Melloni - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> L'intollerabile aggressione ai "quattro cardinali"

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli de La Nuova Bussola Quotidiana ·
Tags: CascioliDubiaMelloniSpadaroAmorisLaetitia




di Riccardo Cascioli
01-12-2016
Li hanno dipinti come “vecchi rincoglioniti”, quattro cardinali isolati e fuori dal mondo, rimasuglio di una Chiesa ormai superata che vede solo la rigidità della dottrina e non capisce la Misericordia che entra nelle pieghe della vita. Insomma, uno scarto della Chiesa, un’appendice marginale neanche degna di un “sì” o un “no” alle loro domande.

Eppure devono averne una gran paura se da giorni stiamo assistendo a un crescendo di insulti e accuse pesanti, ormai un vero e proprio linciaggio mediatico, contro i quattro cardinali – Raymond Burke, Walter Brandmuller, Carlo Caffarra e Joachim Meisner – rei di aver resi pubblici cinque “Dubia” già presentati a papa Francesco riguardo all'esortazone apostolica Amoris Laetitia. Addirittura siamo arrivati a richieste di dimissioni dal collegio cardinalizio o, in alternativa, suggerimenti al Papa di togliere loro la berretta cardinalizia.

I protagonisti sono i più vari: vescovi che hanno da regolare conti personali, ex filosofi che rinnegano il principio di non contraddizione, cardinali amici di papa Francesco che malgrado l’età non hanno abbandonato i sogni rivoluzionari, intellettuali e giornalisti che si considerano “guardiani della rivoluzione”, e l’immancabile padre Antonio Spadaro, direttore della Civiltà Cattolica e vera eminenza grigia di questo pontificato, tanto da essere conosciuto a Roma come il vice-Papa. Quest’ultimo poi, come un adolescente qualsiasi, si è reso protagonista di bravate sui social che lasciano esterrefatti: dapprima con un tweet ha apostrofato il cardinale Burke paragonandolo al “verme idiota” del Signore degli anelli (tweet poi cancellato); quindi si è messo a rilanciare tweet offensivi nei confronti dei quattro cardinali partiti dall’account “Habla Francisco” (Parla Francesco), che si è scoperto ieri riportare all’indirizzo e-mail di padre Spadaro alla Civiltà cattolica. E poi l’immancabile Alberto Melloni, punto di riferimento della Scuola di Bologna che lavora per una riforma della Chiesa fondata sullo “spirito” del Concilio Vaticano II.

È un vero e proprio nuovo tribunale dell’Inquisizione che, colpendo i quattro, intende intimidire chiunque abbia l’intenzione di esprimere anche semplici domande, figurarsi chi volesse esternare delle perplessità.

È un atteggiamento inquietante, una difesa del Papa quanto meno sospetta da parte di chi ha apertamente contestato i predecessori di papa Francesco. E solo per aver posto delle semplici domande di chiarimento a proposito dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia che, come chiunque può constatare, ha dato origine a interpretazioni opposte e sicuramente non conciliabili. Al proposito bisogna ricordare che i “Dubia” sono uno strumento molto utilizzato nel rapporto tra vescovi e Congregazione per la Dottrina della Fede (e attraverso questa con il Papa). La novità in questo caso è semplicemente nell’aver resi pubblici questi Dubia, ma dopo ben due mesi di vana attesa di una risposta, che i quattro cardinali hanno legittimamente interpretato come un invito a proseguire la discussione.

Eppure per Melloni si tratta di «un atto sottilmente eversivo, parte di un gioco potenzialmente devastante, con ignoti mandanti, condotto sul filo di una storia medievale». Atto eversivo, spiegherà Melloni in un’altra intervista, perché fare domande significa mettere il Papa sotto accusa, un metodo da inquisizione. Cose da non credere: chiedere chiarimenti è diventata un’attività eversiva, da Inquisizione. E gli «ignoti mandanti» poi: accuse vaghe, scenari fantasiosi ma che devono dare l’impressione di una cospirazione da fronteggiare con decisione. E infatti ecco il passaggio successivo: «Chi porta attacchi come questo (…) è qualcuno che punta a dividere la Chiesa», dice. E quindi ecco le conseguenze auspicate: «…nel diritto canonico è un crimine, punibile».

Addirittura criminali, dunque, perché vogliono dividere la Chiesa. Poco importa se la realtà è esattamente opposta: la spinta a rivolgere delle domande al Papa nasce proprio dalla constatazione della divisione nella Chiesa che si è palesata con le opposte interpretazioni di Amoris Laetitia.

C’è proprio puzza di maoismo nella Chiesa, rumore di Guardie Rosse e di avanguardie rivoluzionarie; ci mancano solo i campi di rieducazione. Anzi no, pare che già ci siano anche quelli, almeno stando al solito Melloni. Infatti, ci spiega il perché papa Francesco non abbia usato nei confronti di monsignor Lucio Vallejo Balda – nelle carceri vaticane per lo scandalo Vatileaks – quella clemenza che ha invece invocato per i carcerati nei vari paesi del mondo: «A fine Giubileo si capisce il perché: papa Francesco non vedeva in quel processo una procedura penale, ma un gesto pedagogico verso gli avversari» che ora «rischiano molto». Insomma, colpirne uno per educarne cento.

Si tratta di una lettura davvero inquietante, a maggior ragione se si pensa che quanti oggi si scatenano a difesa del Papa per delle semplici domande di chiarimento che dovrebbero essere normali, fino a ieri contestavano apertamente i predecessori di papa Francesco. Anzi, vedono oggi in papa Francesco la possibilità di cancellare quanto sulla famiglia hanno insegnato Paolo VI e Giovanni Paolo II. L’enciclica Humanae Vitae (Paolo VI) e l’esortazione apostolica Familiaris Consortio (Giovanni Paolo II) sono state nel mirino di vari episcopati europei (Austria, Germania, Svizzera, Belgio) anche nel recente doppio Sinodo sulla famiglia.

E chi di costoro si è scandalizzato quando il cardinale Carlo Maria Martini ha scritto chiaro e tondo (Conversazioni notturne a Gerusalemme) che l’Humanae Vitae ha prodotto «un grave danno» col divieto della contraccezione cosicché «molte persone si sono allontanate dalla Chiesa e la Chiesa dalle persone»? E ha auspicato un nuovo documento pontificio che la superi, soprattutto dopo che Giovanni Paolo II seguì «la via di una rigorosa applicazione» della Humanae Vitae? Certamente nessuno, perché ciò che conta non è l’oggettività del Magistero (il cui riferimento è la Rivelazione di Dio), ma il progetto ideologico di queste avanguardie sedicenti interpreti della volontà popolare.

E allora c’è un’intima coerenza nel fatto che i papisti di oggi siano i ribelli di ieri. Sì, ribelli. Perché da Paolo VI in poi, questi vescovi e intellettuali, questi maestri di obbedienza al Papa, hanno dichiarato guerra al Magistero in quanto non recepiva lo spirito del Vaticano II; hanno firmato manifesti, documenti e appelli in cui contestavano apertamente il Papa regnante, fosse Paolo VI, Giovanni Paolo II o Benedetto XVI. Ricordiamo almeno il pesante documento del noto moralista tedesco Bernard Haring nel 1988 contro Giovanni Paolo II che tanto sostegno ricevette in tutta Europa, subito seguito dalla Dichiarazione di Colonia, nel 1989, dello stesso tenore, firmata da numerosi e influenti teologi tedeschi, austriaci, olandesi e svizzeri. E in Italia subito accolta con favore, tra gli altri, da quel Giovanni Gennari  che oggi fa il quotidiano custode dell’ortodossia dalle colonne di Avvenire.

Ma nello stesso anno in Italia arriva anche il Documento dei 63 teologi, una Lettera ai cristiani pubblicata sulle colonne de Il Regno, in cui si contesta apertamente il magistero di Giovanni Paolo II. E nell’elenco dei firmatari ci troviamo nomi noti che hanno imperversato in seminari e atenei pontifici negli ultimi decenni, realizzando un vero e proprio magistero parallelo di cui oggi vediamo gli amari frutti. Facevano le vittime, ma tutti hanno fatto brillanti carriere, qualcuno è anche diventato vescovo come quel monsignor Franco Giulio Brambilla, attualmente vescovo di Novara e in corsa per succedere al cardinale Angelo Scola a Milano. Ma guarda caso, tra le firme troviamo l’immancabile Alberto Melloni, con i suoi colleghi della Scuola di Bologna (Giuseppe Alberigo in testa), il priore della Comunità di Bose Enzo Bianchi, Dario Antiseri, Attilio Agnoletto.

Sono gli stessi che hanno continuato ad attaccare pubblicamente Benedetto XVI, anche con palesi prese in giro, riguardo alla corretta interpretazione del Concilio Vaticano II che Melloni, Bianchi e co. hanno sempre visto come svolta radicale e irreversibile «nella comprensione della fede ecclesiale», contro l’ermeneutica della riforma nella continuità spiegata da papa Ratzinger. E come non ricordare le vesti stracciate per la scomunica tolta ai lefevriani mentre ora neanche un sospiro si è levato di fronte alle aperture unilaterali di papa Francesco.

Sono questi i personaggi che oggi pretendono di giudicare cardinali, vescovi e laici preoccupati della grave confusione che si è creata nella Chiesa. Una banda di ipocriti e sepolcri imbiancati, che perseguono da decenni una loro agenda ecclesiale, che usano il Papa per affermare un loro progetto di Chiesa, e che oggi si permettono l’arroganza di chi pensa di essere al comando di una vincente e gioiosa macchina da guerra. Sono questi i veri fondamentalisti, sostenuti da una stampa compiacente che non vede l’ora di cancellare definitivamente ogni traccia di identità cattolica. Che però, purtroppo per loro, non soccomberà.



Nuvole
Spadaro Madonna terremoti Concilio Mistica Maria Valtorta Intervista Benedettini Musica Sacra Mattarella Babele Giubileo della Misericordia fondazione Maria Valtorta Amoris Laetitia antidarwinismo Purgatorio No La necessità della... Resistenza Papa Benedetto XVI Porta Santa Caritas Theologica Melloni Benedetto XVI Don Zucchini Dogma Giappone Buon Natale Quo Vadis? fastfood gelo Morte Gandolfini Limbo Madonna della Ghiara lingue di vermi Atti di riparazione Radio Maria Card. Biffi disorientamento pastorale settimana di preghiera Rom Schneider Germain Grisex indagato Sala Giudizio Particolare rissa vaticana Lutero Lourdes sesto dubia padre Lombardi commissariamento Ordine di Malta FB Storia sociale della Chiesa sincretismo assenza di Dio Fatima LEZIONI SPIRITUALI La Samaritana la Colonna dell'Immacolata riconteggio streghe Difendiamo i nostri figli teoria Apparizione a Lourdes serate valtortiane Ordine di Malta guarigioni Don Minutella Kosovo Sander Magister odio Wilders Raul Castro Roberto De Mattei Insediamento Trump la verità su Aleppo Papa Bergoglio teologia del processo e del divenire fedeltà dittatore Ratzinger Beata Giovanna Scopelli Gerusalemme Inferno crollo del tetto di una chiesa morte di Fidel Castro tradizionalisti Unità dei cristiani John Major la Beppina infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Pietro Don Giuseppe Berardino monachesimo Suor Lucia di Fatima Catechismo Maggiore di S. Pio X demonologia strage di Berlino La sconfitta di Renzi domanda Fraternità San Pio X pro gender comunione ai divorziati risposati eretico obiezione di coscienza Cardinali Expo Twitter Pensieri a voce alta sbarackato Obama Giovanni Paolo II Finnis ex-cathedra cattolici statunitensi a Trump Card. Sarah assolvere il peccato di aborto apologetica Benedetta Frigerio Re Magi Bergoglio misericordia Gesù Salvatore sofferenza dei bambini sisma raccolta firme x chiedere dimissioni infallibilità supplica furto di ostie video Stephen Buon Pastore Quaresima droga Toscana globalizzazione convivenza Vaticano cremazione nuovo cristianesimo modernismo ibernazione Don Ariel S. Levi di Gualdo satanismo messainlatino Misericordia et misera P. Giovanni Cavalcoli Avvenire Italicum Conferenze valtortiane ecografia prenatale Bukavu Marchino Crisi del Dogma Referendum avvelenamento di massa bellezza Fumagalli Newman Brexit Carlo Acutis Italia Valeria Fedeli Vittorio Agnoletto Kasper Lund I 4 Novissimi Clinton comunismo Dott.ssa Elisabetta Frezza Guido Villa Laetitia Francia comunione a divorziati risposati Medaglia miracolosa creazionismo il cornoletame febbre spirituale Pontefice Presepe L'Evangelo come mi è stato rivelato Santiago del Estero lotta contro l'aborto sale Beato Mayr-Nusser limbo Giornata della pace LGBT Preti sposati correzione formale Argentina genocidio Verginità di Maria Lezioni spirituali p. Enzo feto Convegno Valtorta Family Day luce verginità della Vergine Umberto Benigni Gesù sacramentato Don Ariel elezioni Immacolata Concezione il reato di intralcio all'aborto Incontro 80 sindaci da tutto il mondo comunicazione non ostile Omelie riforma della curia liturgia antica medaglia miracolosa Cina Risurrezione dei morti varie Eye Pyramid Scalfari Amoris proselitismo San GIuseppe Volto Santo S. Antonio Abate profezia intervista a Burke Cuba Amoris laetitia protestanti Lefebvre Costituzione incendio Fedeli Pence Guido Landolina condanna castigo di Dio Concistoro Fidel Castro arrogante articolo su Maria Valtorta Mama Antula aborto peccato gravissimo Maria Valtorta in ricordo del viaggio in Italia Creazione il sacro tugurio profughi Isis silenzio della S. Sede massoneria rifugiati Papa Francesco seminari economia Satana Bernadette PENSIERI VOCE ALTA bufale Maria Cattedrale di Reggio Emilia lezioni spirituali Google Santa Veronica Giuliani Aleppo Trump religiosa modernisti Dubia SOSPESO A DIVINIS Polonia Santo Sepolcro Rwanda Lezioni spirituali Fedeli. imparare la Lis Stephen Austin Apocalisse riforma prostituzione pro-life Robert Spaemann confessione flat tax eutanasia Frezza articoli vari Basta Bugie Basta Bugie Blondet Islam moderato Transustanziazione Pontificato Bergoglio gender pro-life italiano Cascioli alluvioni leucemia Gomez Davila Renxit GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Mistica viareggina Giobbe Card. Burke traumi omosessualità assistenza umanitaria fare chiarezza Valtorta scisma filatelica Cattedrale di Pristina populismo latinoamericano Parlamento Natale anima vittima tragedia a Uyo Johm perdono omosessuali Fillon il mercante d'armi diritti otto errori. lettera dei quattro Cardinali peccato originale Boff Paradiso referendum antimassoneria Giuda articolo 138 Renzi fenomeni anno giubilare Scopelli Jean-François Lavére tsunami Card. Brandmuller evoluzionismo consumismo 80 anni Ministra dell'Istruzione eresie Strage di Viareggio Misericordia treni a vento Świebodzin vescovo Robert W. McElroy Neo Modernismo CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Politi 25 novembre 2016 mons. Fellay Papa dubia strafalcioni Palmaro battesimo Socci Sindone luterani morte dei bambini Claudio Pierantoni pensieri a voce alta Medjugorje terremotati interviste sogno Cristo Re dimissioni congelate Aldo Maria Valli Commiato all'Opera scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Lo Straniero AVVISO IMPORTANTE Non praevalebunt! CONFERENZE E SANTE MESSE Pensieri a Voce Alta Mary Wagner promesse eresia ariana Amoris Laetitia j'accuse consustanziazione Consacrazione carmelitana darwinismo miracoli Camicia della Madonna Gedeone assassinio Convegno valtortiano 2016 Card. Raymond Burke doveri rivoluzione religiosa Russia leggere Tosatti peronismo nazionalcattolico Redenzione IMU aborto Gender valanga Israele Obama Padre Pio effetto Paglia Beatitudini Agnello di Dio l'antilingua DUBIA cappella agli islamici cinwue Dubia intervista integrale al Card. Burke
Torna ai contenuti | Torna al menu