Toscana - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> La Toscana fra la divina bellezza dei secoli passati e la tristezza delle cronache presenti

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Antonio Socci ·
Tags: Toscana

Posted: 05 Jan 2017 02:01 PM PST

E’ sgradevole per noi toscani trovarci sulle prime pagine dei giornali solo per notizie catastrofiche come sta accadendo da qualche tempo.

Epidemie, fallimenti finanziari, ormai ci manca solo la pioggia di fuoco e l’invasione di cavallette (quella di cinghiali l’abbiamo già e per quella dei lupi, nelle campagne maremmane e sull’Appennino, ci stiamo attrezzando).

C’è un susseguirsi di sciagure diverse che vede il suo epicentro proprio in Toscana. E per chi – come me – ha sempre pensato di vivere nella terra più bella del mondo, è scioccante scoprire di essere nel cratere della sfiga nazionale.

TOSCANA SULLA SCENA

Siamo infatti l’epicentro dell’emergenza meningite, che ha tuttora cause inspiegabili (le cosiddette autorità ne verranno mai a capo?).

Siamo pure – col Monte dei Paschi – sulla soglia di un baratro finanziario che ha rischiato (o rischia?) addirittura di dare un colpo pesante al Paese. Anche in questo caso sarebbe utile approfondire i perché del disastro (magari con una Commissione parlamentare d’inchiesta).

La Toscana però è stata (e in parte è tuttora) al centro delle cronache pure per per altri motivi non necessariamente nefasti: perché toscanissimo era (ed è) il protagonista indiscusso della vita politica nazionale, colui che ha incendiato le discussioni fino al 4 dicembre, cioè l’ex premier, già sindaco di Firenze e presidente della provincia fiorentina.

All’inizio la scanzonata simpatia del toscano, schietto e abile, ha fatto breccia ed ha ammaliato molti, poi sono cominciati per Renzi i problemi con l’opinione pubblica proprio per la vicenda toscana di banca Etruria. L’ostilità infine è aumentata per le sue scelte di governo.

Non so cosa avrebbero scritto di lui due toscanissimi anarchici come Indro Montanelli e Oriana Fallaci. Ma oggi sul Matteo nostro i giudizi degli italiani sono opposti, polarizzati ed estremi come si è visto al referendum: c’è chi lo giudica l’ennesima sciagura nazionale arrivata dalla Toscana (con il suo entourage) e chi invece lo ritiene (ancora) l’unico vero sol dell’avvenire per l’Italia.

Forse la verità sta in mezzo: Renzi era (potrebbe essere tuttora) un’importante chance per questo Paese, ma non il Renzi strafottente che abbiamo visto a Palazzo Chigi. Ci vorrebbe il Renzi più umile e ponderato delle primarie, ma soprattutto un Renzi “de-pidiizzato”, senza la zavorra ideologica e politica del Pd.

Che potrebbe fare? Non dico di rinnovare in Italia i fasti medicei come un nuovo LoRenzi il Magnifico (io – al tempo delle primarie – con qualche ironia ci avevo sperato), ma almeno quelli della migliore politica del dopoguerra: se proprio vogliamo restare in Toscana sarebbe preferibile che egli fosse (vista la somiglianza caratteriale) in continuità con Fanfani (che negli anni Cinquanta e Sessanta è stato davvero uno statista) piuttosto che in continuità con la mediocrità del Pci toscano. Sotto il cui sessantennale dominio incontrastato questa terra – che è stata la culla della civiltà italiana – si è addormentata. Anzi, è andata in coma. Quasi morta.

GRANDEZZA DI IERI

Dov’è finito il genio toscano che dal medioevo ha illuminato il mondo, con una concentrazione inaudita di intelligenza e creatività che rese le città di Firenze, Siena e Pisa – oltreché scrigni di tesori artistici – le maggiori potenze finanziarie del mondo?
Non ce n’è più traccia. Si dirà che fu solo un caso eccezionale. Ma siamo sicuri che solo per caso, dal Tre al Cinquecento, in pochi chilometri quadrati, in quattro città di 50 mila abitanti, nacque una tale quantità di geni.

No. Non è solo casualità. Nel 2013 a Palazzo Strozzi, a Firenze, fu allestita una mostra bellissima intitolata “La primavera del Rinascimento”. Mostrava molto bene la vivacità della società fiorentina dal Due-Trecento (lo stesso si potrebbe dire di Siena e Pisa).
Un fermento straordinario di botteghe artigiane e artistiche, di confraternite di carità, di studi umanistici e teologico-filosofici, di santi, scienziati e poeti, di banchieri e di mercanti.
Tutto fiorisce dal capitale umano che sposato al buongoverno e all’imprenditorialità costruisce grandi cose. Così la Toscana diventò il gioiello d’Italia.

TRISTEZZA PRESENTE

Oggi noi, stanchi e decaduti toscani del XXI secolo, ancora ce la tiriamo, gloriandoci delle imprese dei nostri antichi progenitori e viviamo di rendita sui tesori che ci hanno lasciato.
Ma dovremmo sprofondare al confronto con la storia. Del resto le vicende recenti mostrano che la nostra generazione rischia pure di distruggere in pochi anni opere costruite in secoli.

La società toscana oggi sembra in catalessi. Non si vede un fermento culturale, nessuna vitalità spirituale o imprenditoriale. E poi esprime da sessant’anni una classe politica (inamovibile) che – per dirla in modo gentile – di certo non è stata una benedizione per la Toscana.

Certo, ci piace ancora atteggiarci a toscanacci, come Curzio Malaparte ci rappresenta in “Maledetti toscani”. Ma forse era così nel Novecento. Ora non lo siamo più, prevale una moscia demoralizzazione. Probabilmente gli ultimi toscani veraci, che hanno conservato una natura scapigliata e geniale, sono stati proprio Oriana Fallaci e Indro Montanelli.

CIO’ CHE RESTA

Ma non ci sono più e a noi resta solo questa terra di struggente di bellezza. Come l’ha descritta, mirabilmente, Albert Camus nei suoi “Taccuini”.

Se da Fiesole salite al convento francescano da cui si domina Firenze, con la sua cupola del Brunelleschi, potete rileggere cosa scrisse, lì, lo scrittore francese: “questo paesaggio per me è come il primo sorriso del mondo”.

E ancora:

“rifare a piedi con lo zaino sulle spalle, la strada da Monte San Savino a Siena, costeggiare quella campagna di ulivi e di viti, di cui sento ancora l’odore, percorrere quelle colline di tufo bluastro, che s’estendono sino all’orizzonte, e vedere allora Siena sorgere nel sole che tramonta con tutti i suoi minareti, come una perfetta Costantinopoli, arrivarci di notte, solo e senza soldi, dormire accanto a una fontana ed essere il primo sul Campo a forma di palmo, come una mano che offre ciò che l’uomo, dopo la Grecia, ha fatto di più grande”.

Oggi è diventata una mano che chiede l’elemosina?

Antonio Socci
Da “Libero”, 5 gennaio 2016

Facebook: “Antonio Socci pagina ufficiale”



Articoli recenti
Nuvole
febbre spirituale Papa Francesco valanga Kosovo furto di ostie Israele fenomeni limbo Presepe Frezza ibernazione referendum Socci Mistica viareggina leggere infallibilità Amoris laetitia CONFERENZE E SANTE MESSE Fillon sisma arrogante Sindone riforma Immacolata Concezione L'Evangelo come mi è stato rivelato terremotati Jean-François Lavére modernismo gender il cornoletame Benedetta Frigerio condanna articolo su Maria Valtorta Gerusalemme Risurrezione dei morti Beato Mayr-Nusser Ordine di Malta comunicazione non ostile treni a vento comunismo Renxit Valeria Fedeli Concilio Valtorta Card. Brandmuller Vittorio Agnoletto Mistica Maria Valtorta lingue di vermi strage di Berlino Crisi del Dogma Beata Giovanna Scopelli miracoli sbarackato Obama Francia intervista a Burke SOSPESO A DIVINIS San GIuseppe eutanasia Giuda cinwue Dubia tsunami Card. Raymond Burke populismo latinoamericano convivenza (in Difendiamo i nostri figli diritti cattolici statunitensi a Trump religiosa Pontificato Bergoglio Sander Magister Santa Veronica Giuliani Maria nuovo cristianesimo Gesù sacramentato economia Maria Valtorta Lourdes Creazione Cina varie Pensieri a voce alta (in pillole) Redenzione gelo streghe articolo 138 Bergoglio Intervista Benedettini morte dei bambini effetto Paglia Finnis Pensiero a voce bassa 1002 Eye Pyramid GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI feto Umberto Benigni odio Mattarella Scopelli tragedia a Uyo Family Day omosessualità fastfood anno giubilare Pence crollo del tetto di una chiesa riconteggio droga Stephen Austin Madonna della Ghiara scisma Concistoro Gender traumi Bernadette Pontefice Limbo Unità dei cristiani Don Ariel S. Levi di Gualdo Dott.ssa Elisabetta Frezza Pensieri a voce alta (in pillole) Fedeli. morte di Fidel Castro medaglia miracolosa Commiato all'Opera aborto peccato gravissimo prostituzione supplica Gomez Davila Theologica Pensieri a Voce Bassa sofferenza dei bambini Fatima Argentina Pietro assistenza umanitaria correzione formale LGBT Transustanziazione riforma della curia Italicum Paradiso lettera dei quattro Cardinali Spadaro pro-life italiano sincretismo rivoluzione religiosa Papa Bergoglio mons. Fellay Dubia Porta Santa Scalfari serate valtortiane pensieri a voce alta Lo Straniero leucemia seminari intervista integrale al Card. Burke creazionismo castigo di Dio Apparizione a Lourdes dimissioni congelate PENSIERI A VOCE ALTA Obama Politi flat tax alluvioni genocidio Vaticano Neo Modernismo assolvere il peccato di aborto silenzio della S. Sede Ministra dell'Istruzione avvelenamento di massa Wilders Bukavu bufale Card. Burke battesimo liturgia antica Blondet Pillole evoluzionismo luterani S. Antonio Abate Russia massoneria eresie Pensieri a voce bassa Re Magi Trump raccolta firme x chiedere dimissioni cremazione Rwanda Robert Spaemann Gedeone elezioni Basta Bugie eretico comunione a divorziati risposati incendio Don Ariel Giubileo della Misericordia Giudizio Particolare video Stephen Giovanni Paolo II Amoris Laetitia Padre Pio promesse darwinismo assenza di Dio fare chiarezza Non praevalebunt! Santiago del Estero Satana Tosatti Boff confessione Johm Dogma la Beppina Lutero PENSUERI A VOCE BASSA Carlo Acutis Gandolfini Omelie La necessità della... Resistenza infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Cardinali Pensieri peccato originale vescovo Robert W. McElroy Melloni Fraternità San Pio X Roberto De Mattei eresia ariana Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Morte consumismo Verginità di Maria Cuba Conferenze valtortiane indagato Sala settimana di preghiera alta! dubia Quo Vadis? assassinio Marchino Islam moderato Pensieri a voce alta consustanziazione Radio Maria interviste Card. Sarah Amoris strafalcioni lotta contro l'aborto Mama Antula Polonia misericordia Expo AVVISO IMPORTANTE domanda modernisti Świebodzin Costituzione voce Rom Misericordia et misera bellezza scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Medaglia miracolosa Buon Natale sogno il mercante d'armi Don Giuseppe Berardino Giappone fedeltà aborto Brexit Cristo Re Referendum Musica Sacra Palmaro La Croce di S. Benedetto j'accuse proselitismo Atti di riparazione Amoris Laetitia Volto Santo Raul Castro Natale Guido Landolina doveri rifugiati ex-cathedra FB Aldo Maria Valli demonologia 25 novembre 2016 PENSIERI VOCE ALTA Suor Lucia di Fatima Lefebvre il sacro tugurio I 4 Novissimi Don Zucchini Caritas la verità su Aleppo 80 anni la Colonna dell'Immacolata pro gender Parlamento Clinton Convegno valtortiano 2016 Camicia della Madonna Inferno Fedeli Lund antimassoneria Avvenire Insediamento Trump padre Lombardi dittatore No Benedetto XVI protestanti Kasper Pensieri a Voce Alta filatelica comunione ai divorziati risposati in ricordo del viaggio in Italia P. Giovanni Cavalcoli il reato di intralcio all'aborto Italia Fumagalli Schneider Strage di Viareggio Guido Villa peronismo nazionalcattolico Purgatorio fondazione Maria Valtorta Santo Sepolcro articoli vari Basta Bugie apologetica verginità della Vergine Ratzinger Madonna IMU anima vittima Toscana messainlatino tradizionalisti omosessuali Card. Biffi pillole) imparare la Lis Apocalisse profezia Preti sposati globalizzazione Germain Grisex Storia sociale della Chiesa a profughi carmelitana Cattedrale di Reggio Emilia Aleppo Mary Wagner Papa Benedetto XVI Google Cattedrale di Pristina satanismo guarigioni Giobbe Fidel Castro ecografia prenatale Laetitia DUBIA Claudio Pierantoni Newman Consacrazione Quaresima sesto dubia commissariamento Ordine di Malta perdono teoria Medjugorje obiezione di coscienza CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Renzi otto errori. Papa Twitter teologia del processo e del divenire Catechismo Maggiore di S. Pio X rissa vaticana John Major Isis antidarwinismo cappella agli islamici Giornata della pace Cascioli Don Minutella l'antilingua terremoti La sconfitta di Renzi monachesimo pro-life disorientamento pastorale Convegno Valtorta
Torna ai contenuti | Torna al menu