> Family Day un anno dopo: la battaglia continua - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Family Day un anno dopo: la battaglia continua

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di In Terris ·
Tags: Family Day

Fu un’immagine desueta quella che offrì agli obiettivi delle telecamere il Circo Massimo esattamente un anno fa, il 30 gennaio 2016. La prospettiva che si aveva dal palco collocato in uno dei due poli dell’antica arena romana era impressionante: un immenso tappeto di persone che si riversava senza soluzione di continuità nella conca del Circo Massimo dalle strade laterali e dal lontano piazzale antistante la sede della Fao.

Bagno di folla
L’ultimo Family Day fu dunque un successo di partecipazione popolare. La presenza di centinaia di migliaia di persone (oltre 2 milioni secondo gli organizzatori) attestò un trionfo persino superiore a quello dell’evento del 20 giugno precedente, in piazza San Giovanni in Laterano.

Gioventù in crisi
In tempi in cui si avverte l’assenza di una vivacità sociale, mortificata dal consumismo individualista e da un diffuso sentimento d’antipolitica da salotto o da social network, il Family Day ha rappresentato dunque un unicum in Italia. Sempre di meno i giovani che frequentano le sezioni politiche e che riempiono le piazze. Sempre di meno i giovani italiani in assoluto. Iniziano, infatti, a manifestarsi gli effetti della crisi demografica in graduale inasprimento da decenni.

Attivismo
Dinanzi a questa desolante realtà, l’adesione entusiastica e numerosa al Family Day è un elemento che fa riflettere. Esso indica la presenza, nel Paese, di una larga fetta di cittadini (in gran parte giovani aperti alla prole) disposti ad intervenire sulla scena pubblica per difendere la famiglia, quel baluardo comunitario che ancora la società liquida non è riuscita ad inghiottire.

Atto di forza
Un anno è passato dalla contesa in Parlamento e presso l’opinione pubblica intorno al tema delle unioni civili. Uno scontro incandescente, che scandalizzò le anime belle del progressismo, sempre pronte ad indicare all’Italia la via maestra intrapresa da altri Paesi occidentali sui temi cosiddetti etici. Alla fine, per estinguere quella fiamma di dissenso considerato reazionario, il Governo fu costretto – vista l’inefficacia del “super-canguro” per eliminare la maggioranza degli emendamenti al testo – a presentare un maxiemendamento votato con la fiducia. Fu così che il ddl Cirinnà venne approvato in Senato. Tre mesi dopo, a maggio, il voto definitivo alla Camera. La minoranza centrista della coalizione di Governo – i cui maggiori rappresentanti avevano dato adesione al Family Day – riuscì ad ottenere lo stralcio dell’obbligo di fedeltà e della stepchild adoption.

No alle adozioni
Ciò che è uscito dalla porta, è però rientrato dalla finestra dei Tribunali. Già prima dell’approvazione della legge Cirinnà, e poi con periodica continuità dopo l’approvazione, si sono registrate sentenze che hanno di fatto legittimato l’adozione del figliastro da parte delle coppie omosessuali. Ed è di pochi giorni fa l’appello di Giovanni Canzio, presidente della Corte di Cassazione, affinché la politica intervenga per fornire un quadro legislativo riguardo alle adozioni gay. Pertanto la battaglia sul fronte della difesa della famiglia quale unione di un uomo e di una donna, non si è esaurita con l’exploit del Family Day. E lo dimostra l’attivismo mai sopito di quello stuolo di animatori dell’evento al Circo Massimo.

La battaglia per il No
Fuori Palazzo Madama, nel giorno dell’approvazione delle unioni civili, Massimo Gandolfini, portavoce del Comitato Difendiamo i Nostri Figli, annunciò sibillino: “Al referendum costituzionale ci ricorderemo di chi ci ha insultato”. Qualcuno interpretò quelle parole come una mera ritorsione. Ma attraverso un generoso lavoro comunicativo, il Comitato ha avuto modo di spiegare la ragione politica dietro a quella scelta. La “migliore governabilità” evocata dai sostenitori della riforma, d’altronde, faceva prefigurare un più agevole iter d’approvazione di leggi contrarie al diritto naturale. Eloquente Simone Pillon, cofondatore del Comitato, secondo cui la riforma costituzionale testimoniava “la volontà di spostare l’axis del potere dalle famiglie italiane alle lobby internazionali”.

Il gender
Famiglie italiane minate anche nel loro diritto alla priorità educativa dei figli. Il tema del gender nelle scuole ha continuato quest’anno a tener vivo il dibattito. Gli organizzatori del Family Day stanno guidando in questi giorni una “rivolta popolare” (per parafrasare Filippo Savarese, portavoce di “Generazione Famiglia”) contro “Fa’Afafine”, uno spettacolo all’insegna della sessualità liquida da propinare ai bambini delle elementari. Quasi raggiunte le 100mila firme necessarie per presentare una protesta scritta al ministro dell’Istruzione, la tanto contestata Valeria Fedeli.

L’impegno
Impegno per contrastare la diffusione di corsi ideologizzati nelle scuole che caratterizza anche Il Popolo della Famiglia, nato su iniziativa di Mario Adinolfi e dell’avv. Gianfranco Amato (due tra gli organizzatori dei Family Day) per rispondere con un soggetto unitario alla crisi di rappresentatività dei cattolici in politica. Il partito, che presenta nel proprio simbolo il significativo slogan “no al gender nelle scuole”, si è candidato alle elezioni comunali nella scorsa primavera e prosegue oggi il suo percorso unendo l’impegno politico a quello culturale e civile.

Fiaccola accesa
Diverse anime ma una sola battaglia. La fiaccola del Family Day è stato raccolta e continua ad infiammare gli animi di milioni di italiani, per nulla disposti a cedere a quella che Papa Francesco ha più volte denunciato come “una colonizzazione ideologica” che vuole distruggere le famiglie. Almeno in Italia, questi novelli colonizzatori non hanno vita facile.




Articoli recenti
Nuvole
La Croce di S. Benedetto Newman Limbo Camicia della Madonna rissa vaticana Transustanziazione luterani furto di ostie streghe Bernadette Gerusalemme PENSIERI A VOCE ALTA omosessuali Natale referendum Renxit riconteggio ecografia prenatale satanismo protestanti dubia Mary Wagner Re Magi Dogma Radio Maria Guido Villa Giubileo della Misericordia Fillon Amoris Laetitia antidarwinismo Cristo Re profezia avvelenamento di massa Vittorio Agnoletto Expo Theologica morte di Fidel Castro otto errori. Card. Burke Cardinali Boff Aleppo Rom a Parlamento Cattedrale di Pristina Satana Pontificato Bergoglio La sconfitta di Renzi articolo 138 SOSPESO A DIVINIS la Beppina Umberto Benigni domanda economia Eye Pyramid Israele assolvere il peccato di aborto Benedetta Frigerio Stephen Austin Redenzione Pensieri a voce alta ex-cathedra j'accuse GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI articolo su Maria Valtorta monachesimo messainlatino Beato Mayr-Nusser Raul Castro Trump gender Padre Pio cattolici statunitensi a Trump seminari Amoris laetitia sesto dubia Incontro 80 sindaci da tutto il mondo leggere Ministra dell'Istruzione convivenza Guido Landolina effetto Paglia Italicum strage di Berlino consumismo Fedeli Giovanni Paolo II LGBT DUBIA Tosatti intervista integrale al Card. Burke Maria Valtorta Convegno valtortiano 2016 P. Giovanni Cavalcoli 25 novembre 2016 Wilders genocidio Spadaro filatelica Renzi treni a vento carmelitana Unità dei cristiani modernisti Aldo Maria Valli Claudio Pierantoni Valtorta Gesù sacramentato Kasper Fidel Castro Melloni Immacolata Concezione Pensieri a voce alta (in pillole) terremotati silenzio della S. Sede evoluzionismo vescovo Robert W. McElroy Suor Lucia di Fatima Volto Santo Risurrezione dei morti la verità su Aleppo Don Ariel religiosa Family Day Crisi del Dogma modernismo Fatima pillole) Robert Spaemann Preti sposati Johm Mama Antula Giobbe L'Evangelo come mi è stato rivelato correzione formale Lefebvre teoria aborto peccato gravissimo Don Minutella Benedetto XVI nuovo cristianesimo Difendiamo i nostri figli il reato di intralcio all'aborto Dubia apologetica Pontefice liturgia antica assassinio comunicazione non ostile fenomeni Pence promesse comunione ai divorziati risposati Marchino Santiago del Estero Ratzinger odio Medaglia miracolosa Isis Fraternità San Pio X Fedeli. Lund Inferno globalizzazione FB Avvenire Morte Catechismo Maggiore di S. Pio X sofferenza dei bambini dittatore leucemia Argentina il mercante d'armi Papa Bergoglio cinwue Dubia intervista a Burke Card. Biffi Pillole misericordia Schneider Gedeone Neo Modernismo aborto cremazione tragedia a Uyo assenza di Dio Beata Giovanna Scopelli Gomez Davila Maria commissariamento Ordine di Malta Amoris Laetitia (in Cascioli battesimo fare chiarezza cappella agli islamici guarigioni febbre spirituale Google lotta contro l'aborto Pensieri a Voce Bassa condanna IMU Commiato all'Opera Pensiero a voce bassa 1002 Referendum Scopelli elezioni Papa Santa Veronica Giuliani varie Don Giuseppe Berardino Card. Sarah Świebodzin bellezza Quaresima feto CONFERENZE E SANTE MESSE Socci Giudizio Particolare Insediamento Trump Lourdes populismo latinoamericano Pietro Pensieri assistenza umanitaria sisma serate valtortiane Politi massoneria PENSIERI VOCE ALTA Don Ariel S. Levi di Gualdo traumi peccato originale Apparizione a Lourdes doveri Papa Francesco scisma padre Lombardi Pensieri a Voce Alta il sacro tugurio rifugiati crollo del tetto di una chiesa Francia Clinton La necessità della... Resistenza eresia ariana Palmaro Buon Natale Porta Santa Carlo Acutis fedeltà Mistica viareggina Russia Italia l'antilingua video Stephen bufale Concistoro Obama Cattedrale di Reggio Emilia Giuda eretico San GIuseppe Purgatorio Bergoglio Brexit tradizionalisti miracoli anima vittima Strage di Viareggio Lutero Quo Vadis? disorientamento pastorale alluvioni Apocalisse Sander Magister verginità della Vergine Paradiso demonologia Amoris castigo di Dio Fumagalli eutanasia Frezza omosessualità Costituzione creazionismo comunione a divorziati risposati Toscana medaglia miracolosa PENSUERI A VOCE BASSA 80 anni tsunami S. Antonio Abate Basta Bugie il cornoletame Verginità di Maria Ordine di Malta Intervista Benedettini Vaticano fondazione Maria Valtorta peronismo nazionalcattolico Creazione la Colonna dell'Immacolata lingue di vermi Card. Raymond Burke Mattarella Presepe Finnis teologia del processo e del divenire ibernazione scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Blondet gelo profughi dimissioni congelate Twitter Sindone Madonna comunismo Non praevalebunt! Islam moderato pensieri a voce alta eresie Atti di riparazione Roberto De Mattei riforma della curia CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Scalfari valanga interviste obiezione di coscienza Pensieri a voce alta (in pillole) Laetitia Don Zucchini AVVISO IMPORTANTE incendio Caritas sbarackato Obama antimassoneria Kosovo Pensieri a voce bassa in ricordo del viaggio in Italia strafalcioni supplica prostituzione sincretismo Valeria Fedeli perdono limbo consustanziazione pro-life Gender Storia sociale della Chiesa lettera dei quattro Cardinali Papa Benedetto XVI Rwanda Musica Sacra Giornata della pace indagato Sala settimana di preghiera Consacrazione confessione Mistica Maria Valtorta Concilio darwinismo articoli vari Basta Bugie John Major Germain Grisex pro-life italiano Bukavu raccolta firme x chiedere dimissioni alta! Santo Sepolcro infallibilità droga Polonia Card. Brandmuller Medjugorje imparare la Lis sogno mons. Fellay morte dei bambini Lo Straniero Misericordia et misera Madonna della Ghiara Cina Dott.ssa Elisabetta Frezza Cuba pro gender terremoti rivoluzione religiosa Giappone flat tax Omelie Jean-François Lavére Convegno Valtorta Gandolfini diritti Conferenze valtortiane fastfood voce riforma I 4 Novissimi arrogante proselitismo infallibilità e indeffettibilità della Chiesa No anno giubilare
Torna ai contenuti | Torna al menu