Roberto De Mattei - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Il piano strategico per destabilizzare l'Europa.

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Roberto De Mattei ·
Tags: Roberto De Mattei
Dall’invasione migratoria alla guerra civile

(di Roberto de Mattei)

Ormai anche i più riluttanti cominciano ad aprire gli occhi. Esiste un piano organizzato per destabilizzare l’Europa attraverso l’invasione migratoria. Questo progetto viene da lontano. Fin dagli anni Novanta, nel libro 1900-2000. Due sogni si succedono: la costruzione, la distruzione (Fiducia, Roma 1990), descrivevo questo progetto attraverso le parole di alcuni suoi “apostoli”, come lo scrittore Umberto Eco e il cardinale Carlo Maria Martini.

Eco scriveva: «Oggi in Europa non ci troviamo di fronte ad un fenomeno di immigrazione. Ci troviamo di fronte a un fenomeno migratorio (…) e come tutte le grandi migrazioni avrà come risultato finale un riassetto etnico delle terre di destinazioni, un inesorabile cambiamento dei costumi, una inarrestabile ibridazione che muterà statisticamente il colore della pelle, dei capelli, degli occhi delle popolazioni». Il cardinale Martini, da parte sua, riteneva necessaria «una scelta profetica» per comprendere che «il processo migratorio in atto dal Sud sempre più povero verso il Nord sempre più ricco è una grande occasione etica e civile per un rinnovamento, per invertire la rotta della decadenza del consumismo in atto nell’Europa occidentale».
In questa prospettiva di “distruzione creatrice”, commentavo, «non sarebbero gli immigrati a doversi integrare nella civiltà europea, ma sarebbe al contrario l’Europa a doversi dis-integrare e rigenerare grazie all’influenza delle etnie che la occupano (…) È il sogno di un disordine creatore, di una scossa simile a quella che diede nuova vita all’Occidente all’epoca delle invasioni barbariche per generare la società policulturale del futuro».

Il piano era, e resta, quello di distruggere gli Stati nazionali e le loro radici cristiane, non per costruire un Superstato, ma per creare un non-Stato, un orrido vuoto, in cui tutto ciò che ha la parvenza di vero, di buono, di giusto, venga inghiottito nell’abisso del caos. La postmodernità è questa: non un progetto di “costruzione”, come era stata la pseudo-civiltà nata dall’umanesimo e dall’illuminismo e poi sfociata nei totalitarismi del XX secolo, ma una nuova e diversa utopia: quella della decostruzione e della tribalizzazione dell’Europa. Il fine del processo rivoluzionario che da molti secoli aggredisce la nostra civiltà è il nichilismo; il “nulla armato”, secondo una felice espressione di mons. Jean-Joseph Gaume (1802-1879).

Gli anni sono passati e l’utopia del caos si è trasformato nell’incubo che stiamo vivendo.
Il progetto di disgregazione dell’Europa, descritto da Alberto Carosa e Guido Vignelli nel loro documentato studio L’invasione silenziosa. L’“immigrazionismo”: risorsa o complotto? (Roma 2002), è divenuto un fenomeno epocale. Chi denunciava questo progetto veniva definito “profeta di sventura”. Oggi sentiamo dirci che si tratta di un processo inarrestabile, che deve essere “governato”, ma non può essere frenato.
Lo stesso si diceva negli Settanta e Ottanta del ‘900 del comunismo, finché non arrivò la caduta del muro di Berlino, a dimostrare che nulla è irreversibile nella storia, tranne forse la cecità degli “utili idioti”.
Tra questi utili idioti sono sicuramente da annoverare i sindaci di New York, Parigi e Londra, Bill de Blasio, Anne Hidalgo e Sadiq Khan, che il 20 Settembre, in occasione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, in una lettera su The New York Times, dal titolo Our immigrants, our strenght (I nostri immigrati, la nostra forza), hanno lanciato un appello «a prendere misure decise per garantire soccorso e un rifugio sicuro ai profughi in fuga dai conflitti e ai migranti in fuga dalla miseria».

Le centinaia di migliaia d’immigrati che approdano sulle nostre coste non fuggono né i conflitti, né la miseria. Sono giovani in ottima salute, ben curati nell’aspetto, senza segni di ferite né di denutrizione, come accade a chi proviene da zone di guerra o di fame.
Il coordinatore dell’anti-terrorismo dell’Unione Europea, Gilles de Kerchove, parlando il 26 Settembre al Parlamento europeo, ha denunciato una massiccia infiltrazione dell’ISIS tra questi immigrati. Ma anche se, tra loro, i terroristi fossero un’esigua minoranza, tutti i clandestini che sbarcano in Europa sono portatori di una cultura antitetica a quella cristiana e occidentale.
I migranti non vogliono integrarsi in Europa, ma dominarla, se non con le armi, attraverso il ventre delle loro e delle nostre donne. Dove questi gruppi di giovani maschi islamici si insediano, le donne europee rimangono incinte, si formano nuove famiglie “miste”, sottomesse alla legge del Corano, le nuove famiglie richiedono allo Stato moschee e sussidi economici. Ciò avviene con l’appoggio dei sindaci, delle prefetture e delle parrocchie cattoliche.
La reazione della popolazione è inevitabile e in paesi ad alto tasso di immigrazione come la Francia e la Germania sta diventando esplosiva.«Siamo sull’orlo di una guerra civile», ha dichiarato Patrick Calvar, capo della DGSI, la Direzione generale della sicurezza interna francese, davanti ad una commissione parlamentare (Le Figaro, 22 Giugno 2016). Il governo tedesco, da parte sua, ha redatto un “piano di difesa civile” di 69 pagine, in cui si invita la popolazione a fare scorte di cibo e di acqua e a «prepararsi in maniera appropriata ad un evento che potrebbe minacciare la nostra esistenza» (Reuters, 21 Agosto 2016).
Chi sono i responsabili di questa situazione? …
Bisognerebbe cercarli a più livelli. C’è naturalmente la classe dirigente postcomunista e sessantottina, che ha preso in mano le redini della politica europea; ci sono gli intellettuali che hanno elaborato teorie deformi nei campi della fisica, della biologia, della sociologia, della politica; ci sono le lobby, le massonerie, i potentati finanziari, che agiscono talvolta nelle tenebre, talvolta alla luce del sole. È noto, ad esempio, il ruolo del finanziere George Soros e della sua fondazione internazionale Open Society.
In seguito a un attacco hacker, oltre 2.500 mail sono state trafugate al server del magnate americano-ungherese e diffuse su Internet, attraverso il portale DC Leaks. Dalla corrispondenza privata sottratta a Soros risulta il suo finanziamento di attività sovversive in tutti i campi, dall’agenda LGTB ai movimenti pro-immigrazione. Attingendo a questi documenti, Elizabeth Yore, con una serie di articoli su The Remnant, ha dimostrato il sostegno di Soros, diretto e indiretto, anche a papa Bergoglio e ad alcuni dei suoi collaboratori più stretti, come il cardinale Oscar Andres Rodríguez Maradiaga e mons. Marcelo Sanchez Sorondo.
Tra George Soros e papa Francesco appare un’oggettiva convergenza strategica. La politica dell’accoglienza, presentata come la “religione dei ponti” opposta alla “religione dei muri”, è divenuta il leit-motiv del pontificato di Francesco, al punto che qualcuno si chiede se la sua elezione non sia stata favorita proprio allo scopo di offrire agli artefici dell’invasione migratoria l’“endorsment” morale di cui essi hanno bisogno. Quel che è certo è che oggi la confusione nella Chiesa e quella nella società avanzano di pari passo.
Il caos politico prepara la guerra civile, il caos religioso apre la strada agli scismi (31 Ottobre in Svezia?!!!), che sono una sorta di guerra civile religiosa.

Lo Spirito Santo, cui non sempre i cardinali corrispondono in conclave, non cessa però di operare e oggi alimenta il sensus fidei di coloro che si oppongono ai progetti demolitori della Chiesa e della società. La Divina Provvidenza non li abbandonerà.
(Roberto de Mattei)



Articoli recenti
Nuvole
Frezza Family Day correzione formale ibernazione Argentina FB L'Evangelo come mi è stato rivelato Don Ariel (in aborto peccato gravissimo Beato Mayr-Nusser Gedeone Cattedrale di Reggio Emilia raccolta firme x chiedere dimissioni fedeltà silenzio della S. Sede avvelenamento di massa battesimo Bergoglio sincretismo Cristo Re Don Zucchini Twitter riforma della curia S. Antonio Abate CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta fare chiarezza comunione ai divorziati risposati Palmaro Concistoro Dubia populismo latinoamericano Mistica Maria Valtorta Card. Raymond Burke Apocalisse No Gandolfini Cattedrale di Pristina Giornata della pace Papa Benedetto XVI liturgia antica condanna interviste tradizionalisti Atti di riparazione strage di Berlino Morte Santo Sepolcro demonologia anima vittima Medjugorje comunione a divorziati risposati treni a vento eutanasia Presepe Renzi Vaticano scisma Schneider assolvere il peccato di aborto Aleppo Caritas Rwanda Cina PENSUERI A VOCE BASSA l'antilingua Eye Pyramid luterani creazionismo Valeria Fedeli verginità della Vergine Madonna Santiago del Estero Preti sposati Card. Biffi rivoluzione religiosa consustanziazione Roberto De Mattei 25 novembre 2016 Fillon effetto Paglia alta! gender febbre spirituale Guido Villa bellezza apologetica Costituzione protestanti Pensieri a Voce Alta comunismo Toscana La sconfitta di Renzi Świebodzin Sander Magister John Major confessione Card. Sarah fenomeni Johm Scopelli Claudio Pierantoni assistenza umanitaria Catechismo Maggiore di S. Pio X LGBT Amoris Laetitia scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Giobbe cremazione Google cappella agli islamici IMU assassinio consumismo Apparizione a Lourdes AVVISO IMPORTANTE obiezione di coscienza valanga CONFERENZE E SANTE MESSE tragedia a Uyo terremotati articolo su Maria Valtorta Redenzione profughi teologia del processo e del divenire Insediamento Trump seminari dubia Lo Straniero Camicia della Madonna Stephen Austin Quo Vadis? Giuda Italicum domanda Clinton eresia ariana Jean-François Lavére Madonna della Ghiara pillole) in ricordo del viaggio in Italia Pensieri a voce alta (in pillole) GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI profezia Pensieri a voce alta (in pillole) lotta contro l'aborto antimassoneria I 4 Novissimi aborto religiosa castigo di Dio riforma Tosatti Volto Santo la Colonna dell'Immacolata Israele il sacro tugurio Santa Veronica Giuliani La necessità della... Resistenza Pietro Fumagalli ecografia prenatale dittatore Papa Bergoglio economia referendum Amoris laetitia Brexit morte dei bambini eretico gelo prostituzione Pensieri a voce alta Dott.ssa Elisabetta Frezza darwinismo doveri Islam moderato Giubileo della Misericordia Dogma Quaresima Raul Castro guarigioni Padre Pio Ordine di Malta omosessualità Non praevalebunt! disorientamento pastorale intervista a Burke articolo 138 Trump Pillole globalizzazione il mercante d'armi Strage di Viareggio nuovo cristianesimo diritti Aldo Maria Valli Vittorio Agnoletto alluvioni elezioni feto a Suor Lucia di Fatima anno giubilare Pontificato Bergoglio Cuba lettera dei quattro Cardinali Giudizio Particolare ex-cathedra il cornoletame Fedeli. Finnis Spadaro Valtorta Don Ariel S. Levi di Gualdo Mistica viareggina peronismo nazionalcattolico morte di Fidel Castro Kasper Fraternità San Pio X proselitismo Isis fondazione Maria Valtorta Maria Buon Natale Don Giuseppe Berardino Politi modernismo traumi PENSIERI A VOCE ALTA Fedeli intervista integrale al Card. Burke serate valtortiane Ratzinger modernisti Papa lingue di vermi Ministra dell'Istruzione Lefebvre articoli vari Basta Bugie Socci Convegno Valtorta Russia Maria Valtorta Italia Avvenire Pence rissa vaticana Basta Bugie Pensieri Mattarella Medaglia miracolosa La Croce di S. Benedetto Neo Modernismo Inferno massoneria sbarackato Obama Gomez Davila odio Amoris Laetitia Immacolata Concezione Cardinali Papa Francesco Renxit Fatima Re Magi Transustanziazione Umberto Benigni satanismo Giappone Conferenze valtortiane indagato Sala strafalcioni promesse cattolici statunitensi a Trump riconteggio bufale padre Lombardi Theologica sisma Mama Antula pro-life italiano Verginità di Maria 80 anni Francia misericordia Newman Misericordia et misera Marchino sesto dubia cinwue Dubia Omelie Creazione Laetitia Obama messainlatino commissariamento Ordine di Malta Bernadette Parlamento Kosovo Limbo pro-life Porta Santa arrogante infallibilità fastfood pensieri a voce alta Pensiero a voce bassa 1002 Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Difendiamo i nostri figli Benedetto XVI filatelica Blondet droga Fidel Castro video Stephen Melloni Card. Burke Gerusalemme medaglia miracolosa evoluzionismo P. Giovanni Cavalcoli perdono PENSIERI VOCE ALTA Mary Wagner genocidio Unità dei cristiani Sindone comunicazione non ostile supplica Purgatorio varie Concilio Musica Sacra crollo del tetto di una chiesa Guido Landolina Bukavu antidarwinismo carmelitana Expo Carlo Acutis Crisi del Dogma Scalfari assenza di Dio Wilders Beata Giovanna Scopelli SOSPESO A DIVINIS leucemia la Beppina dimissioni congelate Pensieri a voce bassa Satana j'accuse Consacrazione flat tax furto di ostie Robert Spaemann infallibilità e indeffettibilità della Chiesa la verità su Aleppo Lutero il reato di intralcio all'aborto streghe Benedetta Frigerio Storia sociale della Chiesa Pontefice Gender teoria incendio Don Minutella imparare la Lis San GIuseppe settimana di preghiera eresie Risurrezione dei morti pro gender Convegno valtortiano 2016 Rom leggere peccato originale Lund Card. Brandmuller Radio Maria Boff DUBIA sogno miracoli rifugiati Amoris voce limbo tsunami convivenza Lourdes Germain Grisex sofferenza dei bambini Paradiso terremoti monachesimo Polonia Commiato all'Opera mons. Fellay Intervista Benedettini Cascioli Natale vescovo Robert W. McElroy Pensieri a Voce Bassa Referendum omosessuali Gesù sacramentato Giovanni Paolo II otto errori.
Torna ai contenuti | Torna al menu