Apparizione a Lourdes - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Maria SS. insegna a pregare

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Dedicato a Maria Valtorta ·
Tags: Apparizione a Lourdes
DA: I QUADERNI DEL 1944 DI MARIA VALTORTA

4 febbraio 1944.

Come vede, mi sono affrettata a mettere quei particolari che per la loro piccolezza m’erano sfuggiti e che lei ha desiderato di avere.[1]
Oggi poi, leggendo il fascicolo[2], noto una frase di Gesù che le può essere di regola.
Lei stamane diceva che non potrà rendere note le mie descrizioni per via dello stile; ed io, che di essere conosciuta ho una vera fobia, ne fui ben contenta. Ma non le pare che ciò sia contrario a ciò che dice il Maestro nell’ultimo dettato del fascicolo? “Più sarai attenta ed esatta (nella descrizione di ciò che vedo) e più sarà numeroso il numero di coloro che vengono a Me”.[3] Ciò implica che le descrizioni debbano esser note, altrimenti come può esservi numero di anime che in grazia ad esse vanno a Gesù?
Le sottopongo questo punto e poi faccia lei ciò che le pare meglio, ché per me è indifferente. Anzi, umanamente, sono del suo stesso parere. Ma qui non siamo nel campo dell’umano, e anche l’umano del portavoce deve scomparire.
Anche nel dettato di oggi[4] Gesù dice: “…nel mostrarti il Vangelo faccio un tentativo più forte di portare gli uomini a Me. Non mi limito più alla parola… Ricorro alla visione e la spiego per renderla più chiara e attraente”. E allora?
Intanto, perché sono un povero nulla che da me sola mi ripiego subito su me stessa, le dico che la sua osservazione mi ha turbata – e l’invidioso se ne giova – tanto turbata da farmi pensare di non scrivere più ciò che vedo e scrivere unicamente i dettati. Mi soffia in cuore: “Tanto, lo vedi? Non servono a un bel nulla le tue famose visioni! Solo a farti passare per pazza. Come sei, in verità. Cosa vedi? Le larve del tuo cervello turbato. Ci vuol ben altro per meritare di vedere il Cielo!”
È tutt’oggi che mi tiene sotto il getto corrosivo della sua tentazione. Le assicuro che non ho tanto sofferto del mio grande dolore fisico quanto ho sofferto e soffro per questo. Mi vuol far disperare. Il mio venerdì è oggi venerdì di tentazione spirituale. Penso a Gesù nel deserto e a Gesù nel Getsemani…
Ma non mi do per vinta, per non farlo ridere questo demonio astuto; e lottando contro lui e contro il mio lato meno spirituale le scrivo la mia gioia d’oggi, assicurandole insieme che per conto mio sarei ben lieta se Gesù mi levasse questo dono di vedere che è la mia più alta gioia. Basta mi conservi il suo amore e la sua misericordia.

Nel pomeriggio di oggi ho visto l’apparizione di Lourdes.

Vedevo nitidamente la grotta che si incava nel monte con le sue protuberanze di sasso sul quale sono nate, approfittando di un poco di terra deposta nelle crepe, le pianticelle delle grotte. Erbe sottili, muschi, capperi, o meglio erba parietaria, edera selvatica dai rami penduli e, presso la parete di destra (rispetto a me), ai bordi della grotta, uno spinoso rosaio selvatico che stende i suoi rami ancora privi di foglie verso l’interno e l’alto, dove si trova una spaccatura nella roccia, una spaccatura che si interna come fosse un corridoio in salita, stretto e oscuro.
La grotta – non rida del mio scarabocchio – è fatta così:



   Quella specie di finestra è la spaccatura e quegli scarabocchi che dal suolo vanno ad essa vogliono mostrarle il rosaio selvatico. Quelle due linee dietro lo spacco, il percorso presumibile del corridoio petroso. Al suolo vi è della terra mista a sassi ed erba, la caratteristica erbetta corta e lucida di certi posti di montagna.

Lo spacco si illumina ad un certo punto di un chiarore giallo-rosato dolcissimo, come se un raggio di sole fosse penetrato nella sua ombra a farla dorata, o una lampada nascosta l’avesse accesa del suo gioioso chiarore. È una luce che fa lieti.

Poi dalla luce emerge la mia dolce Signora che amo tanto, la Mamma che ormai tanto bene conosco. Sorride col suo volto di giglio, con lo sguardo amoroso e pudico. È tutta vestita di bianco come quando l’ho vista in Paradiso[5], ma ha una lunga cintura di una splendida seta celeste, che le si annoda alla vita sotto il cuore e scende sin quasi all’orlo della veste lunghissima, dalla quale emergono le punte dei piedi sottili e rosei. Due rose sono puntate all’orlo della veste, sopra i piedini, due magnifiche rose che sembrano d’oro lavorato a filigrana. Un lungo velo, di una leggerezza che pure è compatta, la copre dal capo ai piedi. Alle mani congiunte è appoggiato un lungo rosario che sembra di perle legate in oro. Il rosario mi è parso completo: 15 poste.

Dimenticavo dirle che, quando la luce si è fatta nella spaccatura della roccia, il ciuffo di rami del rosaio, che stava ai piedi e lungo la parete destra dello spacco, si agitò come se un vento piegasse i suoi rami spinosi e le sue superstiti foglie accartocciate dal gelo e di un color verde rosso, come arrugginito.

Maria sorride senza parlare nel nimbo della sua luce d’oro che la fa parere ancor più nivea nella veste e nel colore delle mani, del collo e del purissimo volto di poco più che fanciulla. Le si darebbero non più di vent’anni, e anche di quelli ben portati.
Maria scende verso l’apertura dello spacco, fin sul limite di esso. Vedo il suo passo lievemente ondeggiante, come già lo vidi nelle altre volte che la vidi camminare: il passo caratteristico di chi è uso ai sandali senza nessun rialzo di tacco. Giunta al limite dell’apertura, proprio sopra il rosaio, si ferma.

Maria si fa il segno della croce. Mi insegna a fare il segno della croce. C’è da vergognarsi pensando come lo si fa noi! L’angelo della visione del Paradiso mi ha insegnato a dire: “Ave, Maria”.[6] Maria mi insegna a dire: “in nome del Padre, del Figlio e dello Spirito santo”.

Ella separa le mani unite in preghiera, appoggia la sinistra sul cuore e con la destra, libera della corona, si tocca la fronte guardando al cielo, il petto, le spalle, e poi curva il capo, al “così sia”, riunendo le mani come prima, e sorride di nuovo. Prima, nel segnarsi, non era né seria né sorridente: era assorta in Dio. Il gesto è molto ampio e lento. Neppur lontano parente dei nostri che sembrano… scacciamosche e che sono mutilati nelle parole.

Poi inizia a sgranare la sua corona. Lentamente, dicendo a voce alta, curvando fortemente il capo come per un inchino, il “Gloria Patri”. Mentre io dico le “Ave” e i “Pater”, sorride e tace. Il vento muove ogni tanto l’estremità della sua cintura di seta. Un lieve vento.

Infine Ella apre le braccia e le protende verso il suolo, curvando il capo e la snella persona in un lieve inchino di umiltà, e dice con la sua inimitabile voce soavissima: “io sono l’immacolata Concezione”, e nel dirlo risolleva la testa e riunisce le mani una nuova volta, guardando il cielo con l’occhio umido di soprannaturale emozione.

Non dice altro. Ma il suo gesto, il suo sorriso, il suo sguardo, mi fanno capire che Ella è “l’ancella di Dio”,[7] si reputa sempre tale (questo coll’abbassare le braccia e il capo umilmente), lo è per grazia di Dio e non per suo merito proprio (ecco il significato del suo gesto iniziale) e lo è per il Signore a cui va data lode per averla donata al mondo come primo perdono alla umanità colpevole (ecco il significato della seconda parte del gesto in cui è lode, gratitudine e raccoglimento modesto).

A dirlo non è nulla. Ma a vederlo, quante cose insegnava quel gesto soltanto!

Poi si raccoglie come in interna preghiera con lo sguardo rapito in Dio che Ella vede, e si dissolve così, tornando al suo Paradiso, lasciando in me la luce, la musica, il profumo del suo candore e la spiritualità della sua preghiera.
Ho scritto vincendo gli impacci che il Tentatore e la mia umanità creavano. Ed ora mi metto quieta col mio rosario fra le mani cercando imitare Maria, la Mamma-Maestra che è venuta per insegnarmi a pregare e a dar lode al Signore per tutto quanto Egli fa di noi.

Nostra Signora di Lourdes, insegnami a pregare e proteggimi contro il demonio e me stessa. Così sia.


[1] Si riferisce ad alcune postille che la scrittrice ha inserito nell’episodio del 3 febbraio, da noi indicato nella pagina precedente.
[2] Deve trattarsi dei fascicoli dattiloscritti da Padre Migliorini, copiati dai quaderni autografi di Maria Valtorta ai quali noi direttamente attingiamo.
[3] Al termine del secondo dettato del 25 gennaio,
[4] Quello da noi indicato sotto la data del 4 febbraio.
[5] Nella visione del 10 gennaio
[6] Nella stessa visione del 10 gennaio
[7] Luca 1, 38.



Articoli recenti
Nuvole
promesse Robert Spaemann fastfood Ratzinger Toscana misericordia pro-life IMU bellezza Giobbe cremazione Świebodzin Laetitia Guido Landolina video Stephen luterani Pillole La necessità della... Resistenza tragedia a Uyo Renzi Don Zucchini Mistica viareggina Padre Pio arrogante Concilio omosessualità Buon Natale articolo su Maria Valtorta articoli vari Basta Bugie mons. Fellay nuovo cristianesimo Gerusalemme Amoris laetitia Cascioli pro gender verginità della Vergine traumi raccolta firme x chiedere dimissioni Natale Camicia della Madonna scisma sbarackato Obama religiosa Referendum Pence S. Antonio Abate Storia sociale della Chiesa creazionismo Sindone lingue di vermi il sacro tugurio sesto dubia Frezza Immacolata Concezione comunione ai divorziati risposati Redenzione Mama Antula Don Ariel Ordine di Malta Isis Convegno Valtorta Beato Mayr-Nusser 80 anni voce lettera dei quattro Cardinali varie profezia dubia AVVISO IMPORTANTE Apparizione a Lourdes Santiago del Estero avvelenamento di massa Pensiero a voce bassa 1002 Trump perdono sincretismo Neo Modernismo Germain Grisex PENSUERI A VOCE BASSA pensieri a voce alta Basta Bugie Incontro 80 sindaci da tutto il mondo John Major Papa Benedetto XVI Fumagalli Islam moderato bufale Gedeone Medaglia miracolosa CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta massoneria aborto seminari FB Dott.ssa Elisabetta Frezza Sander Magister Mattarella treni a vento referendum Purgatorio Suor Lucia di Fatima gender la verità su Aleppo Gesù sacramentato Giuda il cornoletame incendio Giappone convivenza supplica intervista a Burke indagato Sala valanga monachesimo cinwue Dubia Omelie Paradiso eretico Bukavu Lourdes ex-cathedra j'accuse GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI consustanziazione strage di Berlino peccato originale No Marchino in ricordo del viaggio in Italia Mary Wagner Cristo Re Card. Raymond Burke Giovanni Paolo II teologia del processo e del divenire Papa obiezione di coscienza Bernadette Melloni Gomez Davila fedeltà pro-life italiano assistenza umanitaria Amoris Creazione Radio Maria Israele pillole) Porta Santa Cardinali antidarwinismo morte di Fidel Castro Valeria Fedeli proselitismo otto errori. Re Magi Renxit Fillon Pontificato Bergoglio Newman Presepe Don Ariel S. Levi di Gualdo peronismo nazionalcattolico furto di ostie Kosovo Lo Straniero padre Lombardi serate valtortiane Raul Castro Kasper Pensieri a voce bassa silenzio della S. Sede Roberto De Mattei apologetica Gender settimana di preghiera Santo Sepolcro fare chiarezza Valtorta demonologia protestanti Difendiamo i nostri figli Volto Santo L'Evangelo come mi è stato rivelato Costituzione Atti di riparazione tsunami Lefebvre DUBIA riforma diritti Dubia Conferenze valtortiane CONFERENZE E SANTE MESSE PENSIERI A VOCE ALTA Francia Fidel Castro LGBT la Beppina Mistica Maria Valtorta Fatima Spadaro Santa Veronica Giuliani Morte Benedetto XVI Catechismo Maggiore di S. Pio X rivoluzione religiosa Wilders Amoris Laetitia infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Lund Pensieri a Voce Alta Verginità di Maria ecografia prenatale Preti sposati Cattedrale di Reggio Emilia cappella agli islamici dittatore Vittorio Agnoletto Pensieri a voce alta (in pillole) evoluzionismo Expo Consacrazione limbo castigo di Dio (in Risurrezione dei morti comunicazione non ostile Cina Maria Benedetta Frigerio Italicum cattolici statunitensi a Trump Politi PENSIERI VOCE ALTA Vaticano Lutero alluvioni l'antilingua sogno battesimo Card. Brandmuller Jean-François Lavére Madonna della Ghiara Misericordia et misera eresia ariana Papa Bergoglio Fedeli Concistoro la Colonna dell'Immacolata Guido Villa comunione a divorziati risposati Pensieri a voce alta Cattedrale di Pristina disorientamento pastorale gelo Intervista Benedettini anima vittima fondazione Maria Valtorta consumismo Unità dei cristiani Avvenire eresie Crisi del Dogma intervista integrale al Card. Burke Insediamento Trump 25 novembre 2016 guarigioni imparare la Lis infallibilità Scopelli Madonna il reato di intralcio all'aborto eutanasia Pensieri a voce alta (in pillole) Satana miracoli Umberto Benigni medaglia miracolosa Giudizio Particolare dimissioni congelate Aleppo genocidio droga Musica Sacra Eye Pyramid Pensieri a Voce Bassa terremotati Convegno valtortiano 2016 Quo Vadis? Card. Sarah tradizionalisti leggere vescovo Robert W. McElroy Beata Giovanna Scopelli Polonia liturgia antica populismo latinoamericano modernismo Clinton morte dei bambini darwinismo Caritas scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi antimassoneria San GIuseppe teoria Socci Pensieri SOSPESO A DIVINIS modernisti Claudio Pierantoni Giornata della pace Strage di Viareggio Rom Italia omosessuali Palmaro Obama Tosatti correzione formale terremoti Limbo Medjugorje Gandolfini riconteggio strafalcioni messainlatino Fedeli. profughi aborto peccato gravissimo Transustanziazione riforma della curia doveri leucemia Russia La Croce di S. Benedetto fenomeni Pietro Finnis economia Family Day Blondet carmelitana condanna Brexit domanda prostituzione Aldo Maria Valli crollo del tetto di una chiesa Inferno globalizzazione Cuba lotta contro l'aborto ibernazione Carlo Acutis Schneider Fraternità San Pio X rifugiati Apocalisse sisma anno giubilare interviste Bergoglio Ministra dell'Istruzione Twitter alta! Boff sofferenza dei bambini Parlamento Argentina Google Dogma Card. Burke Don Minutella Non praevalebunt! Card. Biffi Stephen Austin assenza di Dio Amoris Laetitia articolo 138 il mercante d'armi elezioni Giubileo della Misericordia feto streghe effetto Paglia filatelica febbre spirituale assassinio Maria Valtorta Rwanda assolvere il peccato di aborto I 4 Novissimi rissa vaticana Quaresima Theologica Commiato all'Opera comunismo commissariamento Ordine di Malta confessione odio Johm Papa Francesco a P. Giovanni Cavalcoli satanismo Pontefice Don Giuseppe Berardino Scalfari La sconfitta di Renzi flat tax
Torna ai contenuti | Torna al menu