FB - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Le bufale avvelenate del Web

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di In Terris ·
Tags: bufaleFBTwitterGoogle
di Luca La Mantia -
Nov 24, 2016


“Sapere e non sapere; credere fermamente di dire verità sacrosante mentre si pronunciavano le menzogne più artefatte”. Il 1984 immaginato da George Orwell è arrivato. Ha visto la sua prima alba con la nascita dei social media, lì dove il confine tra vero, verosimile e falso si fa sempre più labile. Centinaia di contenuti si alternano sui nostri schermi. Sollevano questioni di stretta attualità, ma ponendo l’accento su aspetti che, se non sono rilevanti ai fini della cronaca secca, lo diventano per chi legge. Oppure inventano di sana pianta notizie allo scopo di veicolare un particolare messaggio.

Nei canali virtuali naviga di tutto: dall’orrenda equazione migranti uguale Isis alla bufala sul paventato (e poi smentito) sostegno di Papa Francesco a Donald Trump nelle ultime elezioni americane. Senza dimenticare il complottismo: stranieri che rubano posti di lavoro, malefatte di ogni genere attribuite a questo o a quel politico, sino a Ufo, scie chimiche e discutibili estremismi alimentari. Ciò che un tempo veniva scritto in saggi di terz’ordine relegati negli scaffali nascosti di qualche piccola libreria oggi gira liberamente online. E influenza un’ampia fascia della popolazione. Orientandone le scelte, anche in ambito politico.

Un esempio su tutti: la Brexit. Secondo un articolo recentemente pubblicato sul The Economist la vittoria del “Leave” sarebbe stata, tra le altre cose, favorita dalla rapida diffusione sul web di dati falsi. Ad esempio i 350 milioni di sterline che il Regno Unito pagherebbe ogni settimana all’Unione Europea. Un fatto inventato che, però, ha scatenato l’indignazione di milioni di utenti. Commenti, condivisioni e tag sono fioccati, rendendo ancor più virale il “fake”. Esperti e analisti si sono sgolati per smentire questa e altre bufale, senza però ottenere i risultati sperati. Nella società 2.0, del resto, l’autorevolezza non viene più valutata in base alle competenze. Anzi, medici, giornalisti, istituzioni e docenti sono essi stessi considerati parte di un sistema da abbattere. Sembra di tornare a Goebbles: “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.

Nell’era della Post-truth (così l’ha definita l’università di Oxford, promuovendola a parola dell’anno) si cercano sul web risposte facili ai problemi quotidiani, come la sicurezza. E chi fornisce una risposta accettabile viene considerato affidabile. Così assistiamo a post xenofobi diffusi da utenti collegati a questa o a quella forza politica anti immigrazione che pubblicano notizie di cronaca al solo scopo di sottolineare la nazionalità del responsabile di un omicidio, di una violenza o di un furto. In questo modo il fatto in sé perde valore, mentre lo acquisisce la circostanza che venga commesso da un migrante o da un rom. Uno schiaffo all’etica dell’informazione e, quindi, alla stessa libertà di stampa. Un lavaggio del cervello in piena regola che ci rende sempre più diffidenti nei confronti di chiunque venga percepito come “diverso”.

Dopo l’elezione di Trump, accusato da più parti di aver cavalcato la Post-verità per acquisire consenso, il caso della diffusione di notizie artefatte su internet è diventato centrale nel dibattito pubblico. Lo stesso Mark Zuckerberg – il quale in passato aveva minimizzato sostenendo che su Facebook solo l’1% di post poteva essere qualificato come bufala – è dovuto correre ai ripari. “Abbiamo fatto molti progressi ma c’è ancora tanto lavoro da fare” ha detto. L’azienda californiana sta studiando contromisure sempre più efficaci, tra le quali figurano algoritmi in grado di individuare le fake news, e sistemi che agevolino le segnalazioni da parte degli utenti. Il ceo di Fb ha preso in mano la situazione i prima persona, specie dopo le accuse di aver favorito, indirettamente, l’ascesa di Trump alla Casa Bianca, per non aver monitorato attentamente tutti i contenuti pubblicati dagli user del social network. A far deflagrare il caso è stato un post contenente la falsa notizia (riportata da un fantomatico quotidiano online chiamato Denver Guardian) della morte sospetta di un agente dell’Fbi (inesistente) coinvolto nell’Email Leaks, lo scandalo che ha coinvolto Hillary Clinton.

Lo stesso problema affligge anche Twitter e Google. Sia il social dei 140 caratteri che l’azienda proprietaria del più grande motore di ricerca al mondo sono state tirate in ballo per le stesse omissioni nelle verifiche interne. E puntano a individuare e rimuovere i contenuti taroccati attraverso la cooperazione tra tecnologie informatiche e appello alla responsabilità degli internauti. Va tenuto conto, fra l’altro, che molti siti specializzati in bufale fanno girare contenuti potenzialmente virali per ottenere sempre più clic. In questo modo ottengono cospicui incassi dalla pubblicità, bypassando le funzioni a pagamento che social e motori di ricerca prevedono per chi voglia auto promuoversi sui loro canali. Insomma, il ragionamento non è solo etico ma anche economico. E chissà che quello del contrasto alla Post-verità non diventi uno dei pochi casi di convergenza tra business e rispetto dei principi di un’informazione vera e corretta.



Articoli recenti
Nuvole
Pensieri a voce bassa Fidel Castro intervista integrale al Card. Burke Pensieri a Voce Alta FB Card. Burke comunicazione non ostile Dott.ssa Elisabetta Frezza Creazione Inferno terremotati Giudizio Particolare Purgatorio Mattarella Wilders morte di Fidel Castro perdono Politi luterani tragedia a Uyo satanismo verginità della Vergine evoluzionismo streghe consumismo l'antilingua (in Pontificato Bergoglio La Croce di S. Benedetto Polonia Guido Villa Costituzione Sindone Caritas Fillon Camicia della Madonna Fraternità San Pio X Trump assassinio Roberto De Mattei alluvioni Quaresima Renxit Verginità di Maria sbarackato Obama indagato Sala interviste doveri Melloni Don Zucchini Porta Santa riforma della curia creazionismo eresia ariana Paradiso Pensiero a voce bassa 1002 Expo PENSIERI VOCE ALTA aborto peccato gravissimo Convegno valtortiano 2016 battesimo Buon Natale Fatima il sacro tugurio Aldo Maria Valli Italia Card. Biffi Risurrezione dei morti Transustanziazione Redenzione settimana di preghiera obiezione di coscienza bufale j'accuse globalizzazione CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Concistoro Mary Wagner Isis Cattedrale di Pristina la verità su Aleppo arrogante Benedetto XVI Giornata della pace Claudio Pierantoni P. Giovanni Cavalcoli otto errori. vescovo Robert W. McElroy gelo Carlo Acutis Theologica proselitismo Pensieri a voce alta Schneider Eye Pyramid Santo Sepolcro Fedeli Giubileo della Misericordia tradizionalisti Valeria Fedeli economia AVVISO IMPORTANTE Ministra dell'Istruzione populismo latinoamericano Papa Benedetto XVI Google articolo su Maria Valtorta Parlamento sesto dubia Germain Grisex Maria Valtorta treni a vento alta! genocidio Giovanni Paolo II Pence Catechismo Maggiore di S. Pio X padre Lombardi Gedeone il cornoletame strafalcioni CONFERENZE E SANTE MESSE lettera dei quattro Cardinali Kosovo Gerusalemme intervista a Burke pillole) mons. Fellay incendio assolvere il peccato di aborto Card. Raymond Burke Spadaro Fumagalli monachesimo Convegno Valtorta bellezza ex-cathedra nuovo cristianesimo liturgia antica fastfood Concilio ecografia prenatale modernismo Apparizione a Lourdes Brexit Umberto Benigni Francia Commiato all'Opera video Stephen protestanti San GIuseppe Bukavu Suor Lucia di Fatima Papa Bergoglio eutanasia omosessuali No Mistica viareggina fenomeni Referendum cremazione odio seminari Amoris Laetitia Radio Maria antimassoneria Obama silenzio della S. Sede Don Ariel Giobbe Italicum infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Palmaro Pensieri a voce alta (in pillole) Socci rifugiati Beato Mayr-Nusser sogno morte dei bambini Argentina cinwue Dubia Rom convivenza la Colonna dell'Immacolata teologia del processo e del divenire Vaticano messainlatino Pietro Lutero serate valtortiane DUBIA Toscana Islam moderato Jean-François Lavére PENSIERI A VOCE ALTA Preti sposati Twitter Finnis Gesù sacramentato aborto Santa Veronica Giuliani I 4 Novissimi raccolta firme x chiedere dimissioni terremoti fedeltà referendum Scalfari GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Giuda Storia sociale della Chiesa Pillole Quo Vadis? Mistica Maria Valtorta Stephen Austin Lo Straniero valanga Giappone domanda avvelenamento di massa La necessità della... Resistenza infallibilità massoneria Difendiamo i nostri figli Omelie Renzi Frezza Cristo Re profezia Lefebvre Sander Magister Newman confessione pro-life italiano castigo di Dio pensieri a voce alta Card. Brandmuller Neo Modernismo pro gender Bernadette cappella agli islamici Gomez Davila comunismo comunione a divorziati risposati fare chiarezza Medaglia miracolosa Świebodzin strage di Berlino in ricordo del viaggio in Italia assistenza umanitaria Morte scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi IMU Laetitia Re Magi rissa vaticana Robert Spaemann pro-life lingue di vermi eresie Amoris SOSPESO A DIVINIS 25 novembre 2016 PENSUERI A VOCE BASSA Natale riforma Family Day darwinismo leucemia Gender Aleppo Madonna Basta Bugie Don Minutella anima vittima Cuba eretico anno giubilare traumi Lourdes Mama Antula Medjugorje effetto Paglia modernisti il mercante d'armi furto di ostie fondazione Maria Valtorta religiosa rivoluzione religiosa filatelica a feto sofferenza dei bambini Dogma Atti di riparazione Insediamento Trump sisma Scopelli misericordia Avvenire Blondet promesse commissariamento Ordine di Malta Ordine di Malta lotta contro l'aborto Vittorio Agnoletto Apocalisse Pensieri a Voce Bassa Boff Non praevalebunt! consustanziazione S. Antonio Abate Russia voce Pontefice teoria Immacolata Concezione condanna carmelitana guarigioni Cardinali Papa peronismo nazionalcattolico Conferenze valtortiane prostituzione Limbo disorientamento pastorale comunione ai divorziati risposati Card. Sarah Madonna della Ghiara La sconfitta di Renzi Rwanda Don Ariel S. Levi di Gualdo Amoris Laetitia LGBT Unità dei cristiani Satana sincretismo imparare la Lis Padre Pio droga Marchino peccato originale tsunami profughi Intervista Benedettini 80 anni supplica Crisi del Dogma il reato di intralcio all'aborto flat tax Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Guido Landolina dubia L'Evangelo come mi è stato rivelato Israele Beata Giovanna Scopelli diritti Benedetta Frigerio John Major Strage di Viareggio Consacrazione Cattedrale di Reggio Emilia correzione formale Ratzinger Papa Francesco miracoli ibernazione articoli vari Basta Bugie omosessualità Presepe medaglia miracolosa Cina leggere Pensieri a voce alta (in pillole) febbre spirituale Valtorta Kasper elezioni Misericordia et misera assenza di Dio dimissioni congelate Musica Sacra Pensieri articolo 138 apologetica Maria Johm gender Cascioli Volto Santo dittatore Tosatti antidarwinismo scisma demonologia Gandolfini Raul Castro Bergoglio Clinton limbo la Beppina riconteggio Amoris laetitia Dubia varie Don Giuseppe Berardino Fedeli. cattolici statunitensi a Trump crollo del tetto di una chiesa Lund Santiago del Estero
Torna ai contenuti | Torna al menu