sbarackato Obama - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Sbarackato Obama, la sinistra è sul (ca)viale del tramonto. Le vere novità politiche sono Trump e Putin: le due uscite dal fallimento del comunismo e del maercatismo

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Antonio Socci ·
Tags: sbarackato Obama

Posted: 14 Jan 2017 10:10 AM PST



L’anno fatale che dette inizio alla tragedia fu il 1917. In questo 2017 dunque cade il centenario della “rivoluzione russa” e il comunismo non russa più in Europa, è proprio morto.

Altrove è ancora vivo e lotta contro di noi (fra Cina, Corea del Nord, Vietnam, Laos e Cuba, sono circa un miliardo e mezzo i sudditi che vivono tuttora sotto il tallone di regimi rossi).

Però sul finire del 2016 ha provveduto ad andarsene Fidel Castro che era l’ultimo simbolo storico del comunismo internazionale ancora in vita. E per una curiosa coincidenza in questo inizio di 2017 in Italia sta (ri)morendo “l’Unità” (o almeno così pare) che era l’ultimo reperto rimasto del partito comunista più grande d’occidente, il Pci appunto.

Del resto se dal comunismo passiamo al postcomunismo e allarghiamo la visuale su tutta la Sinistra, cioè sul cosiddetto campo progressista, la situazione è egualmente disastrosa: le iscrizioni al Pd sono dimezzate – per esempio – sia in Emilia che a Torino e il governo Pd, presieduto da Paolo Gentiloni, sta per diventare l’ultimo dei Mohicani in Europa.

Infatti il socialista Hollande in Francia è stato disastroso e i candidati socialisti alle presidenziali d’oltralpe sono dati per sconfitti in partenza. Poi, come ho già scritto su queste colonne, la Sinistra è in panne pure in Gran Bretagna, in Germania e in Spagna. Ed è crollata rovinosamente nelle roccaforti sudamericane: Brasile e Argentina.

CAPODANNO

In questi giorni però c’è un’altra disfatta, la più grande: l’uscita di scena – rancorosa e sgangherata – di colui che è stato il vero leader dello schieramento “progressista” mondiale, Barack Obama, detto Sbarack per il “fair play” che dimostra dopo la sconfitta sua e di Hillary.

Obama incarna i due connotati fondamentali della sinistra mondiale al tempo della “post verità”: l’ipocrisia e le bufale.

Un borioso complesso di superiorità morale che poi si sposa tranquillamente con politiche ciniche e devastanti.

Obama – per dire – è il “Nobel per la pace” (assegnatogli preventivamente), vezzeggiato da terzomondisti e pacifisti, che in realtà ha seminato nel mondo caos, minacce militari e conflitti sanguinosi, risultando alla fine, la sua, l’amministrazione Usa che fatto smerciare una quantità esorbitante di armi nel mondo:

Dal 2008 al 2015 (in pratica durante i suoi due mandati), gli Usa hanno chiuso accordi per 200 miliardi di dollari, pari al 42% dell’intero ammontare del traffico di armi in questi paesi”, ha scritto Giampaolo Rossi, e “probabilmente nel 2016 il volume trasferimenti complessivi di armi autorizzati dall’amministrazione Obama risulterà aumentare considerevolmente se verrà confermato lo sbalorditivo accordo di 115 miliardi di dollari siglato da Obama con il governo saudita”.
Si potrebbero citare altri esempi sotto le voci “ipocrisia” e “bufale”. Obama era il presidente della retorica della pacificazione americana e sotto la sua amministrazione è drammaticamente tornata ad esplodere la questione razziale.

E’ stato il beniamino dei radical-chic che sono inorriditi quando Trump ha annunciato che avrebbe espulso i clandestini, ma – zitto zitto – Obama dal 2009 al 2015 ne aveva respinti 2 milioni e mezzo (e ora, in Italia, il ministro Minniti non cerca forse di fare quello che – al tempo di Maroni – faceva insorgere la sinistra dei salotti?).

D’altra parte Obama ha sempre fatto pressioni perché l’Italia e l’Europa si sobbarcassero milioni di immigrati.
Obama è quello che insorge contro le (non dimostrate) intromissioni straniere nella politica Usa, mentre lui ha messo il naso pure nel referendum sulla Brexit e in quello italiano sulle riforme costituzionali (ancora peggio ha cercato di rovesciare il presidente siriano Assad con i risultati tragici che conosciamo).
Obama parla di spionaggio altrui (peraltro non provato) rappresentando una potenza che – anche nei suoi anni – ha origliato perfino i capi di governo alleati.

In un servizio dell’ottobre 2013 intitolato “United Stasi of America: Obama spia tutti” il settimanale “Panorama” scriveva: “Fare un elenco degli spiati dall’America di Obama vuol dire mettere in fila una bel numero di nazioni, nomi di capi di governo e di stato, organizzazioni politiche ed economiche internazionali, società multinazionali e imprese straniere e americane, e tanti, tanti, ma proprio tanti semplici cittadini”.

In continuità con Bill Clinton, Obama è stato il vero sponsor di quella globalizzazione finanziaria che ha reso il regime cinese una grande potenza e ha impoverito i ceti medi e le classi lavoratrici occidentali: non a caso gli operai americani alle presidenziali hanno votato Trump, che riporta il lavoro negli States, e non quella Hillary Clinton che era sostenuta da tutti i salotti e tutte le élite del capitalismo.

PD: OBAMA ED EURO

Il Pd nostrano aveva in Obama e in Hillary Clinton i suoi veri leader, i suoi sponsor e i suoi simboli. E tuttora i nostri “democratici” non si rendono conto del vicolo cieco in cui si sono cacciati (nemmeno dopo la batosta al referendum del 4 dicembre).

Qualche giorno fa, in tv, un esponente del Pd, a chi rimproverava il suo partito per il mostruoso livello della disoccupazione giovanile raggiunto in Italia, ha ribattuto che loro hanno fatto la legge sulle “unioni civili”. Una risposta che dice tutto.

Fin qui l’obamismo del Pd. L’altro connotato del Pd veniva dall’Ulivo, la compagine – scriveva Gianni Baget Bozzo – che si presentò “come il partito dell’integrazione europea”, cioè il partito di Maastricht e dell’euro (questa ideologia dell’Ulivo aveva come guide e simboli Romano Prodi, Oscar Luigi Scalfaro, Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano).

Il fallimento della globalizzazione di Clinton e Obama negli Usa ha prodotto Trump. Il fallimento della tecnocrazia dell’euro ha prodotto in Europa la Brexit e i cosiddetti “populismi”: etichetta che intende solo demonizzare tutti gli oppositori, ma non significa niente.

Di fatto la costruzione tecnocratica dell’Europa – che Vladimir Bukovskij riteneva somigliante all’ex Urss – sembra avere i giorni contati. Quali sono le analogie (a parte la scarsa propensione a far decidere gli elettori)?

DUE FALLIMENTI

L’utopia comunista aveva il progetto – orribile e titanico – di sostituire sia la nazione sia il cristianesimo.

Invece oggi la Russia e l’Est europeo rinascono ritrovando sia le loro radici cristiane che le loro identità di popoli e i loro interessi nazionali.

Per questo può sorgere una stagione di pace nel dialogo con gli Usa di Trump.

Ma anche la Globalizzazione dell’America liberal e il progetto tecnocratico europeo (a egemonia tedesca) hanno perseguito, per vie diverse, lo stesso obiettivo che il comunismo sovietico aveva fallito: spazzar via le identità nazionali, religiose e statuali trasformando tutto in merce, anche i popoli, guidati da un governo mondiale della tecnocrazia finanziaria.

La sinistra postcomunista italiana si è riciclata in questi progetti tecnocratici e nichilisti, insieme con le altre “sinistre” (per esempio quella cattolica) e adesso si trovano tutte in crisi.

LA SVOLTA BUONA

C’è infatti un altro modo di uscire dal fallimento dell’ideologia marxista e dal fallimento dell’ideologia “mercatista”: lo mostrano oggi Trump e Putin (sia pure con tutti i loro limiti, ma anche con grandi possibilità di costruire pace e prosperità per i loro popoli).

Stati Uniti e Russia in questo momento storico sono le due vere novità politiche.

Con le quali l’Ue deve fare i conti. Con cui devono ripensarsi tutti. Anche il centrodestra italiano. Ma soprattutto il centrosinistra.

Perché se il “Sol dell’avvenire” è già tramontato da tempo, anche l’ideologia radical-chic, nichilista e tecnocratica, oggi è al tappeto: si potrebbe dire che sta sul caViale del tramonto, vista la trasformazione dei “progressisti” in “gauche caviar”, cioè sinistra al caviale.

Anche Renzi dovrà decidere se rimpiangere Obama o guardare al futuro e cambiare del tutto paradigma (magari chiudendo il Pd).
.
Antonio Socci
Da “Libero”, 14 gennaio 2016



Nuvole
Crisi del Dogma Mistica Maria Valtorta Roberto De Mattei Babele SOSPESO A DIVINIS Santiago del Estero il reato di intralcio all'aborto Israele ibernazione Schneider genocidio satanismo omosessuali droga omosessualità treni a vento Cascioli Don Zucchini Incontro 80 sindaci da tutto il mondo globalizzazione Vaticano Don Minutella disorientamento pastorale Conferenze valtortiane Kosovo Gandolfini articolo 138 lettera dei quattro Cardinali Non praevalebunt! Quaresima pro-life italiano terremotati Claudio Pierantoni Benedetta Frigerio Pietro battesimo Kasper imparare la Lis Morte Transustanziazione Giubileo della Misericordia Porta Santa tsunami strage di Berlino fedeltà aborto peccato gravissimo Don Ariel Parlamento populismo latinoamericano Umberto Benigni silenzio della S. Sede comunione a divorziati risposati antidarwinismo seminari Misericordia darwinismo Concistoro Agnello di Dio sogno diritti eresia ariana Scalfari Wilders Cristo Re Fedeli crollo del tetto di una chiesa Consacrazione 25 novembre 2016 Family Day profezia vescovo Robert W. McElroy la Beppina Politi Storia sociale della Chiesa Lo Straniero S. Antonio Abate Rom sbarackato Obama Giobbe Pence serate valtortiane peccato originale Carlo Acutis Brexit indagato Sala Dott.ssa Elisabetta Frezza carmelitana LGBT IMU odio guarigioni cattolici statunitensi a Trump Pensieri a Voce Alta Card. Burke Fillon Medaglia miracolosa Re Magi Avvenire Fumagalli Świebodzin bellezza Ordine di Malta Gomez Davila La Samaritana Card. Brandmuller Purgatorio Caritas Robert Spaemann P. Giovanni Cavalcoli avvelenamento di massa valanga protestanti Theologica comunione ai divorziati risposati Santa Veronica Giuliani Cattedrale di Reggio Emilia lezioni spirituali comunicazione non ostile proselitismo scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi La necessità della... Resistenza PENSIERI VOCE ALTA Mary Wagner il mercante d'armi Melloni Renzi Misericordia et misera Lezioni spirituali p. Enzo Padre Pio cremazione evoluzionismo ex-cathedra Spadaro Sindone Laetitia Expo Paradiso Polonia Immacolata Concezione raccolta firme x chiedere dimissioni nuovo cristianesimo assenza di Dio Palmaro Convegno Valtorta Card. Sarah Omelie Gesù sacramentato Russia Johm consustanziazione Atti di riparazione sofferenza dei bambini Preti sposati traumi Islam moderato Vittorio Agnoletto doveri settimana di preghiera misericordia cappella agli islamici arrogante rifugiati Fatima tragedia a Uyo Rwanda infallibilità AVVISO IMPORTANTE riforma della curia Apparizione a Lourdes apologetica Pontificato Bergoglio Suor Lucia di Fatima Lezioni spirituali Clinton Don Ariel S. Levi di Gualdo Aleppo l'antilingua Gedeone Marchino confessione fenomeni miracoli Beato Mayr-Nusser Papa Bergoglio antimassoneria modernismo ecografia prenatale Argentina Volto Santo Mistica viareggina morte dei bambini consumismo anno giubilare Pontefice teologia del processo e del divenire modernisti varie limbo Card. Biffi Concilio liturgia antica tradizionalisti promesse Frezza filatelica il cornoletame il sacro tugurio Pensieri a voce alta padre Lombardi dubia luterani Amoris laetitia San GIuseppe Beata Giovanna Scopelli gender Maria leucemia Lutero strafalcioni Madonna della Ghiara castigo di Dio Lefebvre lotta contro l'aborto Finnis DUBIA Catechismo Maggiore di S. Pio X Apocalisse Aldo Maria Valli febbre spirituale I 4 Novissimi sesto dubia Giappone Musica Sacra intervista integrale al Card. Burke pro gender fastfood Italia effetto Paglia pensieri a voce alta Radio Maria articolo su Maria Valtorta eresie streghe Francia obiezione di coscienza sale Newman Cina Limbo Guido Landolina Sander Magister cinwue Dubia Cattedrale di Pristina Renxit Valeria Fedeli Fedeli. mons. Fellay pro-life Risurrezione dei morti commissariamento Ordine di Malta Blondet Gerusalemme LEZIONI SPIRITUALI Bukavu Giuda Papa Benedetto XVI Camicia della Madonna Mattarella Quo Vadis? L'Evangelo come mi è stato rivelato Tosatti lingue di vermi Cardinali rissa vaticana feto Twitter Santo Sepolcro verginità della Vergine Google la Colonna dell'Immacolata Bergoglio Bernadette CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Guido Villa in ricordo del viaggio in Italia incendio Card. Raymond Burke perdono John Major Obama profughi eutanasia Papa assassinio eretico No Creazione leggere Basta Bugie Valtorta Gesù Salvatore Costituzione Benedetto XVI video Stephen Maria Valtorta furto di ostie Scopelli Natale referendum fare chiarezza Ratzinger monachesimo messainlatino intervista a Burke Isis Eye Pyramid GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI condanna peronismo nazionalcattolico Don Giuseppe Berardino Amoris Raul Castro Intervista Benedettini creazionismo Trump aborto Lourdes massoneria gelo infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Verginità di Maria 80 anni dimissioni congelate assolvere il peccato di aborto Fidel Castro Papa Francesco Lund Satana Cuba correzione formale sisma prostituzione demonologia medaglia miracolosa Commiato all'Opera morte di Fidel Castro scisma alluvioni Referendum Buon Pastore luce Insediamento Trump Amoris Laetitia Inferno Ministra dell'Istruzione Socci elezioni teoria convivenza Medjugorje Giovanni Paolo II j'accuse dittatore Boff Germain Grisex Dogma rivoluzione religiosa supplica Fraternità San Pio X religiosa economia Madonna Stephen Austin articoli vari Basta Bugie Presepe terremoti Unità dei cristiani Gender fondazione Maria Valtorta la verità su Aleppo Neo Modernismo Convegno valtortiano 2016 assistenza umanitaria otto errori. domanda Strage di Viareggio La sconfitta di Renzi Toscana Buon Natale Giornata della pace Amoris Laetitia Redenzione flat tax Dubia CONFERENZE E SANTE MESSE comunismo bufale Giudizio Particolare Italicum riforma riconteggio Jean-François Lavére FB Difendiamo i nostri figli interviste sincretismo Mama Antula anima vittima Beatitudini
Torna ai contenuti | Torna al menu