rifugiati - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> “Europa: i rifugiati sono nostri fratelli”. In Vaticano summit di 80 sindaci di tutto il mondo

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Zenit ·
Tags: rifugiatiIncontro 80 sindaci da tutto il mondo

Posted by Redazione
on 4 December, 2016



“Europa: i rifugiati sono i nostri fratelli” è il titolo dell’incontro internazionale che vedrà la partecipazione di 80 sindaci provenienti da tutto il mondo, in programma il 9 e il 10 dicembre prossimi, nella Casina Pio IV, sede della Pontificia Accademia delle Scienze. “Questo Summit – spiegano gli organizzatori in una nota diffusa dalla Sala Stampa vaticana – è stato convocato per attirare l’attenzione internazionale sulla minaccia alla stabilità mondiale rappresentata dal crescente numero di rifugiati sul nostro pianeta, un numero che al momento supera i 125 milioni”.
“Tra le cause che hanno indotto tali persone – bisognose di assistenza umanitaria urgente – a lasciare la propria terra ci sono la guerra, la carestia e i disastri naturali, che, negli ultimi anni, sono aumentati sia di numero che di pericolosità (e che spesso sono causati dalle attività umane basate sull’utilizzo di combustibili fossili)”, si legge nel testo. “Tre quarti di tutte le odierne emergenze umanitarie sono la diretta conseguenza di una guerra. Per ridurre tale cifra niente sarebbe più efficace che porre fine a tutti i conflitti armati – e prevenire quelli futuri o la ripresa di quelli storici – così da eliminare in un colpo solo la principale causa degli esodi di massa dei rifugiati”.
“Le cause della guerra sono molteplici e non sempre giuste: orgoglio nazionale, avidità, rabbia, brama di potere, indolenza verso il fare del bene, invidia nei confronti dei paesi vicini. In breve, questo flagello affonda le sue radici in una umanità incline all’egoismo e all’interesse personale. Di conseguenza, è logico che le soluzioni per le cause che conducono alle guerre non possano nutrirsi che delle corrispondenti virtù opposte: l’amore tangibile verso i nostri nemici, sempre maggiori manifestazioni di umiltà e temperanza. Più nello specifico, la giustizia, facendo leva sul diritto internazionale, può contribuire a disinnescare le tensioni e aumentare la consapevolezza nei confronti dei doveri verso l’umanità”.
“Il restante quarto di emergenze umanitarie – sottolinea la nota vaticana- sono provocate dai disastri naturali, in larga parte derivanti da crisi ambientali come carestie, alluvioni, gravi anomalie metereologiche ecc. A loro volta, molte di queste crisi ambientali sono di origine antropica, come dimostrano gli ormai chiari effetti di un uso sconsiderato da parte dell’uomo di combustibili fossili, di pratiche agricole aggressive e deforestazioni. Per questo, vale la pena evidenziare che, mentre oggi molte persone sono costrette all’esodo per ‘cause naturali’, molte altre non sono che vittime innocenti di azioni e decisioni prese da altri, ovvero, di circostanze totalmente evitabili”
Durante il Summit, perciò, si cercheranno nuove strade per costruire la pace: “Oggi, l’uomo moderno ha creato un benessere che non ha precedenti nella storia – scrivono gli organizzatori -. Perciò, sulle nostre spalle ricade un’ulteriore responsabilità morale: utilizzare questo potenziale per porre fine alle guerre, evitando così le loro nefaste conseguenze sull’umanità. Non si dovrà risparmiare alcuno sforzo per incoraggiare tutti gli uomini e le donne di buona volontà a partecipare in questa impresa. Non si tratta di una priorità che possiamo lasciare nelle mani dei nostri leader politici, delle Ong o delle organizzazioni filantropiche internazionali: ognuno di noi, a seconda delle proprie capacità e competenze, deve trovare il modo di dare il proprio contributo a livello istituzionale e personale”.
In termini concreti, durante l’imminente Summit saranno presentate e valutate una serie di proposte, che nel loro insieme puntano a ridurre i rischi di una spirale di reazioni catastrofiche nel breve termine, ed anche a massimizzare e consolidare i benefici delle riforme nel lungo termine.
In primo luogo, fermare all’origine l’ondata di rifugiati, mettendo immediatamente fine alla guerra in Siria. Secondo, non sanzionare la Gran Bretagna per la sua uscita dall’Unione Europea, caratterizzata dalla preoccupazione su come vivere l’unità a fronte dell’arrivo massivo di rifugiati e della mancanza di lavoro. Ciò significa pensare a una forma di unione più creativa e feconda, finanche a una “sana disunione”. Questo implica accordare maggiore indipendenza e libertà ai paesi della UE in generale e, più in particolare – relativamente al problema dei rifugiati – pattugliare le frontiere nazionali e dell’Unione Europea al fine di accogliere i migranti economici “così come arrivano”. La priorità deve essere data al salvare vite. È fondamentale creare un robusto sistema di assistenza per i rifugiati, consentendo loro di chiedere asilo, accogliendo in modo equo le loro richieste, ricollocando i più vulnerabili e soddisfacendo i bisogni primari come l’istruzione e la salute.
Terzo, devono essere creati dei corridoi umanitari sicuri e certi, riconosciuti a livello internazionale non solo dai paesi membri della UE – in cui l’attuale situazione sta portando le infrastrutture del welfare oltre il limite della sostenibilità – ma anche in paesi meno popolosi quali, tra gli altri, l’Argentina, l’Australia, il Brasile, il Canada, gli USA, e il Medio Oriente. Si deve rispettare il principio di non respingimento (Non refoulement) dei rifugiati e, in ogni caso, esaminare la possibilità di un loro accesso al mercato del lavoro nel paese ospitante.
Quarto, offrire l’amnistia o altri tipi di soluzioni per le vittime della schiavitù moderna e la tratta di esseri umani che vengono sottoposti a forme di lavoro forzato, prostituzione e traffico di organi. Molte persone sprovviste di documenti, inclusi i minori, vengono raggirate e fatte oggetto di tratta a fini di sfruttamento sessuale (soprattutto le donne) o schiavizzate attraverso la falsa promessa di una regolarizzazione della loro posizione migratoria. Tutti i paesi devono investigare e perseguire i gruppi di trafficanti che operino una qualsivoglia forma di sfruttamento su rifugiati e migranti, e porre sopra ogni cosa la sicurezza e la dignità di queste persone.
Quinto, ripristinare un senso di giustizia e di eque opportunità nelle disilluse classi lavoratrici, nei giovani disoccupati e in tutti coloro la cui condizione economica è stata indebolita dalle crisi finanziarie e dall’esternalizzazione e precarizzazione del lavoro. Ciò comporta implementare ampi programmi di spesa sociale nella sanità, nell’istruzione, nella formazione, nella specializzazione e nel sostegno alle famiglie, il tutto finanziato attraverso la chiusura dei paradisi fiscali (che danneggiano il gettito degli Stati ed esasperano l’ingiustizia economica). Inoltre, bisogna concedere alla Grecia una riduzione del debito, con la speranza di porre fine alla prolungata crisi dell’eurozona.
Sesto, non meno importante è concentrare le risorse, compresi eventuali aiuti aggiuntivi, nel promuovere lo sviluppo economico dei paesi a basso reddito, piuttosto che nella guerra. In maniera del tutto indipendente dalle politiche migratorie che vengono applicate, la migrazione incontrollata dalle regioni povere e segnate dalle guerre diventerà incontrollabile se il cambio climatico, l’estrema povertà, la mancanza di istruzione e di formazione continueranno a indebolire lo sviluppo di Africa, America Centrale e Caraibi, Medio Oriente e Asia Centrale.
“Tutto questo pone in rilievo la necessità di passare da una strategia basata sulla difesa e la guerra, a una più focalizzata sullo sviluppo sostenibile e globale, specialmente nel caso dei paesi sviluppati”, afferma la nota vaticana. “Innalzare altri muri e recinzioni non fermerà i milioni di migranti in fuga dalla violenza, dall’esclusione, dalla povertà estrema, dalla fame, dalla sete, dalle malattie, dalla siccità, dalle inondazioni e da altri mali. Solo la cooperazione internazionale per il raggiungimento della giustizia sociale può essere la soluzione”.
In conclusione, urge che i Sindaci, in quanto autorità più vicine alla cittadinanza, mettano a disposizione le loro competenze per accogliere e regolarizzare tutti i migranti e i rifugiati. “È necessario che la voce dei Sindaci venga ascoltata per promuovere la costruzione di ponti e non di muri. È necessario che la loro autorità sia al servizio dello sviluppo sostenibile e globale, della giustizia e della pace”.

Tra i sindaci italiani che parteciperanno all’incontro in Vaticano ci sono: Virginia Raggi (Roma); Luigi de Magistris (Napoli); Leoluca Orlando (Palermo); Giorgio Gori (Bergamo); Federico Pizzarotti (Parma); Matteo Biffoni (Prato) e Giusi Nicolini (Lampedusa).



Articoli recenti
Nuvole
Cattedrale di Reggio Emilia Intervista Benedettini CONFERENZE E SANTE MESSE Toscana aborto commissariamento Ordine di Malta strage di Berlino cattolici statunitensi a Trump crollo del tetto di una chiesa in ricordo del viaggio in Italia Satana Fedeli. effetto Paglia Padre Pio Limbo Ministra dell'Istruzione Giappone feto Theologica il cornoletame Giovanni Paolo II Papa Francesco Argentina Conferenze valtortiane alluvioni il sacro tugurio lezioni spirituali Caritas domanda Johm Dott.ssa Elisabetta Frezza Polonia Benedetto XVI comunicazione non ostile Santa Veronica Giuliani eresia ariana FB AVVISO IMPORTANTE Sander Magister profughi intervista a Burke rifugiati indagato Sala Cattedrale di Pristina Catechismo Maggiore di S. Pio X Natale antimassoneria sesto dubia elezioni modernisti leggere Medaglia miracolosa Pensieri a Voce Alta misericordia Mary Wagner terremoti Kasper PENSIERI A VOCE ALTA varie raccolta firme x chiedere dimissioni Giobbe comunismo filatelica Pietro rissa vaticana articolo su Maria Valtorta Non praevalebunt! No Italia Madonna mons. Fellay Guido Villa dubia cinwue Dubia Card. Sarah Commiato all'Opera Avvenire Verginità di Maria doveri La sconfitta di Renzi Presepe Fraternità San Pio X eutanasia Politi verginità della Vergine Santiago del Estero Gandolfini liturgia antica Giudizio Particolare incendio Amoris laetitia Concilio Referendum pro gender Atti di riparazione luterani ex-cathedra genocidio infallibilità e indeffettibilità della Chiesa apologetica Marchino I 4 Novissimi Gender Dogma fare chiarezza Renxit Obama Unità dei cristiani Beato Mayr-Nusser Google tragedia a Uyo Family Day Card. Burke Difendiamo i nostri figli Pontificato Bergoglio lettera dei quattro Cardinali omosessuali Ordine di Malta messainlatino Storia sociale della Chiesa sale otto errori. sisma video Stephen bellezza riforma eretico infallibilità Ratzinger Gomez Davila Melloni assassinio carmelitana interviste Schneider Giuda Brexit Radio Maria Immacolata Concezione consumismo La Croce di S. Benedetto monachesimo Laetitia il reato di intralcio all'aborto Inferno rivoluzione religiosa Amoris Laetitia silenzio della S. Sede Musica Sacra Aleppo flat tax Consacrazione Israele omelie Transustanziazione Tosatti evoluzionismo streghe Gesù Salvatore Claudio Pierantoni valanga scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi 80 anni satanismo Medjugorje Suor Lucia di Fatima fondazione Maria Valtorta Blondet sogno riconteggio Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Misericordia Fillon tsunami Eye Pyramid LEZIONI SPIRITUALI omelia referendum Re Magi Rom Omelie profezia Cuba religiosa Islam moderato Preti sposati serate valtortiane 25 novembre 2016 demonologia febbre spirituale Isis limbo Redenzione imparare la Lis Bergoglio Roberto De Mattei Trump traumi cappella agli islamici Maria Valtorta aborto peccato gravissimo Mattarella Kosovo Cardinali dimissioni congelate Apocalisse assistenza umanitaria arrogante leucemia il mercante d'armi proselitismo Fatima Carlo Acutis castigo di Dio Scalfari guarigioni pro-life nuovo cristianesimo Amoris LGBT OMELIE Valtorta sofferenza dei bambini globalizzazione Benedetta Frigerio Papa Benedetto XVI Morte Gesù sacramentato Sindone Mistica Maria Valtorta la Colonna dell'Immacolata Scopelli Buon Natale Lund Jean-François Lavére treni a vento Papa Bergoglio Socci Paradiso scisma Valeria Fedeli Lourdes Guido Landolina lingue di vermi terremotati teologia del processo e del divenire Cina Camicia della Madonna Card. Biffi Cristo Re Cascioli confessione Beata Giovanna Scopelli cremazione Gerusalemme Wilders Lezioni spirituali diritti fastfood eresie populismo latinoamericano Beatitudini Fidel Castro Italicum Quaresima Amoris Laetitia j'accuse condanna Convegno Valtorta Clinton sincretismo Frezza morte dei bambini Parlamento Stephen Austin modernismo Crisi del Dogma avvelenamento di massa Madonna della Ghiara lotta contro l'aborto Maria economia perdono articolo 138 Convegno valtortiano 2016 miracoli Lo Straniero Umberto Benigni San GIuseppe Quo Vadis? peronismo nazionalcattolico sbarackato Obama Dubia antidarwinismo Don Ariel S. Levi di Gualdo Insediamento Trump l'antilingua Don Minutella tradizionalisti Bernadette peccato originale Giubileo della Misericordia Renzi S. Antonio Abate Lutero Fedeli Rwanda Porta Santa la Beppina Mistica viareggina GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Expo Basta Bugie PENSIERI VOCE ALTA correzione formale consustanziazione CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta luce IMU medaglia miracolosa Creazione Don Zucchini strafalcioni assenza di Dio Spadaro Fumagalli comunione a divorziati risposati Card. Raymond Burke seminari Pensieri a Voce Bassa bufale anima vittima gelo battesimo Papa Vittorio Agnoletto L'Evangelo come mi è stato rivelato La necessità della... Resistenza teoria intervista integrale al Card. Burke Lefebvre Twitter La Samaritana ecografia prenatale Misericordia et misera disorientamento pastorale ibernazione Santo Sepolcro DUBIA Neo Modernismo Strage di Viareggio obiezione di coscienza Volto Santo comunione ai divorziati risposati massoneria Vaticano assolvere il peccato di aborto John Major darwinismo riforma della curia Risurrezione dei morti fenomeni Purgatorio Don Ariel Pensieri a voce alta protestanti Buon Pastore Francia Pensiero a voce bassa 1002 pro-life italiano Boff Pontefice Apparizione a Lourdes P. Giovanni Cavalcoli Pensieri a voce bassa Newman settimana di preghiera gender Concistoro Pence Don Giuseppe Berardino Raul Castro Agnello di Dio morte di Fidel Castro anno giubilare Palmaro promesse vescovo Robert W. McElroy Aldo Maria Valli fedeltà Finnis Mama Antula supplica articoli vari Basta Bugie Świebodzin furto di ostie convivenza Robert Spaemann odio Bukavu prostituzione Russia padre Lombardi creazionismo la verità su Aleppo Costituzione Card. Brandmuller omosessualità SOSPESO A DIVINIS Giornata della pace dittatore Lezioni spirituali p. Enzo Germain Grisex droga pensieri a voce alta Gedeone
Torna ai contenuti | Torna al menu