Quaresima - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> La purificazione quaresimale ispirati dalla vetta del Carmelo

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Radio Spada ·
Tags: Quaresima
Nuovo articolo su Radio Spada

di Redazione RS

di Cristiano Lugli

L'inizio della  Quaresima è certamente il momento più propizio per il cristiano che  voglia definirsi tale, ovverosia cattolico integralmente e fedele alla  Legge di Dio e a quella della Santa Chiesa che offre, specialmente  attraverso la liturgia che accompagnerà fino a Pasqua, tutti i mezzi  indispensabili ed opportuni per iniziare un sempre nuovo cammino di  conversione.

I quaranta giorni che separano dall'entrata  nella Settimana Santa cominciano con il simbolo per eccellenza della  mistica morte cristiana: il Mercoledì delle Sacre Ceneri, in cinere et cilicio,  attorniato da penitenza e digiuno, ci ricorda con il simbolo  dell'imposizione ciò che saremo destinati a tornare, e cioè polvere e  niente più: "memento homo, quia pulvis es et in pùlverem revertèris".  Una vita di svago e piaceri mondani non avrà diverso esito - in senso  prettamente materiale, finanche corporeo - di quella vissuta da chi avrà  tentato con tutte le proprie forze di piacere a Dio; epperò, la vita di  quest'ultimo, avrà bensì un Giudizio diverso dal primo pur entrambi  tornando ad essere ciò che furono: polvere e null'altro che polvere.

In particolare questo periodo varcato ci  ricorda qualcosa di estremamente importante della vita di Nostro Signore  Gesù Cristo, che sono appunto i quaranta giorni di ritiro nel deserto,  affrontando prove e tentazioni, mortificazioni e digiuni. Di questo  lasso di tempo sappiamo poco tramite i Vangeli, e per poco si intende  che si conosce il numero di giorni in cui Cristo stette ritirato e le  tentazioni con cui Satana cercò vanamente di tentarlo; nient'altro.  L'umile ragione, connubiata ad una salda e forte Fede, porta ad avere  quella sana sete di conoscenza per la vita del nostro Salvatore, e per  contro possono apporsi diversi ragionamenti con interrogativi annessi  riguardo a questo lungo periodo trascorso dal Figlio di Dio nel deserto.

 Certamente non ci è dato sapere né conoscere come trascorsero nel  dettaglio quei giorni, anzitutto perché non è richiesto o fondamentale  saperlo, ma ciò che è certo è che nonostante si trattasse di Dio stesso  la carne avrà dovuto patire gli stenti di quella fame e di quella sete  con cui lo Spirito dovette combattere affrontando l'umana parte. Ed è  proprio su questo punto che s'impernia un insegnamento quanto mai  opportuno in questo tempo di Quaresima, trattandosi di un vero e proprio  allenamento alla mortificazione che Gesù ha condotto con fatica e  certamente dolore, seppur la Sua soprannaturale natura fosse sostenuta  proprio dal fatto che Egli è Dio stesso.

Soffermandosi però a pensare a questo tempo  è lecito domandarsi come sia stato possibile digiunare e rimanere senza  bere per quaranta giorni: anche qui non ci è dato saperlo e la nostra  rassegnazione deve situarsi nel fatto che non si possono apporre  paragoni fra noi e Cristo ma, Lui essendo il nostro essenziale e  primordiale modello, si deve tentare con tutte le forze di cui  disponiamo l'imitazione delle Sue virtù. Ed è proprio questo ciò che  fecero i primi Padri del deserto, estendendo a tutta la loro vita,  radicalmente, quei quaranta giorni di penitenza e digiuni, sulle orme  del Salvatore.

Sarebbe bello ed interessante potersi  fermare a sfogliare le vite di questi Santi monaci, gran parte di essi  conosciuti ma un'altra cospicua parte nemmeno mai comparsa - se non per  qualche citazione - davanti agli occhi degli uomini d'oggi, con estrema  sintesi del pensiero redatto ne "L'imitazione di Cristo": Ama nesciri et pro nihilo reputari ( ama  di essere dimenticato, e reputato da nulla ), tuttavia questo non è  l'intento principale che si vorrebbe presentare in questa sede, ove il  punto focale deve essere il modello della divina virtù del distacco dai  beni, dalle passioni e dai piaceri della carne, in particolare quelli  più difficili da controllare.

Certo è che a nessuno è richiesto dappiù di  ciò che è in grado di dare attraverso i propri sforzi, così come  persino il pensiero tomistico inserisce i piaceri e le passioni fra  qualcosa di abbordabile, purché questo sia fatto nella liceità di ciò  che si compie e principalmente nella capacità di essere poi anche  distaccati dall'oggetto che ci coinvolge.

L'uomo moderno, nonché pure il cattolico  moderno ( diverso da modernista ) è tanto propenso a prendersi in carico  questi suddetti permessi, come che tutto fosse lecito e come che la  vita debba essere convogliata in qualcosa di piacevole e mai doloroso,  perché d'altronde il dolore non sarebbe qualcosa di cattolico.

Questo pensiero risulta oltraggioso e va  respinto, parimenti quando viene detto che la sofferenza deve essere  tuttalpiù scelta e ricercata solo dai Santi, quasi a far intendere che  solo alcuni e non tutti siano chiamati alla santità. Proprio la  Quaresima ci invita invece a ragionare in modo opposto al temerario filo  conduttore appena citato, poiché da essa si intuisce che sia dovere ci  ciascuno cercare di provare se stesso, con una sincera e seria  introspezione, per comprendere quanto veramente sia distaccato dai beni  di cui usufruisce abitualmente.

Questi quaranta giorni sono per eccellenza  la chiara ed indispensabile necessità di ciò che potremmo definire  "purificazione interiore", aiutati dal tempo di penitenza e contrizione  offerti dalla Santa Madre Chiesa, tanto premurosa di chiamare a  conversione i propri figli.
 
Addentrandoci nel lato teologico ma anche  pratico di questa determinazione a purificarsi, prenderemo a riferimento  il pensiero esposto da uno dei più grandi mistici del XVI secolo, ma  che potremmo definire, per alcune caratteristiche, senza eguali nel  tempo. Lo stesso patrono di tutti i mistici: San Giovanni della Croce,  cofondoatore insieme a Santa Teresa d'Avila dell'Ordine dei Carmelitani  scalzi, attraverso la riforma introdotta nel 1562. Sul nutrimento della  grande spiritualità del Carmelo, questo insigne Dottore della Chiesa ha  tradotto al mondo tutta l'essenza del valore purificatorio insegnato da  Gesù nel Vangelo, riassunta proprio nella magna opera "Salita del Monte Carmelo", ove è detto che "L'anima che vuol salire sul monte della perfezione deve rinunciare a tutte le cose".  Partendo da questo punto essenziale esposto dal mistico spagnolo ci  avvicineremo, con varie tappe, a comprendere l'importanza e il guadagno  essenziale della Quaresima, avendo così ben chiaro il forte valore che  la Chiesa sole darle dalla prima pietra fondante di San Pietro.

Il lavoro richiesto è da farsi sull'anima  nostra, paragonata da San Giovanni della Croce ad una invetriata  investita regolarmente dal sole, epperò quest'ultimo trovando un  appannamento tale da non poter irradiare l'interno "e - dice - così  non la potrà illuminare e trasformare totalmente nella sua luce, anzi  tanto meno la rischiarerà, quanto meno sarà priva di macchie. Al  contrario - prosegue - se fosse del tutto monda e netta, sarebbe  illuminata e trasformata in modo tale da sembrare il raggio stesso e  mandare la stessa luce di esso".

Sappiamo che Dio è il divino sole che  irradia le anime nostre, voglioso di poterle penetrare e rischiararle  con tutta la potenza della Sua luce, ma, per fare questo, è necessario  che Egli trovi quest'anima monda da ogni macchia di creatura, ovvero  lordure dovute al peccato e a quegli attaccamenti che nulla hanno di  ordinato.

Il Signore vigila e veglia sempre, fino al  punto che non appena trova un'anima capata dal peccato mortale subito vi  si getta addosso riempiendola con la Grazia, il dono più grande,  trampolino di lancio per l'inizio di quella sublime opera di  trasformazione che Dio vuole operare in lei. Ed è proprio per questo che  tanto più l'anima si purifica dal peccato, anche veniale che sia,  conformando ed assoggettando la sua incostante volontà a quella di Dio a  ragione non solo delle cose gravi obbligatorie ma anche di quelle più  piccole, tanto più la penetrazione della Grazia di Dio farà beneficiare  di copiosi raccolti nel dominio dello spirito.
 
Corrisponde un premio alto, specie in virtù delle promesse fatte da Gesù, il quale dice "se uno mi ama verremo a lui e faremo dimora presso di lui" (Gv.  14,23) : non solo il gran dono della divina Grazia è garantito a chi  muore al mondo per amare Dio, ma anche la stessa permanenza dell'Uno e  Trino nella propria anima. La Grazia - dicevamo - è il ponte, lo  slancio, che con un solo grado di essa garantisce la permanenza di Dio  nell'anima; tuttavia non è Egli totalmente donato a quell'anima, non la  consuma nella perfetta unità; questo finché troverà qualche cosa, anche  se minima ed apparentemente innocua, resistente alla Sua volontà. Perché  ogni imperfezione, minuscola che sia, si oppone alla volontà di Dio,  Egli non potendo ammettere all'unione con il divino un'anima che  patteggia con qualche piccolo attaccamento contrario alla perfezione  infinita rappresentata dal Padre.

È necessario parimenti lottare con tutte le  proprie forze per discernere la nostra volontà - che va abbattuta - con  quella di Dio, a cui va unita ed abbandonata la nostra. Un'unione  perfetta ha alla base la conformità totale di volontà ed affetto: senza  queste prerogative insostituibili Dio potrà sì abitare in un'anima monda  dal peccato irradiandola con la luce della Grazia, ma non si  comunicherà mai totalmente all'anima, come afferma ancora il monaco  carmelitano: "L'anima si dispone all'unione con la purità e l'amore,  ossia solamente con la rinunzia ed il perfetto spogliamento di ogni cosa  per il Signore". Un'anima così dispostasi ha l'aiuto di Dio - continua S. Giovanni della Croce - il quale le fa "questa  grazia sovrannaturale per cui tutte le cose divine e l'anima sono  tutt'uno in una trasformazione partecipante: l'anima sembra più Dio che  anima, ed è anzi Dio per partecipazione, pur sempre ritenendo il proprio  essere distinto dal raggio, per quanto da esso illuminata".
 
Questo è molto altro  avrà da insegnarci, se lo vorremo, questo Santo del Carmelo nel tempo di  Quaresima. Lui che ha calcato una via verticale, determinata ed  ascetica verso Dio, al quale si giunge solo dopo una perfetta e  necessaria purificazione interiore.

Ci aiuti San Giovanni della Croce in questo periodo propizio, a far si che le nostre anime sembrino più Dio che anime.




Articoli recenti
Nuvole
teologia del processo e del divenire elezioni populismo latinoamericano guarigioni Giornata della pace doveri economia Beato Mayr-Nusser FB sogno Morte AVVISO IMPORTANTE peccato originale incendio il cornoletame vescovo Robert W. McElroy Laetitia Unità dei cristiani Porta Santa confessione la Colonna dell'Immacolata profughi Pensieri a voce alta (in pillole) Isis Amoris laetitia Germain Grisex Inferno Don Giuseppe Berardino raccolta firme x chiedere dimissioni tragedia a Uyo odio Rwanda Pensieri a voce alta commissariamento Ordine di Malta cappella agli islamici dimissioni congelate streghe Cascioli protestanti Palmaro serate valtortiane aborto Pence eresie Cattedrale di Pristina Volto Santo fondazione Maria Valtorta Guido Villa Storia sociale della Chiesa Apparizione a Lourdes limbo febbre spirituale seminari Blondet Natale Santa Veronica Giuliani Costituzione comunione a divorziati risposati Frezza antimassoneria Claudio Pierantoni dittatore miracoli Ministra dell'Istruzione cattolici statunitensi a Trump j'accuse rifugiati modernisti a Avvenire Aldo Maria Valli Musica Sacra Insediamento Trump Madonna della Ghiara Don Zucchini indagato Sala pro-life italiano proselitismo Amoris Laetitia Polonia Concistoro CONFERENZE E SANTE MESSE pensieri a voce alta effetto Paglia Fatima filatelica Islam moderato Family Day flat tax Valeria Fedeli Vaticano Conferenze valtortiane Finnis omosessualità arrogante Lefebvre Google IMU Schneider gender Pensiero a voce bassa 1002 Toscana S. Antonio Abate Scalfari Boff supplica ecografia prenatale La necessità della... Resistenza genocidio Kasper carmelitana No battesimo San GIuseppe Transustanziazione Spadaro strage di Berlino monachesimo perdono P. Giovanni Cavalcoli Kosovo assistenza umanitaria Trump Commiato all'Opera bufale La Croce di S. Benedetto terremoti Tosatti obiezione di coscienza Medjugorje Giudizio Particolare mons. Fellay referendum dubia Aleppo Suor Lucia di Fatima articolo su Maria Valtorta eutanasia crollo del tetto di una chiesa Benedetto XVI Don Ariel S. Levi di Gualdo Bukavu Papa profezia Fumagalli I 4 Novissimi verginità della Vergine Papa Francesco Jean-François Lavére Lourdes Santiago del Estero Pontefice valanga Atti di riparazione massoneria Gandolfini lingue di vermi Convegno Valtorta Benedetta Frigerio Pensieri a voce bassa consustanziazione Expo Obama Pensieri a voce alta (in pillole) medaglia miracolosa creazionismo modernismo Mistica Maria Valtorta Newman Padre Pio Stephen Austin Umberto Benigni Mistica viareggina padre Lombardi Camicia della Madonna aborto peccato gravissimo Fidel Castro Giovanni Paolo II Bergoglio anno giubilare Presepe riforma della curia Satana John Major Sindone Marchino ex-cathedra Theologica apologetica misericordia sofferenza dei bambini Strage di Viareggio Giobbe il reato di intralcio all'aborto darwinismo Purgatorio Caritas terremotati Concilio sesto dubia tradizionalisti rissa vaticana SOSPESO A DIVINIS Don Ariel settimana di preghiera feto assenza di Dio antidarwinismo Fedeli 25 novembre 2016 pro-life Mary Wagner Madonna Mattarella furto di ostie Cristo Re Gender Eye Pyramid fedeltà Cattedrale di Reggio Emilia scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi satanismo scisma Quaresima articolo 138 Cina Creazione Cuba promesse Bernadette Quo Vadis? Papa Benedetto XVI Raul Castro Redenzione Roberto De Mattei Carlo Acutis Fedeli. Pillole Fraternità San Pio X articoli vari Basta Bugie Giubileo della Misericordia Lutero lotta contro l'aborto Francia Vittorio Agnoletto leggere Verginità di Maria Valtorta Basta Bugie castigo di Dio Non praevalebunt! tsunami Papa Bergoglio diritti alluvioni bellezza Pontificato Bergoglio Apocalisse Israele Giappone Renxit Italicum anima vittima Ratzinger GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Russia La sconfitta di Renzi lettera dei quattro Cardinali intervista integrale al Card. Burke Difendiamo i nostri figli Giuda Lo Straniero Re Magi la verità su Aleppo Amoris Laetitia (in Intervista Benedettini otto errori. CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Catechismo Maggiore di S. Pio X religiosa Socci cremazione Lund peronismo nazionalcattolico messainlatino voce il mercante d'armi evoluzionismo Renzi Argentina Paradiso Medaglia miracolosa morte di Fidel Castro Fillon Politi Immacolata Concezione convivenza Don Minutella Johm Omelie Scopelli Brexit Santo Sepolcro consumismo gelo Melloni imparare la Lis Parlamento Card. Biffi Clinton Rom fare chiarezza pillole) rivoluzione religiosa omosessuali intervista a Burke eretico L'Evangelo come mi è stato rivelato Dott.ssa Elisabetta Frezza Crisi del Dogma Amoris Cardinali interviste Neo Modernismo in ricordo del viaggio in Italia Gerusalemme Misericordia et misera comunicazione non ostile sincretismo alta! globalizzazione sisma nuovo cristianesimo silenzio della S. Sede Risurrezione dei morti pro gender Wilders Pensieri a Voce Bassa Card. Burke condanna la Beppina PENSUERI A VOCE BASSA Dubia Beata Giovanna Scopelli comunione ai divorziati risposati liturgia antica DUBIA morte dei bambini LGBT strafalcioni Pensieri a Voce Alta Card. Raymond Burke Ordine di Malta luterani prostituzione Buon Natale Consacrazione PENSIERI A VOCE ALTA Convegno valtortiano 2016 Gedeone Sander Magister Gesù sacramentato Radio Maria Referendum leucemia Card. Sarah treni a vento Pensieri Guido Landolina fastfood Card. Brandmuller video Stephen Incontro 80 sindaci da tutto il mondo ibernazione Preti sposati assolvere il peccato di aborto l'antilingua demonologia teoria riconteggio sbarackato Obama correzione formale Maria Pietro Robert Spaemann infallibilità eresia ariana Maria Valtorta il sacro tugurio traumi Limbo PENSIERI VOCE ALTA varie Italia avvelenamento di massa Twitter domanda fenomeni infallibilità e indeffettibilità della Chiesa disorientamento pastorale Dogma 80 anni riforma Świebodzin droga Mama Antula cinwue Dubia comunismo assassinio Gomez Davila
Torna ai contenuti | Torna al menu