> Lettera aperta di Mario Adinolfi, Popolo della Famiglia, a Marco Tarquini , direttore Avvenire, su questione Gender - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Lettera aperta di Mario Adinolfi, Popolo della Famiglia, a Marco Tarquini , direttore Avvenire, su questione Gender

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Teoria Gender ·
Tags: Fedeliteoriagender






http://www.lacrocequotidiano.it

Caro  Marco,

ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita  professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto  e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla  direzione di Avvenire.

Mi permetterò dunque la franchezza per una volta  spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale  quotidianamente ci abitua.

Il riferimento è alla lettera di Valeria  Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il  titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e  donna”.

Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la  signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a  viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato  una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche  l’esame di maturità.

Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei  che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza  non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate  naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca  legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al  direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del  titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della  Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare  chiarezza”.

“Lineare  chiarezza” su cosa? Sulla questione della menzogna agli italiani sul  titolo di studio certamente no, quella per Avvenire era gravissima  quando a pronunciarla era l’innocuo Oscar Giannino, ma oggi Avvenire ha  posto la mordacchia al tema e manco citato la notizia.

Il riferimento è  al tema dell’introduzione dell’educazione gender nelle scuole come  materia obbligatoria, su cui la pinocchia è prima firmataria di un  apposito disegno di legge nonché responsabile dell’inserimento del  famoso comma 16 all’interno della legge 107 nota come “buona scuola”.

Valeria Fedeli afferma: “Non ho mai fatto riferimento a una supposta  ‘teoria gender’, tanto meno a una ‘ideologia’, non solo perché il  pensiero ideologico mi è strutturalmente estraneo, ma perché una simile  ideologia, ammesso che esista, e non è mai stata d’ispirazione per  l’operato mio, o del Parlamento o del governo. Vorrei che la parola  gender uscisse dal nostro vocabolario in questa accezione minacciosa, e  che tornassimo a parlare di uguaglianza tra donne e uomini, in linea con  le normative nazionali e internazionali sui diritti umani”.

Tu, caro  Marco, le dai bordone: “La ringrazio, gentile ministra Fedeli, per la  lineare chiarezza di questa sua pur articolata lettera. Una risposta non  solo e non tanto a me quanto a interrogativi legittimi (anche se non  sempre lucidi nell’argomentazione e pacati nei toni) per le posizioni  che aveva assunto o che le erano state attribuite sul tema che (per  sintesi) ormai quasi tutti, comunque la pensino, richiamano con la  parola-slogan ‘gender’, intendendo con essa la pretesa di decostruire la  basilare differenza maschile-femminile e alludendo a un’offensiva (che  ha avuto e ha organizzatori e sostenitori anche in Italia) per istruire  in questo senso scolari e studenti”.

Caro  Marco Tarquinio, l’allarme sul gender non l’ha lanciato Mario Adinolfi o  il Popolo della Famiglia. La parola “gender” non è una “parola-slogan”,  ma una delle principali preoccupazioni di Papa Francesco che l’ha  denunciata utilizzando proprio quella parola in innumerevoli interventi,  l’ultimo il 3 ottobre 2016 rientrando dalla Georgia: “Ho parlato di  quella cattiveria che oggi si fa con l’indottrinamento della teoria  gender. Un padre francese mi raccontava del figlio di dieci anni: alla  domanda ‘cosa vuoi fare da grande’ ha risposto: la ragazza! Il padre si è  accorto che nei libri di scuola si insegnava la teoria gender, e questo  è contro le cose naturali”.

Sul quotidiano La Croce del 20 dicembre  2016, il giorno in cui tu trovavi “lineare chiarezza” nelle parole di  Valeria Fedeli, noi riportavamo i dati di una nazione, la Svezia, dove  ora fin dall’età della scuola dell’infanzia è stato introdotto il  pronome “hen” per identificare bambini “neutri, dall’identità sessuale  incerta”, portando l’ospedale di Stoccolma che fino al 2012 aveva  “curato” appena 4 bambini per disforia di genere, a ricoverarne nel solo  2015 ben 116 e oltre 200 nel 2016 (aspettiamo la fine dell’anno per i  dati ufficiali).

Centinaia e centinaia di bambini in un solo ospedale di  una sola città in un solo anno, l’ospedale è l’Astrid Lindgren  pediatrico di Stoccolma. I bambini vengono sottoposti a sovradosaggi  ormonali e alla somministrazione di farmaci per il blocco della pubertà  con la finalità di prepararli al cambio di sesso.

Ecco, questo è  esattamente quello che intendeva Papa Francesco, ripeto Papa Francesco e  non Mario Adinolfi, quando riferiva l’episodio del bambino di dieci  anni francese.

I responsabili di questa tragedia sono gli ideologi del  gender e Valeria Fedeli in Italia ne è una delle esponenti principali,  tanto da aver presentato il disegno di legge sull’educazione gender come  materia obbligatoria nelle scuole, travestito da legge sulla  “educazione di genere” e sulla “parità tra uomo e donna”, concetto ovvio  su cui non sono necessarie materie di studio obbligatorie a scuola.

Che  Valeria Fedeli sia un’ideologa del gender non è una supposizione, basta  leggere le sue dichiarazioni. Basta riascoltare il suo intervento in  aula al Senato durante il dibattito per l’approvazione della vergognosa  legge sulle unioni gay, nota anche come legge Cirinnà.

La Fedeli ha  parlato il 4 febbraio 2016 e questo ha detto: “Se tutti i cittadini sono  uguali, come dice la Costituzione, perché ad alcuni è negato il  riconoscimento del legame affettivo e familiare che hanno con un’altra  persona? Se tutti i bambini sono uguali perché alcuni hanno meno tutele  di altri e sono condannati a vivere nella discriminazione? Se in tutta  Europa questi diritti sono riconosciuti, perché non è lo stesso per le  coppie omosessuali italiane e per i loro figli, figli di italiani?”.

Dunque è chiaro. Per la Fedeli la coppia omosessuale è famiglia, la  coppia omosessuale ha figli (nati con l’utero in affitto, non ci sono  altri modi) e il riferimento normativo è quello “europeo”, dunque della  Francia che preoccupa Papa Francesco e della Svezia che preoccupa noi  per i dati che abbiamo appena elencato.

Vedi  caro Marco, se qualche volta i toni si alzano e diventano poco  “pacati”, è perché legittimando le falsità e le ipocrisie e il non detto  delle Valeria Fedeli di turno, per paura di mettersi in urto con il  potere, a chi di potere non ne, ha resta solo l’urlo.

Vorrei che ti  arrivasse forte quest’urlo, vorrei che tu lo facessi tracimare nelle  pagine sempre “pacate” e qualche volta placate di Avvenire, vorrei che  portassi un po’ di sconquasso e reale dibattito su un tema che pare  essere secondario e invece è determinante.

Pochi giorni fa a Ragusa un  tribunale ha emesso una sentenza sempre ossequiante l’ideologia gender:  autorizza un 27enne a dichiararsi donna all’anagrafe pur restando  maschio a tutti gli effetti anatomicamente.

Ecco, quando ti chiedi cos’è  l’ideologia gender, la risposta è in questa sentenza. Una sentenza  ideologica, appunto, che scardina un elemento fondante della verità,  scritta nel Dna delle nostre cellule, nei nostri cromosomi,  scientificamente rilevabile. L’ideologia gender dichiara transeunte ciò  che transeunte non è, in nome di un’ideologia dell’autodeterminazione  che è finta libertà contro la verità. Questa follia è destinata a  travolgere la nostra società, ha la finalità di giungere al traguardo  ideologico dell’omogenitorialità legittimata, per devastare la famiglia  che è l’unico ostacolo che separa lorsignori dalla costruzione di una  società di individui fragili e sbandati perché profondamente soli, che  senza verità non hanno alcuna libertà e son dunque agevolmente  manipolabili.

Questa  mia preoccupazione, la preoccupazione del Popolo della Famiglia, non  dovrebbe essere una preoccupazione dei cristiani, ma di tutti gli uomini  di buona volontà. E se Papa Francesco indica la via su molte strade  innovative, la indica anche su questa, sull’allarme reiterato rispetto  all’espandersi della colonizzazione ideologica del gender.

Essere  complici e vedere “lineare chiarezza” in chi chiaro davvero non è e  mente persino sul titolo di studio nel curriculum, vuol dire aver  inforcato un paio di occhiali con le lenti sbagliate.

Con affetto e  amicizia, ma anche con fermezza e nettezza, ti chiedo di dare spazio a  queste mie osservazioni su Avvenire come hai voluto darne a una persona  che indegnamente ricopre la carica di ministro, in violazione  dell’articolo 54 della Costituzione che prevede che i pubblici uffici  siano svolti “con disciplina e onore”.

Ricordando a lei e a tutti coloro  che avessero dubbi che è famiglia solo la “società naturale fondata sul  matrimonio”. Anche qui, non siamo nei canoni del diritto ecclesiastico,  ma all’articolo 29 della Costituzione repubblicana che quasi venti  milioni di italiani domenica 4 dicembre hanno difeso dall’assalto di  manipolatori che avevano promesso che avrebbero tolto le tende e invece,  poiché sono bugiardi matricolati, sono ancora al governo a fare danni. E  chi scrive li conosce bene, forse più di te, caro Marco, che sei caduto  nella loro strumentale ricerca di legittimazione che non meritava  ascolto.

21/12/2016



Articoli recenti
Nuvole
teoria sofferenza dei bambini antimassoneria apologetica valanga indagato Sala GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI eutanasia Blondet Volto Santo il cornoletame imparare la Lis Schneider sisma Jean-François Lavére Don Ariel alta! Radio Maria Paradiso Laetitia guarigioni Mistica viareggina comunione a divorziati risposati Frezza sesto dubia San GIuseppe P. Giovanni Cavalcoli voce Carlo Acutis liturgia antica consustanziazione limbo riconteggio padre Lombardi Google streghe Bergoglio Theologica Aldo Maria Valli feto Redenzione fare chiarezza Limbo infallibilità fondazione Maria Valtorta darwinismo filatelica Fumagalli Fedeli. Santo Sepolcro proselitismo Lo Straniero Fedeli Brexit comunismo furto di ostie PENSIERI A VOCE ALTA Natale referendum pro-life italiano IMU Misericordia et misera Beata Giovanna Scopelli Verginità di Maria Islam moderato rissa vaticana Catechismo Maggiore di S. Pio X Madonna dimissioni congelate rifugiati Fatima Mary Wagner Giornata della pace Clinton Lutero la Beppina Argentina diritti Mama Antula Card. Raymond Burke Santa Veronica Giuliani Santiago del Estero scisma Pensieri Giuda terremoti Pence articoli vari Basta Bugie Maria Immacolata Concezione Musica Sacra religiosa Dogma Papa Bergoglio effetto Paglia otto errori. Don Giuseppe Berardino treni a vento Amoris Laetitia obiezione di coscienza Raul Castro Atti di riparazione Mattarella monachesimo lettera dei quattro Cardinali creazionismo Tosatti Israele Cristo Re Morte Don Zucchini anima vittima carmelitana Madonna della Ghiara John Major Dubia S. Antonio Abate Germain Grisex misericordia Preti sposati dubia rivoluzione religiosa Papa Claudio Pierantoni lingue di vermi Toscana peccato originale leggere Cardinali Strage di Viareggio lotta contro l'aborto protestanti Gandolfini Roberto De Mattei assolvere il peccato di aborto aborto Satana Basta Bugie j'accuse Sander Magister Beato Mayr-Nusser Cattedrale di Reggio Emilia comunicazione non ostile Cascioli fenomeni vescovo Robert W. McElroy Pensiero a voce bassa 1002 Rwanda La Croce di S. Benedetto Rom battesimo riforma Twitter Expo Risurrezione dei morti Convegno valtortiano 2016 Incontro 80 sindaci da tutto il mondo il sacro tugurio Pensieri a voce alta (in pillole) Fillon FB prostituzione Intervista Benedettini Lefebvre Non praevalebunt! miracoli Giovanni Paolo II Ordine di Malta Papa Francesco Apparizione a Lourdes teologia del processo e del divenire Inferno 25 novembre 2016 ex-cathedra Maria Valtorta Convegno Valtorta promesse Amoris Laetitia Don Ariel S. Levi di Gualdo Purgatorio Isis Papa Benedetto XVI Parlamento Unità dei cristiani Card. Brandmuller condanna luterani Card. Sarah Kosovo seminari Polonia Re Magi Suor Lucia di Fatima Gedeone la Colonna dell'Immacolata Marchino Camicia della Madonna economia raccolta firme x chiedere dimissioni Bukavu doveri elezioni Italia Neo Modernismo Świebodzin Kasper evoluzionismo Ministra dell'Istruzione Conferenze valtortiane demonologia Porta Santa comunione ai divorziati risposati CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta CONFERENZE E SANTE MESSE crollo del tetto di una chiesa eretico Benedetto XVI (in Melloni Concilio video Stephen Avvenire tsunami Guido Landolina Francia commissariamento Ordine di Malta settimana di preghiera la verità su Aleppo Giubileo della Misericordia Consacrazione PENSIERI VOCE ALTA Referendum Medjugorje intervista integrale al Card. Burke Gender bellezza Cina incendio gelo avvelenamento di massa Vittorio Agnoletto Crisi del Dogma cappella agli islamici Benedetta Frigerio pro gender l'antilingua supplica Family Day SOSPESO A DIVINIS Socci Trump modernismo La sconfitta di Renzi Medaglia miracolosa confessione intervista a Burke Card. Burke Wilders Sindone medaglia miracolosa flat tax omosessualità il mercante d'armi anno giubilare Finnis DUBIA Apocalisse Lourdes Dott.ssa Elisabetta Frezza Italicum eresie droga Fraternità San Pio X consumismo Fidel Castro Buon Natale Guido Villa Ratzinger Don Minutella Omelie massoneria Quaresima Bernadette profughi Caritas La necessità della... Resistenza Pensieri a voce bassa Pontificato Bergoglio Creazione varie riforma della curia LGBT No Russia Pensieri a voce alta antidarwinismo in ricordo del viaggio in Italia cattolici statunitensi a Trump morte di Fidel Castro genocidio Costituzione bufale mons. Fellay Giudizio Particolare Amoris Lund correzione formale strafalcioni Presepe Robert Spaemann Scopelli dittatore Commiato all'Opera alluvioni Amoris laetitia PENSUERI A VOCE BASSA Pontefice Padre Pio sincretismo peronismo nazionalcattolico Renxit Quo Vadis? cinwue Dubia aborto peccato gravissimo castigo di Dio Umberto Benigni cremazione Spadaro febbre spirituale Cattedrale di Pristina sbarackato Obama Mistica Maria Valtorta il reato di intralcio all'aborto Gomez Davila Insediamento Trump disorientamento pastorale gender Newman convivenza modernisti Gerusalemme sogno traumi Palmaro AVVISO IMPORTANTE silenzio della S. Sede assenza di Dio satanismo articolo su Maria Valtorta Gesù sacramentato Card. Biffi I 4 Novissimi articolo 138 ecografia prenatale messainlatino globalizzazione Difendiamo i nostri figli domanda omosessuali strage di Berlino Johm eresia ariana profezia Eye Pyramid Pensieri a Voce Alta Concistoro Pietro arrogante Vaticano fedeltà nuovo cristianesimo a ibernazione serate valtortiane Renzi Aleppo Boff infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Scalfari morte dei bambini terremotati assassinio Giappone Obama 80 anni populismo latinoamericano pensieri a voce alta L'Evangelo come mi è stato rivelato Stephen Austin Storia sociale della Chiesa assistenza umanitaria fastfood Cuba Pensieri a voce alta (in pillole) tragedia a Uyo scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi odio Politi tradizionalisti Giobbe Valeria Fedeli pro-life Valtorta interviste Transustanziazione Pillole perdono Pensieri a Voce Bassa verginità della Vergine pillole) leucemia
Torna ai contenuti | Torna al menu