Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> 098. Paolo: ebreo, israelita, ardente nelle pratiche mosaiche e farisaiche, fanatico, intransigente sino all'ingiustizia…

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Guido Landolina ·
Tags: PENSIERI A VOCE ALTA
                                                                                     
          
   
   
   
                                  
 
CLICCA QUI PER APRIRE E SCARICARE TUTTI I 'PENSIERI A VOCE ALTA'
DI GUIDO LANDOLINA
Commenti di Guido Landolina alle
LEZIONI SULL'EPISTOLA DI PAOLO AI ROMANI
scritte dalla mistica Maria Valtorta sotto dettatura dello Spirito Santo
(pubblicazione il sabato o la domenica)
(4 di 23)
CENTENARIO
FATIMA 13 MAGGIO 1917-13 MAGGIO 2017
098. Paolo: ebreo, israelita, ardente nelle pratiche mosaiche e farisaiche, fanatico, intransigente sino all'ingiustizia…
Nel precedente Pensiero…
097. San Paolo. Alcuni episodi salienti della sua vita avventurosa.
avevo sommariamente raccontato alcuni episodi della avventurosa vita di Paolo, un personaggio veramente carismatico che – come egli stesso ebbe a raccontare in una delle sue epistole – fu rapito da Dio in estasi e portato al ‘terzo Cielo’, come a dire ad una altezza spirituale dove fu oggetto di grandi rivelazioni poi in parte contenute nei suoi scritti ed utili alla sua Evangelizzazione.
Ma cosa si dice di lui nell’Opera di Maria Valtorta?
Anzi cosa dice di lui lo stesso Spirito Santo che – commentando i versetti Rm 9, 1-13[1]
nelle sue ‘Lezioni sull’Epistola di Paolo ai Romani’ – ne illustra le caratteristiche più salienti?
Ecco quanto Egli dunque spiega qui di seguito, parlando allo spirito della mistica Maria Valtorta (i grassetti nei brani riportati sono sempre i miei): [2]
^^^^^
2 giugno 1950. l° venerdì del mese del S. Cuore.
Ai Romani c. IX, v. 1‑13.
«Questo è punto molto profondo, e per la norma che dà nella pratica della carità, e nella lezione che dà a quelli che per i beni terreni rinunciano ai beni celesti.
Invocando lo Spirito Santo, abitatore dei cuori e dei corpi dei giusti, Voce parlante alla coscienza che ne fa la sua voce di ammaestramento, di guida, di legge, Paolo dice: “Ho una grande tristezza, un continuo dolore nel cuore, vorrei essere io stesso. Separato da Cristo pei miei fratelli (per il bene dei miei fratelli), che sono del sangue mio secondo la carne: gli Israeliti, ai quali appartengono l’adozione in figli (di Dio), la gloria, l’alleanza, la legge, il culto, le promesse, i patriarchi, e dai quali è (venuto), secondo la carne, il Cristo...”.
Paolo era ebreo e israelita, discendente d’Abramo e lo attesta[3] come colui che testimonia e si gloria della nobiltà del sangue avuto dagli avi, anche dopo che la folgorazione sulla via di Damasco[4] lo strappò alla Sinagoga arida per immergerlo nel settemplice fiume di grazie che sgorga dal seno della Chiesa, dalla Pietra stabilita dal Pontefice eterno: il Cristo[5], contro la quale invano Saulo s’era avventato, non sfracellandosi nell’urto solo per un volere divino che aveva stabilito per Saulo grandi cose.
Per quanto ormai staccato dalla Sinagoga, era ancor unito da vincoli d’affetto ai fratelli nel sangue d’Abramo. Né è riprovevole tale affetto, perché se è prossimo che si deve amare ogni uomo che abiti la Terra, più che mai è prossimo colui col quale si è uniti per una comune discendenza, una patria, una legge.
Paolo era di Tarso nella Cilicia[6]. Cittadino romano quindi perché la Cilicia dipendeva da Roma. Ma giudeo della tribù di Beniamino[7] per nascita e per la Legge, ché pochi come lui, tra i proseliti, o gli abitanti della Diaspora, o gli stessi farisei di Palestina, erano ardenti nelle pratiche mosaiche e farisaiche come Saulo, che era ardente sino al fanatismo e all’ingiustizia.
L’attaccamento ai fratelli nel sangue e nella passata fede permaneva dunque anche dopo aver abbracciato la nuova fede ed essersi fatto apostolo di Cristo, il più ardente degli apostoli, anzi, avendo trasportato se stesso, con tutta la sua intransigenza, con tutto il suo fanatismo del tempo passato, congeniti alla sua natura umana, nel tempo nuovo.
Ma poiché il passaggio era avvenuto per opera straordinaria di Dio ‑ il Verbo incarnatosi ‑ così il suo amore ai fratelli d’un tempo s’era trasformato, come ogni cosa in lui, da affetto terreno a carità soprannaturale. Anche la sua intransigenza e il suo fanatismo si erano trasformati, pur permanendo. Ché Saulo, l’ardente, intransigente, fanatico fariseo, lapidatore di Stefano[8], se non con le pietre con le parole, persecutore dei cristiani, divenuto Paolo, divenne ardente non nell’oblio ma nell’amore, intransigente per l’onore di Dio e il bene delle anime, prima con se stesso e poi con tutti, da Pietro pontefice all’ultimo fedele.
Ed ecco perciò che l’affetto terreno ai fratelli d’un tempo si eleva e sublima, e diviene in lui martirio di carità soprannaturale, perché li vorrebbe essi pure nel Regno, convertiti, pentiti, rinnovati da, per, e in Cristo, che essi avevano respinto mentre era fra di loro e perseguitato sino alla morte, chiedendo il suo Sangue su loro[9], non per fine santo di redenzione, ma per odio e dileggio.
Quel peccato di deicidio è il dolore che stringe ed empie il cuore di Paolo. La loro ostinata permanenza in questo peccato, che durava con il durare della persecuzione a Cristo col perseguitare i cristiani, era la grande tristezza di Paolo. Al punto che Paolo desidera e quasi chiede d’esser separato da Cristo, suo Amore degli amori, purché essi pervengano a pentirsi e ad amarlo, meritando così di divenire vivi figli adottivi di Dio e fratelli del Cristo, non solo per la carne ‑ assunta da Lui per discendenza da Adamo per linea di madre, e da Abramo, Isacco, Giacobbe e, per successive generazioni, Jesse, poi, infine, ultima Maria della stirpe di Davide, per cui Gesù di Nazaret è israelita del ceppo più puro del Popolo eletto[10] ‑ ma anche per coeredità nel Regno del Padre celeste…»
^^^^
Avevo detto nel Pensiero precedente che Paolo era un brillante allievo del grande Rabbi Gamaliele e - in una visione della mistica in cui lei vede Gamaliele che parla a ‘Saulo’ – Gamaliele gli dice che all’epoca in cui Gesù 12enne parlò ai dottori del Tempio, fra i quali era presente lo stesso Gamaliele[11], Saulo era ancora ‘un piccolo’ non ancora ‘figlio della Legge’.
In Israele, come già accennato, si diveniva ‘figli della Legge’ a 12 anni, previo superamento di un esame religioso presso il Tempio davanti ad una ‘Commissione’, superamento che comportava il riconoscimento giuridico della ‘maggiore età’ e quindi l’assunzione da parte del dodicenne delle proprie personali responsabilità civili e penali di ‘adulto’ rispetto a quelle di quando era ancora nella ‘minore età’ che erano a carico della famiglia.
Quindi - avendo Paolo alcuni anni meno di Gesù, come dice Gamaliele,  ed essendo avvenuta la lapidazione di Stefano non molto tempo dopo l’Ascensione al Cielo di Gesù che aveva allora 33 anni – se ne potrebbe dedurre che all’epoca della lapidazione di Stefano e della successiva prima persecuzione dei cristiani a Gerusalemme, Paolo dovesse avere circa 26/28 anni, comunque una età giovane ma ‘matura’ se - poco dopo - si farà assegnare dal Sinedrio il comando di una milizia per guidarla fino a Damasco alla caccia di cristiani da deportare a Gerusalemme per esservi condannati.
Ci piacerebbe aver potuto conoscere il suo aspetto fisico ma al riguardo nulla dicono gli Atti degli apostoli che parlano di lui.
Lo rileviamo invece da una visione[12] di Maria Valtorta (seguita da un commento di chiarimento di Gesù) che è molto interessante per comprendere non solo il suo temperamento ma anche i particolari della lapidazione di Stefano.
^^^^^
645. Il processo a Stefano e la sua lapidazione. Le opposte vie di Saulo e di Gamaliele alla santità.
7 agosto 1944.
L'aula del Sinedrio, uguale, e per disposizione e per perso­ne, a come era nella notte tra il giovedì e il venerdì, durante il processo di Gesù.
Il Sommo Sacerdote e gli altri sono sui loro scanni. Al centro, davanti al Sommo Sacerdote, nello spazio vuoto dove, durante il processo, era Gesù, è ora Stefano.
Egli deve aver già parlato, confessando la sua fede e testi­moniando sulla vera Natura del Cristo e sulla sua Chiesa, per­ché il tumulto è al colmo e nella sua violenza è in tutto simile a quello che si agitava contro il Cristo nella notte fatale del tradimento e deicidio.
Pugni, maledizioni, bestemmie orrende sono lanciati contro il diacono Stefano che, sotto le percosse brutali, traballa e vacilla mentre con ferocia lo stiracchiano qua e là. Ma egli conserva la sua calma e dignità. Anzi più an­cora. É non solo calmo e dignitoso, ma persino beato, quasi estatico. Senza curarsi degli sputi che gli rigano il volto, né del san­gue che gli scende dal naso violentemente colpito, alza, ad un certo momento, il suo volto ispirato e il suo sguardo luminoso e sorridente per affissarsi su una visione nota a lui solo.
Apre poi le braccia in croce, le alza e le tende verso l'alto, come per ab­bracciare ciò che vede, poscia cade in ginocchio esclamando: «Ecco, io vedo aperti i Cieli, ed il Figlio dell'Uomo, Gesù, il Cristo di Dio, che voi avete ucciso, stare alla destra di Dio».
Allora il tumulto perde quel minimo che ancora conservava di umanità e di legalità e, con la furia di una muta di lupi, di sciacalli, di belve idrofobe, tutti si slanciano sul diacono, lo mordono, lo calpestano, lo afferrano, lo rialzano sollevandolo per i capelli, lo trascinano, facendolo cadere di nuovo, facendo ostacolo con la furia alla furia, perché, nella ressa, chi cerca di strascinare fuori il martire è ostacolato da chi lo tira in altra direzione per colpirlo, per calpestarlo di nuovo.
Tra i furenti più furenti vi è un giovane basso e brutto, che chiamano Saulo. La ferocia del suo volto è indescrivibile.
In un angolo della sala sta Gamaliele. Egli non ha mai preso parte alla zuffa, né mai ha rivolto parola a Stefano né ad alcun potente. Il suo disgusto per la scena ingiusta e feroce è palese.
In un altro angolo, anche lui disgustato e non partecipante al processo e alla mischia, sta Nicodemo, che guarda Gamaliele, il cui volto è di una espressione più chiara di ogni parola. Ma, ad un tratto, e precisamente quando vede per la terza volta sollevare Stefano per i capelli, Gamaliele si ammanta nel suo amplissimo mantello e si dirige verso un'uscita opposta a quel­la verso cui è strascinato il diacono.
L'atto non sfugge a Saulo, che grida: «Rabbi, te ne vai?».
Gamaliele non risponde.
Saulo, temendo che Gamaliele non abbia capito che la do­manda era diretta a lui, ripete e specifica: «Rabbi Gamaliele, ti astrai da questo giudizio?».
Gamaliele si volge tutto d'un pezzo e, con uno sguardo ter­ribile tanto è disgustato, altero e glaciale, risponde soltanto: «Si».
Ma è un "si" che vale più d'un lungo discorso.
Saulo capisce tutto quanto c'è in quel "sì" e, abbandonando la muta feroce, corre verso Gamaliele. Lo raggiunge, lo ferma e gli dice: «Non vorrai dirmi, o rabbi, che tu disapprovi la nostra condanna».
Gamaliele non lo guarda e non gli risponde.
Saulo incalza: «Quell'uomo è doppiamente colpevole, per aver rinnegato la Legge, seguendo un samaritano posseduto da Belzebù, e per averlo fatto dopo esser stato tuo discepolo».
Gamaliele continua a non guardarlo e a tacere.
Saulo allora chiede: «Ma sei tu forse, anche tu, seguace di quel malfattore detto Gesù?».
Gamaliele ora parla e dice: «Non lo sono ancora. Ma, se Egli era Colui che diceva, e in verità molte cose stanno a dimo­strare che lo era, io prego Dio che io lo divenga».
«Orrore!», grida Saulo.
«Nessun orrore. Ognuno ha un'intelligenza per adoperarla e una libertà per applicarla. Ognuno dunque l'usi secondo quel­la libertà che Dio ha dato ad ogni uomo e quella luce che ha messo nel cuore di ognuno. I giusti, prima o poi, li useranno, questi due doni di Dio, nel bene, ed i malvagi nel male».
E se ne va, dirigendosi verso il cortile dove è il gazofilacio, e va ad appoggiarsi contro la stessa colonna contro la quale Ge­sù parlò alla povera vedova che dà al Tesoro del Tempio tutto quanto ha: due piccioli.        
É lì da poco quando lo raggiunge nuovamente Saulo e gli si pianta davanti. Il contrasto tra i due è fortissimo.
Gamaliele alto, di nobile portamento, bello nei tratti fortemente semitici, dalla fronte alta, dai nerissimi occhi intelligen­ti, penetranti, lunghi e molto incassati sotto le sopracciglia fol­te e diritte, ai lati del naso pure diritto, lungo e sottile, che ri­corda un poco quello di Gesù. Anche il colore della pelle, la bocca dalle labbra sottili, ricordano quelle di Cristo. Solo che Gamaliele ha la barba e i baffi, un tempo nerissimi, ora molto brizzolati e più lunghi.
Saulo invece è basso, tarchiato, quasi rachitico, con gambe corte e grosse, un poco divaricate ai ginocchi, che si vedono bene perché si è levato il manto ed ha solo una veste a tunica corta e bigiognola. Ha le braccia corte e nerborute come le gambe, collo corto e tozzo, sorreggente una testa grossa, bruna, con capelli corti e ruvidi, orecchie piuttosto sporgenti, naso ca­muso, labbra tumide, zigomi alti e grossi, fronte convessa, oc­chi scuri, piuttosto bovini, per nulla dolci e miti, ma molto in­telligenti sotto le ciglia molto arcuate, folte e arruffate. Le guance sono coperte da una barba ispida come i capelli e fol­tissima, però tenuta corta. Forse, per causa del collo così corto, pare lievemente gobbo o con spalle molto tonde.
Per un poco tace, fissando Gamaliele.
Poi gli dice qualcosa sottovoce. Gamaliele gli risponde, con voce ben netta e forte: «Non approvo la violenza. Per nessun motivo. Da me non avrai mai approvazione ad alcun disegno violento. L'ho detto anche pub­blicamente, a tutto il Sinedrio, quando furono presi, per la se­conda volta, Pietro e gli altri apostoli e furono portati davanti al Sinedrio perché li giudicasse. E ripeto le stesse cose: "Se è disegno e opera degli uomini, perirà da sé; se è da Dio, non po­trà essere distrutta dagli uomini, ma anzi questi potranno es­ser colpiti da Dio". Ricordalo».
«Sei protettore di questi bestemmiatori seguaci del Nazare­no, tu, il più grande rabbi d'Israele?».
«Sono protettore della giustizia. E questa insegna ad essere cauti e giusti nel giudicare. Te lo ripeto. Se è cosa che viene da Dio resisterà, se no cadrà da sé. Ma io non voglio macchiarmi le mani di un sangue che non so se meriti la morte».
«Tu, tu, fariseo e dottore, parli così? Non temi l'Altissimo?».
«Più di te. Ma penso. E ricordo... Tu non eri che un piccolo, non ancora figlio della Legge, ed io insegnavo già in questo Tempio con il rabbi più saggio di questo tempo... e con altri, saggi ma non giusti.
La nostra saggezza ebbe, tra queste mura, una lezione che ci fece pensare per tutto il resto della vita.[13]
Gli occhi del più saggio e giusto del tempo nostro si chiusero sul ricordo di quell'ora e la sua mente sullo studio di quelle verità, udite dalle labbra di un fanciullo che si rivelava agli uomini, specie se giusti. I miei occhi hanno continuato a vigilare e la mia mente a pensare, coordinando eventi e cose...
Io ho avuto il privilegio di udire l'Altissimo parlare per mezzo della bocca di un fanciullo, che fu poi uomo giusto, sapiente, potente, san­to, e che fu messo a morte proprio per queste sue qualità. Le sue parole di allora hanno poi avuto conferma dai fatti acca­duti molti anni dopo, all'epoca detta da Daniele... Misero me che non compresi avanti! che attesi l'ultimo terribile segno per credere, per capire!
Misero popolo d'Israele che non comprese allora e non comprende neppur ora!
La profezia di Daniele, e quella d'altri profeti e della Parola di Dio, continuano e si compiranno per Israele cocciuto, cieco, sordo, ingiusto, che continua a perseguitare il Messia nei suoi servi!».
«Maledizione! Tu bestemmi! Veramente non vi sarà più sal­vezza per il popolo di Dio se i rabbi d'Israele bestemmiano, rin­negano Javé, il Dio vero, per esaltare e credere in un falso Mes­sia!».
«Non io bestemmio. Ma tutti coloro che insultarono il Na­zareno e continuano a fargli spregio, spregiando i suoi seguaci. Tu si che lo bestemmi, poiché lo odi, in Lui e nei suoi. Ma hai detto giusto dicendo che non c’è più salvezza per Israele. Ma non perché vi sono israeliti che passano nel suo gregge, ma perché Israele ha colpito Lui, a morte».
«Mi fai orrore! Tradisci la Legge, il Tempio!».
«Denunciami allora al Sinedrio, perché io abbia la stessa sorte di colui che sta per essere lapidato. Sarà l'inizio e il com­pendio felice della tua missione. E io sarò perdonato, per questo mio sacrificio, di non aver riconosciuto e compreso il Dio che passava, Salvatore e Maestro, tra noi, suoi figli e suo popolo».
Saulo, con un atto d'ira, va via sgarbatamente, tornando nel cortile prospiciente all'aula del Sinedrio, cortile nel quale dura il gridio della folla esasperata contro Stefano. Saulo rag­giunge gli aguzzini in questo cortile, si unisce a loro, che lo at­tendevano, ed esce insieme agli altri dal Tempio e poi dalle mura della città. Insulti, dileggi, percosse continuano ad esser lanciati contro il diacono, che procede già spossato, ferito, bar­collante, verso il luogo del supplizio.
Fuori delle mura vi è uno spazio incolto e sassoso, assoluta­mente deserto.
Là giunti, i carnefici si allargano in cerchio, la­sciando solo, al centro, il condannato, con le vesti lacere e san­guinante in molte parti del corpo per le ferite già ricevute. Gliele strappano prima di allontanarsi. Stefano resta con una tunichetta cortissima. Tutti si levano le vesti lunghe, rimanen­do con le sole tuniche, corte come quella di Saulo, al quale af­fidano le vesti, dato che egli non prende parte alla lapidazione, o perché scosso dalle parole di Gamaliele, o perché si sa inca­pace di colpire bene.
I carnefici raccolgono i grossi ciottoli e le aguzze selci, che abbondano in quel luogo, e cominciano la lapidazione. Stefano riceve i primi colpi rimanendo in piedi e con un sorriso di perdono sulla bocca ferita, che, un istante prima dell'inizio della lapidazione, ha gridato a Saulo, intento a rac­cogliere le vesti dei lapidatori: «Amico mio, ti attendo sulla via di Cristo».
Al che Saulo gli aveva risposto: «Porco! Ossesso!», unendo alle ingiurie un calcio vigoroso sugli stinchi del diaco­no, che solo per poco non cade, e per l'urto e per il dolore.
Dopo diversi colpi di pietra, che lo colpiscono da ogni parte, Stefano cade in ginocchio puntellandosi sulle mani ferite e, certo ricordando un episodio lontano, mormora, toccandosi le tempie e la fronte ferita: «Come Egli m'aveva predetto! La co­rona... I rubini... O Signore mio, Maestro, Gesù, ricevi lo spiri­to mio!».
Un'altra grandine di colpi sul capo già ferito lo fanno stra­mazzare del tutto al suolo, che si impregna del suo sangue. Mentre si abbandona tra i sassi, sempre sotto una grandine di altre pietre, mormora spirando: «Signore... Padre... perdonali... non tener loro rancore per questo loro peccato... Non san­no quello che...».
La morte gli spezza la frase tra le labbra, un estremo sussulto lo fa come raggomitolare su sé stesso, e così resta. Morto.
I carnefici gli si avvicinano, gli lanciano addosso un'altra scarica di sassate, lo seppelliscono quasi sotto di esse. Poi si ri­vestono e se ne vanno, tornando al Tempio per riferire, ebbri di zelo satanico, ciò che hanno fatto.
Mentre parlano col Sommo Sacerdote e altri potenti, Saulo va in cerca di Gamaliele. Non lo trova subito. Torna, acceso d'odio verso i cristiani, dai sacerdoti, parla con loro, si fa dare una pergamena col sigillo del Tempio che lo autorizza a perse­guitare i cristiani. Il sangue di Stefano deve averlo reso furente come un toro che veda il rosso, o un vino generoso dato ad un alcoolizzato.
Sta per uscire dal Tempio quando vede, sotto il portico dei Pagani, Gamaliele. Va da lui. Forse vuole iniziare una disputa o una giustificazione. Ma Gamaliele traversa il cortile, entra in una sala, chiude la porta in faccia a Saulo che, offeso e furente, esce di corsa dal Tempio per perseguitare i cristiani.
[Dice Gesù:)
«Mi sono manifestato molte volte e a molti, anche nelle straordinarie manifestazioni. Ma non in tutti in ugual modo la mia manifestazione operò. Possiamo vedere come ad ogni mia manifestazione corrisponda una santificazione di coloro che possedevano la buona volontà richiesta agli uomini per avere Pace, Vita, Giustizia.
Così, nei pastori la Grazia lavorò per i trent'anni del mio na­scondimento e poi fiorì con spiga santa quando fu il tempo in cui i buoni si separarono dai malvagi per seguire il Figlio di Dio, che passava per le vie del mondo gettando il suo grido d'amore per chiamare a raccolta le pecore del Gregge eterno, sparpagliate e sperdute da Satana. Presenti tra le turbe che mi seguivano, messi miei, perché, coi loro semplici e convinti rac­conti, bandivano il Cristo dicendo: "É Lui. Noi lo riconosciamo. Sul suo primo vagito scesero le ninna-nanne degli angeli. E a noi, dagli angeli, fu detto che avranno pace gli uomini di buona volontà. Buona volontà è il desiderio del Bene e della Verità. Seguiamolo! Seguitelo! Avremo tutti la Pace promessa dal Si­gnore". Umili, ignoranti, poveri, i miei primi messi tra gli uomini si scaglionarono come scolte lungo le vie del Re d'Israele, del Re del mondo. Occhi fedeli, bocche oneste, cuori amorosi, incen­sieri esalanti il profumo delle loro virtù per fare meno corrotta l'aria della Terra intorno alla mia divina Persona, che s'era in­carnata per loro e per tutti gli uomini, e persino ai piedi della Croce li ho trovati, dopo averli benedetti col mio sguardo lun­go la via sanguinosa del Golgota, unici, con pochissimi altri, che non maledicessero fra la plebe scatenata ma che amassero, credessero, sperassero ancora, e che mi guardassero con occhi di compassione, pensando alla notte lontana del mio Natale e piangendo sull'Innocente, il cui primo sonno fu su un legno pe­noso e l'ultimo su un legno ancor più doloroso.
Questo perché la mia manifestazione a loro, anime rette, li aveva santificati.
E così pure avvenne ai tre Savi d'Oriente, a Simeone ed An­na nel Tempio, ad Andrea e Giovanni al Giordano, e a Pietro, Giacomo e Giovanni al Tabor, a Maria di Magdala nell'alba pasquale, agli undici perdonati sull'Uliveto, e ancor prima a Betania, del loro smarrimento...
No. Giovanni, il puro, non eb­be bisogno di perdono. Fu il fedele, l'eroe, l'amante sempre. L'amore purissimo che era in lui e la sua purezza di mente, di cuore, di carne, lo preservò da ogni debolezza.
Gamaliele, e con lui Hillele, non erano semplici come i pastori, santi come Simeone, sapienti come i tre Savi. In lui, e nel suo maestro e parente, era il viluppo delle liane farisaiche a soffocare la luce e la libera espansione della pianta della Fede. Ma nel loro essere farisei era purità d'intenzione. Credevano di essere nel giusto e desideravano di esserlo. Lo desideravano per istinto, perché erano dei giusti, e per intelletto, perché il loro spirito gridava malcontento: "Questo pane è mescolato a troppa cenere. Dateci il pane della vera Verità".
Gamaliele però non era forte al punto di avere il coraggio di spezzare queste liane farisaiche. L'umanità sua lo teneva ancor troppo schiavo e, con essa, le considerazioni della stima uma­na, del pericolo personale, del benessere famigliare. Per tutte queste cose Gamaliele non aveva saputo comprendere "il Dio che passava tra il suo popolo", né usare "quell'intelligenza e quella libertà" che Dio ha dato ad ogni uomo perché le usi per il suo bene. Solo il segno atteso per tanti anni, il segno che lo aveva atterrato e torturato con rimorsi che non cessavano più, avrebbe suscitato in lui il riconoscimento del Cristo e la muta­zione del suo antico pensiero, per cui, da rabbi dell'errore - avendo gli scribi, i farisei ed i dottori corrotta l'essenza e lo spirito della Legge, soffocandone la semplice e luminosa verità, venuta da Dio, sotto cumuli di precetti umani, sovente errati, ma sempre di utilità per loro - sarebbe divenuto, dopo lunga lotta tra il suo io antico e il suo io attuale, discepolo della Ve­rità divina.
Non era, del resto, stato il solo nell'essere incerto nel deci­dere e forte nell'agire. Anche Giuseppe d'Arimatea, e più anco­ra Nicodemo, non seppero mettere subito sotto i piedi le con­suetudini e le liane giudaiche e abbracciare palesemente la nuova Dottrina, tanto che usavano venire dal Cristo "in occul­to" per timore dei giudei, oppure costumavano incontrarlo co­me per caso, e per lo più nelle loro case di campagna o in quel­la di Betania, da Lazzaro, perché la sapevano più sicura e più temuta dai nemici del Cristo, ai quali era ben nota la protezio­ne di Roma per il figlio di Teofilo.
Certamente, però, sempre molto più avanti nel Bene e più coraggiosi questi rispetto a Gamaliele, al punto da osare i gesti pietosi del Venerdì Santo. Meno avanti rabbi Gamaliele.
Ma osservate, voi che leggete, la potenza della sua retta in­tenzione.
Per essa la sua giustizia, umanissima, si intinge di sovrumano.
Quella di Saulo, invece, si sporca di demoniaco nell'ora che lo scatenarsi del male pone lui e il suo maestro Gamaliele davanti al bivio della scelta tra il Bene e il Male, tra il giusto e l'ingiusto. L'albero del Bene e del Male si drizza davanti ad ogni uomo per presentargli, col più invitante e appetitoso aspetto, i suoi frutti del Male, mentre tra le fronde, con ingannevole voce di usignolo, sibila il Serpente tentatore. Sta all'uomo, creatura dotata di ragione e di un'anima datagli da Dio, saper discerne­re e volere il frutto buono tra i molti che buoni non sono e che dànno lesione e morte allo spirito, e quello cogliere, anche se pungente e faticoso a cogliersi, amaro a gustarsi e meschino d'aspetto.
La sua metamorfosi, per cui diviene tanto più liscio e morbido al tatto, dolce al gusto, bello all'occhio, avviene solo quando, per giustizia di spirito e ragione, si sa scegliere il frut­to buono e ci si è nutriti del suo succo, amaro ma santo.
Saulo tende le mani avide al frutto del Male, dell'odio, del­l'ingiustizia, del delitto, e le tenderà sinché non verrà folgorato, abbattuto, fatto cieco della vista umana perché acquisti la vista sovrumana e divenga non solo giusto, ma apostolo e confessore di Colui che prima odiava e perseguitava nei suoi servi.
Gamaliele, spezzando le liane tenaci della sua umanità e dell'ebraismo, per il nascere e fiorire del lontano seme di luce e giustizia, non solo umana ma anche sovrumana, che la mia quarta epifania - o manifestazione, che forse vi è parola più chiara e comprensibile - gli aveva posto in cuore, nel suo cuo­re dalle rette intenzioni, seme che egli aveva custodito e difeso con onesta affezione ed eletta sete di vederlo nascere e fiorire, tende le mani al frutto del Bene. Il suo volere ed il mio Sangue ruppero la dura scorza di quel lontano seme, che egli aveva conservato nel cuore per decenni, in quel cuore di roccia che si fendette insieme al velo del Tempio e alla terra di Gerusalem­me - e che gridò il suo supremo desiderio a Me, che più non potevo udirlo con udito umano ma che ben l'udivo col mio spi­rito divino - là, gettato a terra ai piedi della croce. E sotto il fuoco solare delle parole apostoliche e dei discepoli migliori e la pioggia del sangue di Stefano, primo martire, quel seme mette radici, fa pianta, fiorisce e fruttifica.
La pianta novella del suo cristianesimo, nata là dove la tra­gedia del Venerdì Santo aveva abbattuto, sradicato, distrutto tutte le piante ed erbe antiche. La pianta del suo nuovo cri­stianesimo e della sua santità nuova è nata e s'erge davanti agli occhi miei.
Perdonato da Me, benché colpevole per non avermi compre­so avanti, per la sua giustizia che non volle partecipare alla mia condanna né a quella di Stefano, il suo desiderio di dive­nire mio seguace, figlio della Verità, della Luce, viene benedet­to anche dal Padre e dallo Spirito Santificatore, e da desiderio diviene realtà, senza bisogno di una potente e violenta folgora­zione quale fu necessaria per Saulo sulla via di Damasco, per il protervo che con nessun altro mezzo avrebbe potuto esser conquistato e condotto alla Giustizia, alla Carità, alla Luce, alla Verità, alla Vita eterna e gloriosa dei Cieli».
^^^^^
  
Sommario
dei 'Pensieri a voce alta' (dal n. 095 al 117) che - con frequenza il sabato o la domenica - vengono di volta in volta inseriti nella Sezione 'Pensieri a voce alta' del mio Sito (QUI), da dove  potranno essere liberamente scaricati, come pure su Gloria.tv. (QUI)
095. Pensiero introduttivo.
096. L'Aurora della Stella del mare. Il Tempo di Maria. (Parte prima)
097. San Paolo. Alcuni episodi salienti della sua vita avventurosa.
098. Paolo: ebreo, israelita, ardente nelle pratiche mosaiche e
farisaiche, fanatico, intransigente sino all'ingiustizia…
099. Pentecoste. La discesa dello Spirito Santo nel Cenacolo su Maria S.S. e sugli Apostoli.
100. La doppia natura di Gesù, vero Dio e vero Uomo.
101. Il Giusto vive di fede.
102. L'Aurora della Stella del mare. Il Tempo di Maria. (Parte seconda)
103. La 'seconda venuta'. «Quando verrò?... Verrò…! Non avrò nuova carne poiché ne ho già una perfetta… Evangelizzerò, non come evangelizzai, ma con forza nuova…»
104. La negazione del Dio Creatore e l'Evoluzionismo.
105. I negatori dell'Eucarestia ed i satanisti… 'credenti'.
106. Le 'anime-vittima' per la salvezza del mondo.
107. Non giudicare!
108. Le tribolazioni e l'angoscia del grande peccatore in vita e le
pene dell'inferno.
109. Le quattro dimore dell'Aldilà. Paradiso, Inferno, Purgatorio e Limbo.
110. Dio vuole la circoncisione dei cuori e di fronte ai ministri boriosi
che ostentano sapienza prende dei 'laici' che - pur essendo umili ed ignoranti - diventano 'sapienti' per ispirazione diretta di Dio che li istruisce.
111. Tutti gli uomini peccano perché non hanno il 'Timor di Dio'.
112. Prima ancora che Dio creasse, Egli aveva già in mente il Peccato della futura Umanità e il rimedio per salvarla, appunto il 'Verbo-Dio-Uomo crocifisso': la vittima sacrificale.
113. E' per la sua fede in Dio e non per la circoncisione fisica che
Abramo ricevette la promessa di una discendenza numerosa fra circoncisi ed incirconcisi.
114. Maria S.S., l'Arca dilettissima di puro oro che ancor ci contiene così come
è da Noi contenuta….
115. La scala ascensionale della Creazione, la cui perfezione è Gesù
Cristo, l'Uomo-Dio, che unisce in Sé la natura divina e quella umana.
116. Il mio Essere si estende su tutto l'Universo. La mia Luce bagna di Sé gli astri, i pianeti, i mari, le valli, l'erbe, gli animali. La mia Intelligenza corre per tutta la Terra, istruisce i lontani, dà a tutti un riflesso dell'Alto, educa alla ricerca di Dio. La mia Carità penetra come il respiro e conquista i cuori.
117. Porrò il mio Arcobaleno fra le nubi… e mi ricorderò del mio Patto…


[1] Rm 9, 1-13: 1 Dico la verità in Cristo, non mentisco e me lo attesta la mia coscienza per lo Spirito Santo: 2 ho una grande tristezza, un continuo dolore nel mio cuore, (tale) che vorrei essere io stesso separato da Cristo pei miei fratelli che sono del sangue mio secondo la carne, 4 gli Israeliti, ai quali appartengono l’adozione in figli, la gloria, l’alleanza, la legge, il culto, le promesse, 5 i patriarchi, e dai quali è, secondo la carne, il Cristo, che è sopra tutte le cose Dio benedetto nei secoli. Così sia.6 Non già che sia venuta meno la parola di Dio, perché non tutti quelli che vengono da Israele sono Israeliti;7 né i nati dalla stirpe di Abramo son tutti figlioli; ma «in Isacco sarà la tua discendenza». 8 Quindi non i figli della carne sono figli di Dio; ma i figli della promessa sono contati come discendenti. 9 Le parole della promessa infatti erano queste: Verso questo tempo io tornerò, e Sara avrà un figlio. 10 E non soltanto a Sara, ma avvenne così anche a Rebecca, la quale da una sola unione con Isacco, padre nostro, concepì due gemelli. 11 Or non essendo questi ancor nati e non avendo fatto nulla di bene o di male (affinché il disegno di Dio rimanesse secondo la elezione), 12 non dipendente dalle opere, ma da Colui che chiama, fu detto a Rebecca: 13 Il maggiore servirà al minore, secondo sta scritto: Ho amato Giacobbe ed ho odiato Esaù.
[2] M.V.: ‘Lezioni sull’Epistola di Paolo ai Romani’ - Dettato 2 giugno 1950 – Lezione 38a - Edizioni C.E.V.
[3] Atti 22, 3; Romani 11, 1; Galati 1, 13‑14; Filippesi 3, 4‑6; 2 Corinti 11, 22
[4] Atti 9, 1‑18; 22, 5‑16; 26, 9‑18
[5] Matteo 16, 13‑19; Giovanni 21, 15‑17
[6] Atti 9, 11; 21, 39; 22, 3
[7] Romani 11, 1; Filippesi 3, 5
[8] Atti da 7, 55 a 8, 4
[9] Matteo 27, 25
[10] Matteo 1, 1‑17; Luca 3, 23‑38
[11] M.V.: ‘L’Evangelo…’ – Vol. I -   Cap. 41: La disputa di Gesù nel Tempio con i dottori…’ – C.E.V.
[12] M.V.: ‘L’Evangelo…’ – Vol. X - Cap. 645
[13] M.V.: ‘L’Evangelo…’ – Vol. I di 10 volumi - Cap. 41: La disputa di Gesù con i dottori nel Tempio…’. - C.E.V
Dell’autore Guido Landolina : “I Vangeli di Matteo, Marco, Luca e del ‘piccolo’ Giovanni” – Vol. I di 4 volumi: Cap. 10: ‘Israele per la sua mala volontà perderà la pace e soffrirà in sé, per dei secoli, ciò che farà soffrire al suo Re, che sarà da esso ridotto il Re di dolore di cui parla Isaia’ – Vedi l’opera scaricabile dal sito internet dell’autore www.ilcatecumeno.net



< 097. San Paolo. Alcuni episodi salienti della sua vita avventurosa.

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Guido Landolina ·
Tags: PENSIERI A VOCE ALTA

> Pentecoste - A

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Lezioni spirituali di P. Enzo Redolfi ·
Tags: OMELIE

> Ascensione - A

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Lezioni spirituali di P. Enzo Redolfi ·
Tags: OMELIE

> 096. L'Aurora della Stella del mare. Il Tempo di Maria. (Parte prima)

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di In Terris ·
Tags: Pensieri a Voce Alta

> 6 Domenica di Pasqua - A

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Omelie di P. Enzo Redolfi ·
Tags: Omelie

> 5 Domenica di Pasqua - A

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Lezioni spirituali di P. Enzo Redolfi ·
Tags: Omelie

> 095. Pensiero introduttivo.

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Guido Landolina ·
Tags: Pensieri a voce alta

> 13 maggio - Maria SS. di Fatima

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Dedicato a Maria Valtorta ·
Tags: Fatima

> 4 Domenica di Pasqua - A

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Lezioni spirituali di P. Enzo Redolfi ·
Tags: Buon Pastore

> 093. Video-show, le 'iene' e don Minutella. Ovvero il diavolo fa le pentole ma non i coperchi...

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Guido Landolina ·
Tags: pensieri a voce alta

< 2 Domenica di Pasqua - A

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Lezioni spirituali di P. Enzo Redolfi ·
Tags: Misericordia

> Conferenze e Sante Messe dei mesi di Gennaio, Febbraio e Marzo.

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Dedicato a Maria Valtorta ·
Tags: CONFERENZE E SANTE MESSE

> 091. Breve 'Saggio' sull'Apocalisse, da San Giovanni apostolo a Benson e Soloviev… fino ai giorni nostri.

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Guido Landolina ·
Tags: PENSIERI VOCE ALTA

> 5a Domenica di Quaresima - A

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Lezioni spirituali di P. Enzo Redolfi ·
Tags: lezioni spirituali
Nuvole
Cuba Vittorio Agnoletto Amoris laetitia Jean-François Lavére Beato Mayr-Nusser Renzi Kosovo Omelie protestanti Immacolata Concezione aborto peccato gravissimo odio Bergoglio Marchino Giappone tsunami Toscana ibernazione Umberto Benigni Valtorta comunismo Concilio Newman consustanziazione LEZIONI SPIRITUALI Medjugorje Pensieri a Voce Alta Schneider anno giubilare intervista integrale al Card. Burke No eutanasia Misericordia Papa OMELIE Padre Pio Robert Spaemann GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI lingue di vermi Card. Biffi Misericordia et misera religiosa Cardinali Lutero leucemia battesimo leggere Guido Landolina ex-cathedra Świebodzin Vaticano scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Pence padre Lombardi IMU Parlamento peronismo nazionalcattolico Gesù sacramentato L'Evangelo come mi è stato rivelato la verità su Aleppo fastfood traumi Scalfari evoluzionismo Trump Giobbe lezioni spirituali droga Agnello di Dio 25 novembre 2016 FB Polonia rissa vaticana filatelica eresie Convegno Valtorta Italicum Aldo Maria Valli Roberto De Mattei Sander Magister Frezza cattolici statunitensi a Trump Israele scisma silenzio della S. Sede carmelitana Don Ariel S. Levi di Gualdo sesto dubia consumismo teoria eresia ariana Socci Unità dei cristiani articolo su Maria Valtorta treni a vento Mattarella Don Giuseppe Berardino Palmaro messainlatino massoneria valanga prostituzione Laetitia Fedeli. Tosatti alluvioni CONFERENZE E SANTE MESSE Kasper la Colonna dell'Immacolata cinwue Dubia Expo Spadaro PENSIERI A VOCE ALTA La Croce di S. Benedetto Giuda pro gender Rom il mercante d'armi ecografia prenatale Morte Giubileo della Misericordia Convegno valtortiano 2016 Google limbo convivenza il reato di intralcio all'aborto Transustanziazione sogno demonologia Gedeone Giovanni Paolo II terremotati Intervista Benedettini comunicazione non ostile tragedia a Uyo Politi Amoris Laetitia Don Ariel Purgatorio S. Antonio Abate pro-life Sindone Quaresima Non praevalebunt! San GIuseppe Amoris Laetitia promesse omosessualità terremoti Twitter Gomez Davila LGBT Renxit Cattedrale di Reggio Emilia rivoluzione religiosa Ordine di Malta Johm Obama proselitismo Inferno Satana Fedeli Limbo domanda miracoli Apparizione a Lourdes articolo 138 Madonna mons. Fellay referendum diritti luterani eretico Difendiamo i nostri figli Italia effetto Paglia Fumagalli crollo del tetto di una chiesa furto di ostie Mary Wagner CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta raccolta firme x chiedere dimissioni antidarwinismo Gerusalemme arrogante bellezza riconteggio Dubia Natale Pontificato Bergoglio elezioni Presepe rifugiati Santa Veronica Giuliani Camicia della Madonna Gandolfini Volto Santo supplica sale infallibilità Francia Mama Antula verginità della Vergine Ministra dell'Istruzione riforma della curia Insediamento Trump Don Minutella modernisti cappella agli islamici Boff Papa Francesco Risurrezione dei morti Eye Pyramid Cattedrale di Pristina indagato Sala Catechismo Maggiore di S. Pio X strafalcioni il cornoletame fenomeni Scopelli interviste lotta contro l'aborto misericordia antimassoneria Isis Cristo Re Carlo Acutis Buon Natale Card. Brandmuller assenza di Dio P. Giovanni Cavalcoli obiezione di coscienza Mistica viareggina l'antilingua Caritas omelie Pietro Fillon fare chiarezza video Stephen Apocalisse perdono doveri fondazione Maria Valtorta omosessuali genocidio Finnis Amoris Benedetto XVI Re Magi Card. Sarah varie Cascioli Don Zucchini Card. Raymond Burke La Samaritana Clinton fedeltà condanna comunione ai divorziati risposati Raul Castro Atti di riparazione Preti sposati la Beppina incendio bufale Medaglia miracolosa Santo Sepolcro dubia streghe DUBIA darwinismo Concistoro disorientamento pastorale Redenzione Melloni PENSIERI VOCE ALTA riforma Suor Lucia di Fatima Mistica Maria Valtorta infallibilità e indeffettibilità della Chiesa serate valtortiane Dott.ssa Elisabetta Frezza Rwanda Blondet Radio Maria castigo di Dio assassinio medaglia miracolosa Guido Villa dimissioni congelate il sacro tugurio Referendum Fatima pensieri a voce alta Lourdes seminari Bernadette La sconfitta di Renzi creazionismo Lo Straniero Brexit Valeria Fedeli Islam moderato comunione a divorziati risposati Giornata della pace strage di Berlino Musica Sacra commissariamento Ordine di Malta Giudizio Particolare Beata Giovanna Scopelli profughi globalizzazione assolvere il peccato di aborto feto Fidel Castro Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Basta Bugie Pontefice Lund assistenza umanitaria Argentina Verginità di Maria guarigioni Dogma Russia Card. Burke Benedetta Frigerio pro-life italiano Lezioni spirituali morte di Fidel Castro Pensieri a voce alta sincretismo teologia del processo e del divenire Neo Modernismo gelo Consacrazione Germain Grisex aborto SOSPESO A DIVINIS Lefebvre nuovo cristianesimo Buon Pastore flat tax morte dei bambini satanismo modernismo John Major Fraternità San Pio X Madonna della Ghiara otto errori. Beatitudini Gender gender Commiato all'Opera Maria Valtorta Wilders monachesimo Ratzinger Lezioni spirituali p. Enzo lettera dei quattro Cardinali Santiago del Estero Paradiso peccato originale j'accuse in ricordo del viaggio in Italia Stephen Austin I 4 Novissimi avvelenamento di massa La necessità della... Resistenza apologetica sofferenza dei bambini anima vittima sbarackato Obama Crisi del Dogma correzione formale Family Day tradizionalisti febbre spirituale Porta Santa dittatore settimana di preghiera articoli vari Basta Bugie Conferenze valtortiane Claudio Pierantoni liturgia antica sisma Gesù Salvatore Bukavu Papa Bergoglio profezia Creazione 80 anni imparare la Lis confessione cremazione Avvenire vescovo Robert W. McElroy Cina AVVISO IMPORTANTE Aleppo Papa Benedetto XVI economia intervista a Burke Strage di Viareggio Maria Quo Vadis? populismo latinoamericano Theologica luce Costituzione Storia sociale della Chiesa
Torna ai contenuti | Torna al menu