenuto nel sepolcro dove il corpo esanime era sepolto e sigillato (cfr. Gv 20,13; Mt 28,11).
- La prova della realtà storica della risurrezione del Signore Gesù sta nelle innumerevoli manifestazioni del Signore risorto (cfr. 1 Cor 15,4-8). Per i Vangeli e per gli altri Libri del Nuovo Testamento è indubitabile l’esperienza degli apostoli e dei discepoli, per i quali quel Gesù che era indubbiamente morto si è manifestato loro come inequivocabilmente vivo, e vivo di una vita nuova, gloriosa, non più soggetta ai limiti della vita mortale (cfr. Lc 24,3; Gv 20,2).
- Il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna che «Il mistero della risurrezione di Cristo è un avvenimento reale che ha avuto manifestazioni storicamente constatate, come attesta il Nuovo Testamento» (n. 639); infatti «La fede della prima comunità dei credenti è fondata sulla testimonianza di uomini concreti […] prima di tutto Pietro e i Dodici, ma non solamente loro: Paolo parla chiaramente di più di cinquecento persone alle quali Gesù è apparso in una sola volta» (CCC n. 642).
 
● La Chiesa insegna: «Ma è pure notissimo il dogma cattolico, che cioè nessuno può salvarsi fuori della Chiesa cattolica, e che non possono ottenere la salvezza eterna quelli che sono pertinacemente contumaci verso l’autorità e le definizioni della medesima chiesa e quelli che sono separati dall’unità della chiesa stessa e dal romano pontefice, successore di Pietro…» (Pio IX, Enciclica Quanto conficiamur mœrore, 10 agosto 1863). Questa appartenenza può essere consapevole (in coloro che hanno ricevuto la vera fede nel battesimo di acqua e in essa perseverano) o inconsapevole (in coloro che vivono un “battesimo di desiderio”).
- Il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna che «[…] ogni salvezza viene da Cristo Capo per mezzo della Chiesa che è il suo Corpo: […]. Infatti solo Cristo, presente per noi nel suo Corpo che è la Chiesa, è il mediatore e la via della salvezza […]. Perciò non potrebbero salvarsi quegli uomini i quali, non ignorando che la Chiesa cattolica è stata da Dio per mezzo di Gesù Cristo fondata come necessaria, non avessero tuttavia voluto entrare in essa o in essa perseverare (Lumen Gentium, 14)» (n. 846). Naturalmente «Questa affermazione non si riferisce a coloro che, senza loro colpa, ignorano Cristo e la Chiesa» (CCC n. 847). Il motivo della necessità di appartenere alla Chiesa è il medesimo per cui è necessario appartenere a Gesù Cristo: il Signore Gesù infatti è l’unico salvatore del mondo e la Chiesa è il prolungamento della presenza e dell’azione di Cristo nel mondo.
 
● Il Signore Gesù prima di ascendere al Cielo invia i suoi apostoli e, in loro, tutti i discepoli di ogni tempo e luogo: «Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura: chi crederà e sarà battezzato, sarà salvo; chi non crederà sarà condannato» (Mc 16,6).
- Coerentemente con la parola del Signore Gesù, la Chiesa insegna che lo scopo dell’evangelizzazione è la conversione di tutti gli uomini all’unica vera fede, quella cattolica: «[…] è tuttavia compito imprescindibile della Chiesa, ed insieme sacro diritto, evangelizzare tutti gli uomini» (CCC, n. 848), e l’evangelizzazione ha come scopo che «tutti gli uomini siano salvati e giungano alla conoscenza della verità (1 Tim 2,4)». Infatti «Dio vuole la salvezza di tutti attraverso la conoscenza della verità. La salvezza si trova nella verità» (CCC, n. 851).
 
● San Paolo ritiene tanto urgente la conversione dei suoi compatrioti e correligionari da pronunciare una delle affermazioni più ardite di tutta la sacra Scrittura: «Vorrei infatti essere io stesso anàtema, separato da Cristo, a vantaggio dei miei fratelli, miei consanguinei secondo la carne» (Rm 9,3); cioè san Paolo, con linguaggio iperbolico, dice che pur di portare a Cristo i suoi fratelli ebrei sarebbe disposto ad essere lui stesso separato da Cristo! Se questo è lo zelo del più intrepido degli apostoli per la conversione degli ebrei alla fede cristiana, come potrebbe la Chiesa non pensare e agire allo stesso modo?
- La Chiesa intera nella celebrazione del venerdì santo, cioè in uno dei momenti più solenni della sua vita liturgica, prega con queste parole: «Dio onnipotente ed eterno, che hai fatto le tue promesse ad Abramo e alla sua discendenza, ascolta la preghiera della tua Chiesa, perché il popolo primogenito della tua alleanza possa giungere alla pienezza della redenzione…»; ora, è evidente che non si può giungere alla piena redenzione senza riconoscere e professare la fede nel Redentore che ne è la sorgente.
- Il Magistero spiega che «Con la loro stessa esistenza i Dodici – chiamati da provenienze diverse – diventano un appello a tutto Israele perché si converta e si lasci raccogliere nell’alleanza nuova, pieno e perfetto compimento di quella antica» (Benedetto XVI, Udienza Generale, 15 marzo 2006).
 
(Don Claudio Crescimanno)
 
 
^^^^^
 
 
Come ho già avuto occasione di dire, Papa Francesco - nell’esordio del suo primo ‘Angelus’ a Piazza San Pietro - non conosceva evidentemente quanto precedentemente affermato e predicato dal Cardinale Walter Kasper in questa sua Opera fondamentale di molti anni prima se, parlando del suo nuovo libro ‘La misericordia’, dopo l’abituale ‘Fratelli e sorelle, buon giorno!’, ebbe a definirlo 'un teologo in gamba'.

 
Non si può certo dire che al Cardinal Kasper si applichi il motto latino di Virgilio 'ab uno disce omnes'', cioè 'da uno conoscili tutti', e ciò perché non si può fare di ogni erba un fascio, tuttavia non è un mistero che molti nei vertici della Chiesa - e qui è 'carità' non fare nomi - la pensino come lui.

 
Infatti il noto teologo Gibellini ebbe a dichiarare anni fa che quella di Walter Kasper è un’opera che fa testo, studiata ed apprezzata nei Seminari che fra l'altro rappresenta il modo in cui la teologia cattolica oggi riflette sulla Resurrezione.

 
Cosa rimane allora della Rivelazione di Gesù?
 
 
Ritornando, per concludere, al titolo di questo mio 'Pensiero a voce alta': 'Neo Modernismo? La necessità della Resistenza…' raccomando di ritagliarsi anche lo spazio di una decina di minuti per ascoltare, con un piccolo click, la vibrante 'catechesi-video' del 15 gennaio 2017 di don Alessandro Maria Minutella che illustra l'odierna situazione nella Chiesa con straordinaria efficacia e verità, e si chiede: 'La Messa continuerà ad essere cattolica?'.
 
 
 
 

 
   
 
[1] Walter Kasper: 'Gesù il Cristo' - Edizione Queriniana, 2013.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 



> 088. Neo Modernismo? La necessità della… Resistenza. (Prima parte di due)

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Guido Landolina ·
Tags: Neo ModernismoLa necessità della... Resistenza
Nuvole
Atti di riparazione No teologia del processo e del divenire Dott.ssa Elisabetta Frezza Misericordia PENSIERI A VOCE ALTA silenzio della S. Sede Card. Burke satanismo Intervista Benedettini mons. Fellay varie Mistica viareggina Referendum Obama fondazione Maria Valtorta John Major comunismo Twitter Benedetto XVI Consacrazione serate valtortiane Madonna antidarwinismo Redenzione la Colonna dell'Immacolata Morte Pensieri a voce alta OMELIE sbarackato Obama lezioni spirituali incendio Don Ariel Don Minutella Convegno valtortiano 2016 Pensieri a Voce Alta CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta profughi effetto Paglia Marchino assolvere il peccato di aborto il mercante d'armi flat tax limbo assistenza umanitaria sale Purgatorio Vaticano ibernazione Limbo Giappone I 4 Novissimi protestanti Fedeli. sogno avvelenamento di massa Pontefice intervista integrale al Card. Burke Apparizione a Lourdes Fidel Castro Paradiso leggere misericordia Giuda Presepe Commiato all'Opera Verginità di Maria Brexit lotta contro l'aborto demonologia Papa Francesco IMU eutanasia scisma Benedetta Frigerio Fraternità San Pio X Musica Sacra Creazione Palmaro globalizzazione LEZIONI SPIRITUALI condanna Newman Strage di Viareggio Islam moderato Isis Pence 25 novembre 2016 Aleppo Gesù sacramentato furto di ostie Catechismo Maggiore di S. Pio X Beata Giovanna Scopelli LGBT Cuba imparare la Lis gelo articoli vari Basta Bugie Suor Lucia di Fatima comunicazione non ostile Omelie Quo Vadis? confessione peccato originale Storia sociale della Chiesa crollo del tetto di una chiesa febbre spirituale Immacolata Concezione antimassoneria anima vittima Bukavu Amoris laetitia riforma La Samaritana sesto dubia bufale intervista a Burke Rom Russia Concistoro Giovanni Paolo II teoria omosessualità eresia ariana Preti sposati Card. Raymond Burke Finnis dimissioni congelate morte di Fidel Castro 80 anni settimana di preghiera otto errori. Tosatti Claudio Pierantoni Santo Sepolcro Parlamento Sander Magister Ministra dell'Istruzione Maria Valtorta pro-life Neo Modernismo Mary Wagner Fumagalli Re Magi Robert Spaemann diritti l'antilingua fenomeni luterani Giornata della pace vescovo Robert W. McElroy j'accuse articolo su Maria Valtorta promesse fedeltà peronismo nazionalcattolico monachesimo Mattarella castigo di Dio Quaresima pro gender Schneider Santa Veronica Giuliani il reato di intralcio all'aborto Melloni proselitismo Inferno valanga Volto Santo verginità della Vergine Rwanda anno giubilare populismo latinoamericano luce Eye Pyramid Mistica Maria Valtorta La Croce di S. Benedetto Don Giuseppe Berardino Camicia della Madonna convivenza Francia riforma della curia elezioni droga Argentina pensieri a voce alta Caritas Fillon commissariamento Ordine di Malta Convegno Valtorta ex-cathedra creazionismo Valtorta Card. Biffi La necessità della... Resistenza comunione ai divorziati risposati Vittorio Agnoletto Fatima rissa vaticana Israele ecografia prenatale Pietro Medaglia miracolosa darwinismo fare chiarezza cattolici statunitensi a Trump sincretismo Medjugorje gender dittatore massoneria indagato Sala Cattedrale di Reggio Emilia Satana Buon Pastore Sindone Don Ariel S. Levi di Gualdo doveri prostituzione infallibilità AVVISO IMPORTANTE battesimo Apocalisse Cascioli Bernadette L'Evangelo come mi è stato rivelato infallibilità e indeffettibilità della Chiesa cinwue Dubia aborto P. Giovanni Cavalcoli SOSPESO A DIVINIS Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Lourdes Expo Family Day Gerusalemme Difendiamo i nostri figli FB Clinton raccolta firme x chiedere dimissioni Avvenire DUBIA medaglia miracolosa terremotati Beato Mayr-Nusser referendum Scopelli Valeria Fedeli Porta Santa Gandolfini Gender cremazione Stephen Austin Maria Laetitia Trump strafalcioni Italicum Bergoglio miracoli Guido Villa sofferenza dei bambini il sacro tugurio Gedeone eretico Toscana Spadaro Świebodzin supplica Google articolo 138 correzione formale Radio Maria terremoti Beatitudini Don Zucchini rivoluzione religiosa Raul Castro Aldo Maria Valli tragedia a Uyo fastfood profezia Concilio liturgia antica streghe S. Antonio Abate Kosovo domanda Cardinali Conferenze valtortiane Natale Amoris Laetitia treni a vento assenza di Dio in ricordo del viaggio in Italia filatelica Lo Straniero Cristo Re religiosa Umberto Benigni Card. Sarah Gesù Salvatore pro-life italiano Santiago del Estero bellezza Cina Renzi guarigioni eresie feto Non praevalebunt! Ordine di Malta Madonna della Ghiara PENSIERI VOCE ALTA scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Lezioni spirituali p. Enzo Insediamento Trump consumismo interviste Mama Antula Costituzione Frezza cappella agli islamici Kasper Padre Pio Lund morte dei bambini GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Gomez Davila Carlo Acutis Buon Natale strage di Berlino Roberto De Mattei padre Lombardi Risurrezione dei morti Papa Benedetto XVI la verità su Aleppo Unità dei cristiani disorientamento pastorale Italia Renxit tradizionalisti arrogante Pontificato Bergoglio perdono dubia Politi assassinio Theologica comunione a divorziati risposati Socci Amoris Laetitia genocidio Card. Brandmuller omosessuali obiezione di coscienza Basta Bugie economia Dogma omelie modernisti Transustanziazione Fedeli Amoris evoluzionismo lettera dei quattro Cardinali Misericordia et misera Wilders Ratzinger San GIuseppe il cornoletame la Beppina La sconfitta di Renzi tsunami Cattedrale di Pristina nuovo cristianesimo sisma Jean-François Lavére Blondet Guido Landolina Polonia CONFERENZE E SANTE MESSE seminari Giobbe Giubileo della Misericordia carmelitana modernismo odio Agnello di Dio leucemia Crisi del Dogma consustanziazione Germain Grisex Johm alluvioni Giudizio Particolare messainlatino riconteggio Papa video Stephen Scalfari Papa Bergoglio apologetica Boff Lezioni spirituali Dubia Lutero traumi lingue di vermi Lefebvre rifugiati aborto peccato gravissimo
Torna ai contenuti | Torna al menu