S. Antonio Abate - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Sant’Antonio Abate: il monachesimo a difesa della vita e della dottrina

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Zenit ·
Tags: S. Antonio Abatemonachesimo

Vissuto nel III secolo, scelse l’eremitaggio non perché deluso dal mondo ma per ascoltare la volontà di Dio

OSVALDO RINALDI


Tentazioni Di Sant'Antonio Di David Teniers Il Giovane (Museo El Prado - Madrid)

Ogni vita umana lascia un solco durante il suo passaggio sulla terra, ma alcune esistenze generano orme che costituiscono una via da seguire sia per i contemporanei che per i successori. La vita del Santo egiziano Antonio Abate è un esempio eloquente di come la novità di vita incontra attrazione e gradimento per il fascino di conformarsi alla bellezza e alla verità evangelica.

Antonio è il capostipite di coloro che hanno scelto la vita eremitica nella storia della Chiesa. Antonio nacque intorno al 250 a Coma, una località situata nel cuore dell’Egitto. La sua vita fu segnata dalla perdita dei suoi genitori a giovane età, un evento che lo condusse a maturare una ispirata ed autentica adesione a Cristo. All’età di vent’anni, sotto l’ispirazione dello Spirito Santo, distribuì tutti i suoi beni ai poveri, per vivere una vita ascetica in intima comunione con Cristo, dapprima nel deserto della Tebaide e successivamente sulle rive del Mar Rosso, dove condusse una vita anacoretica per più di ottant’anni.

La sua vita ermetica fu interrotta dalla visita di tante persone, le quali accorrevano a lui per avere un consiglio, per trovare una risposta alle loro inquietudini, o semplicemente per il fatto di essere attratti da quella novità di vita che affascinava molti dei suoi contemporanei. Tra queste persone vi era gente comune, ma anche personaggi illustri. La tradizione racconta che anche Costantino e i suoi figli si recarono da Antonio per chiedere consigli e delucidazioni su alcune decisioni da prendere.

Antonio lasciò due volte la sua vita eremitica, perché si sentì chiamato a compiere la missione che Dio gli aveva affidato. Una prima volta Antonio lasciò il suo eremitaggio per sostenere e confortare la comunità cristiana di Alessandria di Egitto perseguitata dall’imperatore Diocleziano.

Vi fu una seconda volta nella quale Antonio abbandonò la sua vita eremitica; avvenne quando egli si sentì chiamato a difendere la Chiesa dal mortale veleno dell’eresia ariana. Egli invitava i cristiani a rimanere fedeli alle decisioni prese durante il Concilio di Nicea. Antonio fu di grande sostegno ad Atanasio nella lotta contro gli ariani che negavano la presenza della divinità in Gesù Cristo.

Già in vita, Antonio ricevette tante manifestazioni di affetto e di stima. Tanti sono stati i suoi “discepoli”, i quali ispirati dalla sua radicale scelta di vita, decisero di consacrare la loro esistenza alla vita eremitica. Il grande Atanasio, Vescovo di Alessandria di Egitto e dottore della Chiesa, ha avuto il grande merito di divulgare la vita di Antonio Abate, preparando la via alla diffusione del monachesimo anche nel continente europeo. Antonio morì ultracentenario il 17 Gennaio 356 nella Tebaide.

La vita di questo santo può apparire a prima vista anacronistica se consideriamo la spinta attuale alla globalizzazione e la proposta della società moderna di vivere nell’individualismo dilagante. In realtà, se consideriamo con attenzione la vita di Antonio Abate, possiamo comprendere come la sua scelta di vita non è stata quella di ritirarsi perché deluso dal mondo, non è stata un isolarsi perché non voleva mantenere relazioni con gli altri. Il suo vivere eremitico era motivato dalla profonda consapevolezza che è necessario la solitudine ed il silenzio interiore per ascoltare la voce di Dio. La vita monastica diventa pertanto quella scelta di rinunziare alla propria volontà per ascoltare la volontà di Dio.

Durante il suo “ritiro spirituale” nel deserto e sulle sponde del Nilo, Antonio ha ricevuto da Dio le indicazioni del suo agire. Egli si è sentito chiamato a difendere la comunità cristiana sia dagli attacchi dell’imperatore sia dall’eresia ariana scaturita all’interno della Chiesa.

Se ci fermiamo un attimo a riflettere, ci renderemo conto che oggi i cristiani sono invitati a compiere la stessa missione. La prima è quella di difendere ogni uomo, donna, bambino e bambina dimenticati dalle varie istituzioni nazionali ed internazionali. L’assenza e la precarietà dei posti di lavoro, l’emigrazione forzata per la povertà, la violenza, la guerra e le persecuzioni, sono mali che feriscono il corpo e le anime degli uomini che si vedono abbandonati a sé stessi. Ogni cristiano è chiamato a riflettere su queste realtà, per uscire dalla comodità, dalla indifferenza e dall’apatia, e sostenere con azioni concrete la vita di questi nostri fratelli e sorelle in difficoltà. Antonio ci ricorda che se manca un rapporto personale e autentico con Gesù Cristo, l’altro diventa un problema da affrontare invece che una opportunità per crescere ed una occasione per amare.

Antonio ha compreso che l’integrità della dottrina cristiana è il fulcro per garantire l’autenticità del messaggio evangelico. Oggi viviamo in tempi difficili, dove non si sente tanto parlare di eresia, ma siamo attaccati da un male ancora peggiore che si chiama apostasia. La società di oggi invita quotidianamente all’autosufficienza, all’individualismo e al relativismo, tutti atteggiamenti che allontanano l’animo dal trascendente, dalla ricerca umile ed appassionata della verità, dal desiderio di vivere la vita al servizio del bene comune.

L’apostasia rende l’uomo insensibile a sé stesso. Le continue lamentele, le frequenti insoddisfazioni, i vari malumori, sono sintomi di una malattia spirituale che evidenziano la lontananza di Dio dalla vita personale e comunitaria. Antonio, con la sua scelta di vita eremitica, ci invita a ricordarci ogni giorno di Gesù, fidarsi del suo amore e lasciarsi sorprendere dai suoi tanti doni.




Articoli recenti
Nuvole
verginità della Vergine Robert Spaemann tradizionalisti indagato Sala sofferenza dei bambini Giuda fare chiarezza intervista integrale al Card. Burke lotta contro l'aborto profezia supplica Giubileo della Misericordia liturgia antica Italia medaglia miracolosa carmelitana Giornata della pace Family Day vescovo Robert W. McElroy AVVISO IMPORTANTE Don Minutella Beato Mayr-Nusser Lo Straniero riforma della curia il cornoletame Benedetta Frigerio tragedia a Uyo domanda cappella agli islamici Concistoro Melloni demonologia No Kasper Lourdes Spadaro massoneria Umberto Benigni Expo Morte Aleppo furto di ostie treni a vento Paradiso Papa Francesco Buon Natale confessione La Croce di S. Benedetto bufale satanismo incendio seminari convivenza strage di Berlino Bergoglio Trump lettera dei quattro Cardinali anno giubilare peccato originale Maria Valtorta Radio Maria Atti di riparazione correzione formale Commiato all'Opera settimana di preghiera video Stephen assolvere il peccato di aborto Newman CONFERENZE E SANTE MESSE Non praevalebunt! Scopelli John Major cattolici statunitensi a Trump eresia ariana Brexit Pontificato Bergoglio alta! commissariamento Ordine di Malta consumismo Pensieri a voce alta (in pillole) Aldo Maria Valli Google Cattedrale di Reggio Emilia pro gender la verità su Aleppo Purgatorio Fumagalli Satana pro-life Obama Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Re Magi Gandolfini Amoris Laetitia Conferenze valtortiane Referendum eretico Sander Magister S. Antonio Abate Tosatti Redenzione Don Zucchini odio Pensieri serate valtortiane GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI globalizzazione Gomez Davila Presepe il sacro tugurio elezioni modernisti Mary Wagner Immacolata Concezione perdono Lund articolo 138 Difendiamo i nostri figli Kosovo intervista a Burke profughi Santiago del Estero Cattedrale di Pristina terremotati LGBT Catechismo Maggiore di S. Pio X Card. Sarah (in PENSUERI A VOCE BASSA Pensiero a voce bassa 1002 interviste Cardinali Don Giuseppe Berardino Roberto De Mattei diritti CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Insediamento Trump Islam moderato I 4 Novissimi Natale Parlamento Musica Sacra Pontefice Guido Landolina Renzi Scalfari otto errori. Papa bellezza infallibilità Amoris lingue di vermi Pensieri a Voce Alta Mistica Maria Valtorta scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Pensieri a Voce Bassa rifugiati assenza di Dio Papa Benedetto XVI Fidel Castro Verginità di Maria effetto Paglia flat tax Francia fedeltà Fillon traumi P. Giovanni Cavalcoli ibernazione Dubia Volto Santo Papa Bergoglio Rwanda Fedeli varie comunione ai divorziati risposati cinwue Dubia feto Fedeli. evoluzionismo Don Ariel S. Levi di Gualdo voce messainlatino Pensieri a voce bassa fondazione Maria Valtorta monachesimo Caritas Blondet Mama Antula Benedetto XVI articolo su Maria Valtorta modernismo antidarwinismo scisma sesto dubia Costituzione il reato di intralcio all'aborto ex-cathedra sisma cremazione L'Evangelo come mi è stato rivelato proselitismo Porta Santa la Colonna dell'Immacolata Cuba dimissioni congelate PENSIERI VOCE ALTA riconteggio SOSPESO A DIVINIS Palmaro Vittorio Agnoletto Lefebvre darwinismo rissa vaticana l'antilingua Raul Castro Carlo Acutis Germain Grisex arrogante Schneider Cina anima vittima Boff Ordine di Malta sogno castigo di Dio Italicum La sconfitta di Renzi miracoli Gerusalemme 25 novembre 2016 Rom Giappone alluvioni omosessualità Marchino la Beppina Cristo Re Giudizio Particolare luterani leggere peronismo nazionalcattolico omosessuali apologetica Israele Don Ariel La necessità della... Resistenza Socci pensieri a voce alta Eye Pyramid Quaresima Card. Brandmuller Vaticano il mercante d'armi protestanti Transustanziazione Lutero dittatore PENSIERI A VOCE ALTA Valtorta in ricordo del viaggio in Italia pro-life italiano Claudio Pierantoni promesse Ratzinger fenomeni Neo Modernismo eutanasia Theologica crollo del tetto di una chiesa Omelie Gender Fatima Medaglia miracolosa streghe Johm Cascioli Risurrezione dei morti battesimo Politi Apparizione a Lourdes creazionismo aborto 80 anni Camicia della Madonna Pillole Inferno droga Misericordia et misera FB ecografia prenatale Argentina Stephen Austin morte di Fidel Castro Padre Pio Suor Lucia di Fatima Twitter avvelenamento di massa populismo latinoamericano disorientamento pastorale Renxit Russia Bukavu sincretismo rivoluzione religiosa Santo Sepolcro Consacrazione obiezione di coscienza padre Lombardi Dogma Storia sociale della Chiesa assassinio riforma Ministra dell'Istruzione articoli vari Basta Bugie comunismo Guido Villa antimassoneria Amoris Laetitia imparare la Lis Pensieri a voce alta (in pillole) aborto peccato gravissimo Giovanni Paolo II Medjugorje Santa Veronica Giuliani a Maria Toscana Laetitia Avvenire assistenza umanitaria gender Clinton Isis Concilio Pence Amoris laetitia Valeria Fedeli Dott.ssa Elisabetta Frezza prostituzione teoria Unità dei cristiani condanna strafalcioni genocidio limbo infallibilità e indeffettibilità della Chiesa consustanziazione Sindone teologia del processo e del divenire Pietro San GIuseppe j'accuse sbarackato Obama Frezza IMU Strage di Viareggio valanga silenzio della S. Sede Basta Bugie Crisi del Dogma morte dei bambini Beata Giovanna Scopelli comunicazione non ostile nuovo cristianesimo gelo Świebodzin Pensieri a voce alta Giobbe Intervista Benedettini Mattarella Fraternità San Pio X guarigioni Limbo Madonna della Ghiara Convegno Valtorta Gedeone Madonna Creazione pillole) misericordia Wilders Finnis Gesù sacramentato eresie filatelica economia religiosa Card. Raymond Burke Bernadette Jean-François Lavére tsunami dubia mons. Fellay Card. Burke Card. Biffi DUBIA leucemia febbre spirituale fastfood terremoti Apocalisse Quo Vadis? referendum Mistica viareggina Preti sposati Polonia comunione a divorziati risposati Convegno valtortiano 2016 raccolta firme x chiedere dimissioni doveri
Torna ai contenuti | Torna al menu