> 107. Non giudicare! - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> 107. Non giudicare!

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di Guido Landolina ·
Tags: Pensieri a Voce Alta
                                                                                     
          
   
   
   

CLICCA QUI PER APRIRE E SCARICARE TUTTI I 'PENSIERI A VOCE ALTA'
DI GUIDO LANDOLINA
Commenti di Guido Landolina alle
LEZIONI SULL'EPISTOLA DI PAOLO AI ROMANI
scritte dalla mistica Maria Valtorta sotto dettatura dello Spirito Santo
(pubblicazione il sabato o la domenica)

(13 di 23)
CENTENARIO DI FATIMA 13 MAGGIO 1917-13 MAGGIO 2017
107. Non giudicare!
Faccio seguito al mio 'Pensiero'
106. Le 'anime-vittima' per la salvezza del mondo.
Nel nostro precedente capitolo abbiamo visto che Paolo, nel primo versetto del Cap. 2 della sua Epistola ai Romani, aveva invitato gli uomini a guardarsi bene dal giudicare le colpe altrui se poi - sapendo per retta coscienza che di colpe si tratta, e soprattutto molto gravi - essi commettono le stesse colpe.
Infatti - rifletto io - questo voler giudicare gli altri quando poi si è responsabili delle stesse colpe è una colpa ancora maggiore che ci rende 'inescusabili' agli occhi di Dio perché si erra in piena coscienza e ci si comporta inoltre da ipocriti che si prendono gioco del Signore.

In questa nuova lezione[1] lo Spirito Santo riprende il tema precedente commentando i versetti successivi - dal 2 all'8 - della lettera paolina. [2]
Dio - spiega lo S.S. - giudica secondo verità i buoni, i tiepidi e i cattivi. E giudica senza alcun riguardo alle apparenze ed allo stato sociale delle persone e nemmeno - scrutando Egli i cuori - si lascia ingannare dalle ipocrisie degli uomini.
Il suo giudizio inoltre non cambia perché la Legge divina, proprio in quanto divina, è una verità che ha valore assoluto ed è quindi immutabile anche se mutano i tempi.
Se dunque è bene non giudicare, se poi non si vuole essere a propria volta giudicati da Dio, ancora più severamente saranno giudicati da Dio coloro che in questa vita hanno il compito di giudicare gli altri - come ad esempio i magistrati - o coloro che si arrogano il diritto di farlo.
Bisogna infatti sapere essere 'piccoli', cioè umili, perché è nell'umiltà che sta l'Amore e quindi la Sapienza.
Peraltro chi sa amare 'disarma' Dio che, a quel punto, è disposto a perdonare anche le sue colpe.
In tal caso Dio non solo ricompenserà l'uomo che dimostra di amare fattivamente attraverso le proprie opere, che sarebbero comunque imperfette, ma - tenendo conto del suo amore che è più grande della sua capacità di fare il bene - Egli, più che della capacità dell'uomo di fare il bene, terrà conto del suo desiderio attivo di farlo.
Ciò, appunto, perché Dio - come detto all'inizio - non si lascia ingannare dalle apparenze e, dopo una attesa molto paziente, sa giudicare con perfezione.
Lo Spirito Santo - lo avrete notato - ammaestra con concetti 'semplici' ma profondi che andrebbero pertanto ben meditati per essere adeguatamente 'interiorizzati'.
Innanzitutto Egli ci dice che non dobbiamo giudicare.
Perché? Perché l'uomo è imperfetto: infatti egli - pur conoscendosi - non sa giudicare se stesso perché si giudica sempre migliore di quanto non sia, e figuriamoci allora se sa giudicare gli altri che non conosce, basandosi per di più sulle apparenze se non sui propri pregiudizi.
Il giudizio - in questa situazione - quasi mai è perfetto e praticamente mai è caritatevole.
Esso si traduce quindi in una mancanza d'amore, e dove manca l'Amore non c'è Dio e - nello spazio lasciato libero - subentra l'Altro.
Chi non giudica è sostanzialmente umile, e quindi ama perché dove c'è umiltà c'è amore.
Gesù - pur essendo Uomo-Dio - era umile e nel suo Discorso della Montagna aveva elogiato i 'mansueti'.
Chi peraltro, per 'istinto', vorrebbe giudicare ma rinuncia a farlo per non contravvenire all'amore, compie un atto di violenza nei confronti del proprio 'io' che invece vorrebbe soddisfare le proprie 'passioni', conseguenza del Peccato originale.
Se chi è umile ed ama in maniera 'naturale' è un 'mansueto' prediletto da Dio, chi fa violenza a se stesso è un 'forte', ed è con la 'violenza' - ci ha insegnato Gesù - che si conquista il Regno dei Cieli.
Anche questa autoviolenza è un atto di amore, da un certo punto di vista forse non meno lodevole perché - esercitata contro le proprie pulsioni più profonde - si traduce in una sorta di autoflagellazione, in un piccolo 'martirio'.
Gesù insegnava a Nicodemo che per ottenere il Regno dei Cieli bisognava rinascere di nuovo.
Reincarnazione? No, rinascere rinnovandosi nello spirito, combattendo appunto contro il proprio io, perché Dio - con il Nuovo Testamento - non vuole più sacrifici di raccolti agricoli o di vittime animali ma l'immolazione del proprio 'io'.
Amando Dio con il rispettare i suoi Dieci Comandamenti, anziché abbandonarci ai nostri impulsi peggiori, siamo così noi stessi che - combattendo contro il nostro 'io' - ci offriamo vittime sull'altare di Dio riscattando in tal modo i nostri peccati.
Il primo esempio ce lo ha dato proprio Gesù che - Uomo-Dio - si è offerto alla Croce quale Vittima Innocente, per ottenere in riscatto dal Padre la Redenzione dell'Umanità con la riapertura delle porte del Paradiso agli uomini di buona volontà.
Dobbiamo lasciare dunque ogni giudizio a Dio.
A noi pare che spesso Egli non intervenga per punire i 'cattivi', ma in realtà Egli concede solo tempo, il tempo di pentirci - perché ci vorrebbe tutti salvi - ma per poi giudicare e ... punire a tempo debito con giustizia, perché, anche se Dio è Amore, Egli - perfetto in tutti i suoi attributi - è anche Giustizia, e venir meno alla Giustizia per eccesso di Misericordia sarebbe un far torto, e quindi una mancanza di amore, nei confronti di chi con sacrificio si è comportato da giusto.
Lo Spirito Santo - continuo io in questa mia meditazione - precisa anche che il giudizio di Dio non cambia perché le leggi che Egli ha fissato sono divine, quindi verità 'assolute' e pertanto immutabili nel tempo.
Cosa se ne deduce? Che esse non mutano secondo il cambiare delle abitudini, dei tempi o dei costumi della società che spesso degenerano in peggio.
Questa è una risposta a coloro che - e ce ne sono molti anche fra le stesse gerarchie ecclesiastiche - vorrebbero 'ammodernare' nel campo etico-morale certe tradizioni tramandate dagli apostoli (i quali erano stati per alcuni anni a diretto contatto di Gesù e ne conoscevano perfettamente gli insegnamenti più profondi, anche quelli non riportati nei Vangeli) e soprattutto la stessa Dottrina bimillenaria della Chiesa cattolica allo scopo di 'adeguarla' - come vorrebbe l'ideologia modernista - ai tempi ed alle mutate 'percezioni' da parte della società in cui viviamo.
Non parlo poi del tentativo in atto di ridimensionare e reinterpretare i Comandamenti come ad esempio il divieto di adulterio, per non parlare di Sacramenti come l'Eucarestia, il Matrimonio, la Confessione e finanche, ultimamente, quello dell'Ordine ministeriale.
Insomma costoro - 'modernisti' qual sono e quindi eretici - vorrebbero una Chiesa 'in linea con i tempi attuali' che - per inciso - sono divenuti del tutto corrotti.
Ma non solo, quel che è ancora peggio è il fatto che essi sostengono - come linea 'filosofica' di principio -  l'esigenza di un  'adeguamento ai tempi' della Dottrina cristiana anche per le situazioni del futuro, cioè per il modo di pensare delle future società, il che  porterà un giorno gli uomini a non riconoscere più non solo il cattolicesimo ma nemmeno il cristianesimo.
Cosa ne sarà allora delle 'pecore' del gregge - di cui anche oggi si parla tanto anche a sproposito - se i 'falsi pastori' non conoscono essi per primi la 'strada' né quali 'erbe velenose' le pecore non debbano mangiare?
Le leggi di Dio - come già detto e lo sottolineo nuovamente - sono divine e quindi perfette, immutabili e non 'interpretabili' a seconda delle convenienze con la scusa - come affermato tempo addietro in una intervista nientemeno che dal Generale dei Gesuiti Arturo Sosa Abascal, il cosiddetto Papa nero - che le parole di Gesù  sarebbero da 'contestualizzare' e che gli evangelisti che le hanno riportate a quei tempi 'non avevano il…. registratore'.
È ovvio che l'insegnamento della Chiesa si debba adeguare alle mutate situazioni che si creano con il progredire anche culturale della società, se non altro per non restare 'incompresa', ma non deve modificare la sostanza e la Verità né tantomeno livellarsi al basso della società rispetto ai valori etico-morali fondanti del Cristianesimo.
Dal punto di vista della vita spirituale e morale l’evoluzione dell’uomo, quella della società – e questo lo si può agevolmente constatare specialmente al giorno d’oggi – è stata infatti del tutto discendente.
La frana delle vocazioni sacerdotali dovuta all'imporsi a livello mondiale delle ideologie materialiste e consumiste, e quindi la carenza di 'pastori' e la ridotta spiritualità di non pochi dei pastori restanti, ha disorientato il 'gregge' che - non trovando nei 'pastori' e nella Chiesa l'alimento spirituale di cui avrebbe bisogno - si è sparso per ogni dove cercando di nutrirsi appunto con quelle erbe 'non salutari' che un 'buon pastore' avrebbe impedito loro di mangiare.
Con le 'pecore che si allontanano dallo 'stallo' - dove vivevano al coperto e sicure - per aggirarsi su prati sconosciuti, ecco dunque - come conseguenza - anche i deserti che si riscontrano nelle chiese.
Deserti? Deserti perché la gente non crede più in niente?
Non proprio, perché - per dirla con Chesterton - 'chi non crede in Dio finisce per credere a tutto', ed io aggiungo e preciso: altre religioni più 'comode' di quella cristiana, magia, occultismo, spiritismo, ideologie politiche e mondane.
È anche per questo che taluni importanti 'uomini di chiesa' vorrebbero allora prendere la scorciatoia del 'modernismo', cioè di una maggiore 'elasticità', di una minor 'severità' spirituale per venire incontro al maggior favore della 'gente' e riconquistare quindi i consensi perduti.
È però una illusione fallace che - nei paesi esteri dove è stata applicata maggiormente - non ha affatto migliorato la situazione, ma anzi - se possibile - l'ha peggiorata.
La gente, il popolo - anche se in una società sempre più corrotta - avverte per istinto lo scadimento dei valori e non sente più il bisogno di andare ad ascoltare pastori che anziché 'fieno' offrono 'paglia', buona non per nutrire lo spirito ma per le stalle o per essere bruciata nelle fornaci.
Al contrario la gente accorre a milioni in certi famosi luoghi di preghiera in cui essa avverte più spiritualità, come un assetato nel deserto che - vedendo in lontananza le cime degli alberi di un'oasi - intuisce che là vi è dell'acqua vitale e raccoglie le sue energie per raggiungerla al più presto.
Serve dunque 'l'Acqua viva' di cui parlava Gesù con la Samaritana al pozzo di Giacobbe, con il suo 'ossigeno' vitale (H2O) per anime rese asfittiche da un sistema di vita e da una predicazione sovente non più spirituale.
Dunque, per tornare al tema iniziale, cioè quello del 'non giudicare', non bisogna dimenticare che il 'non giudicare' è sinonimo di umiltà, che l'umiltà è amore, che chi ama vive con lo spirito vicino a Dio e che chi vive vicino a Dio - per riflesso - riceve anche qualche luce di Sapienza.
 
Sommario dei 'Pensieri a voce alta' (dal n. 095 al 117) che - con frequenza il sabato o la domenica - vengono di volta in volta inseriti nella Sezione 'Pensieri a voce alta' del mio Sito (QUI), da dove  potranno essere liberamente scaricati, come pure su Gloria.tv. (QUI)
095. Pensiero introduttivo.
096. L'Aurora della Stella del mare. Il Tempo di Maria. (Parte prima)
097. San Paolo. Alcuni episodi salienti della sua vita avventurosa.
098. Paolo: ebreo, israelita, ardente nelle pratiche mosaiche e
farisaiche, fanatico, intransigente sino all'ingiustizia…
099. Pentecoste. La discesa dello Spirito Santo nel Cenacolo su Maria S.S. e sugli Apostoli.
100. La doppia natura di Gesù, vero Dio e vero Uomo.
101. Il Giusto vive di fede.
102. L'Aurora della Stella del mare. Il Tempo di Maria. (Parte seconda)
103. La 'seconda venuta'. «Quando verrò?... Verrò…! Non avrò nuova carne poiché ne ho già una perfetta… Evangelizzerò, non come evangelizzai, ma con forza nuova…»
104. La negazione del Dio Creatore e l'Evoluzionismo.
105. I negatori dell'Eucarestia ed i satanisti… 'credenti'.
106. Le 'anime-vittima' per la salvezza del mondo.
107. Non giudicare!
108. Le tribolazioni e l'angoscia del grande peccatore in vita e le
pene dell'inferno.
109. Le quattro dimore dell'Aldilà. Paradiso, Inferno, Purgatorio e Limbo.
110. Dio vuole la circoncisione dei cuori e di fronte ai ministri boriosi
che ostentano sapienza prende dei 'laici' che - pur essendo umili ed ignoranti - diventano 'sapienti' per ispirazione diretta di Dio che li istruisce.
111. Tutti gli uomini peccano perché non hanno il 'Timor di Dio'.
112. Prima ancora che Dio creasse, Egli aveva già in mente il Peccato della futura Umanità e il rimedio per salvarla, appunto il 'Verbo-Dio-Uomo crocifisso': la vittima sacrificale.
113. E' per la sua fede in Dio e non per la circoncisione fisica che
Abramo ricevette la promessa di una discendenza numerosa fra circoncisi ed incirconcisi.
114. Maria S.S., l'Arca dilettissima di puro oro che ancor ci contiene così come
è da Noi contenuta….
115. La scala ascensionale della Creazione, la cui perfezione è Gesù
Cristo, l'Uomo-Dio, che unisce in Sé la natura divina e quella umana.
116. Il mio Essere si estende su tutto l'Universo. La mia Luce bagna di Sé gli astri, i pianeti, i mari, le valli, l'erbe, gli animali. La mia Intelligenza corre per tutta la Terra, istruisce i lontani, dà a tutti un riflesso dell'Alto, educa alla ricerca di Dio. La mia Carità penetra come il respiro e conquista i cuori.
117. Porrò il mio Arcobaleno fra le nubi… e mi ricorderò del mio Patto…


[1] M.V.: 'Lezioni sull'Epistola di Paolo ai Romani' - 11.01.48 - Centro Ed. Valtortiano
[2] Rm 2, 2-8: 1 Tu dunque, o uomo, chiunque tu sia, ti rendi inescusabile, perché nel giudicare gli altri condanni te stesso, facendo le medesime cose che tu condanni. Ciascuno sarà giudicato secondo le opere 2 Or noi sappiamo che il giudizio di Dio contro coloro che fanno tali cose è secondo verità. 3 E tu, o uomo che giudichi quelli che fanno tali cose e le fai, credi forse di sfuggire al giudizio di Dio? 4 Ovvero disprezzi le ricchezze della sua bontà, della sua pazienza, della sua tolleranza? E non sai che la bontà di Dio t’invita a penitenza? 5 Ma tu, colla tua durezza e col cuore impenitente, ti accumuli un tesoro d’ira pel giorno dell’ira e della manifestazione del giusto giudizio di Dio, 6 che renderà a ciascuno secondo le opere: 7 a quelli che, perseveranti nel bene, cercano la gloria, l’onore e l’immortalità, la vita eterna; 8 a quelli che, ostinati, non dànno retta alla verità, ma obbediscono all’ingiustizia, ira e indignazione.  



Articoli recenti
Nuvole
genocidio creazionismo Gerusalemme dubia leucemia Omelie religiosa Beatitudini Agnello di Dio Pontefice Risurrezione dei morti il mercante d'armi la verità su Aleppo Beato Mayr-Nusser Gender Apocalisse convivenza omosessualità filatelica Rwanda darwinismo pro gender Twitter Card. Brandmuller Conferenze valtortiane Pensieri Valeria Fedeli Scalfari Gesù Salvatore GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Robert Spaemann John Major Inferno video Stephen apologetica mons. Fellay incendio Concilio Pence consumismo Maria pro-life AVVISO IMPORTANTE Boff Atti di riparazione perdono Unità dei cristiani intervista integrale al Card. Burke Quaresima Papa Bergoglio otto errori. Insediamento Trump Volto Santo satanismo teologia del processo e del divenire intervista a Burke Frezza Misericordia Redenzione crollo del tetto di una chiesa Pietro aborto peccato gravissimo Mistica Maria Valtorta protestanti sofferenza dei bambini CONFERENZE E SANTE MESSE Kasper La Samaritana Papa Francesco in ricordo del viaggio in Italia lotta contro l'aborto Fraternità San Pio X eretico Google Transustanziazione Johm FB sincretismo demonologia Rom Newman Cattedrale di Pristina Paradiso terremoti riforma della curia IMU Germain Grisex PENSIERI VOCE ALTA Limbo lettera dei quattro Cardinali Presepe Gesù sacramentato correzione formale riforma diritti strage di Berlino DUBIA cappella agli islamici lezioni spirituali Fedeli. Gandolfini Aleppo doveri gelo settimana di preghiera j'accuse Strage di Viareggio Expo Vaticano sbarackato Obama Non praevalebunt! Don Zucchini medaglia miracolosa Natale Dubia Bukavu terremotati PENSUERI A VOCE BASSA Card. Burke fastfood Don Giuseppe Berardino Umberto Benigni prostituzione la Colonna dell'Immacolata lingue di vermi La Croce di S. Benedetto Guido Landolina Mattarella flat tax Buon Pastore Giornata della pace Brexit eresia ariana Verginità di Maria vescovo Robert W. McElroy treni a vento streghe SOSPESO A DIVINIS peronismo nazionalcattolico Laetitia scisma Claudio Pierantoni Ordine di Malta Convegno valtortiano 2016 Fumagalli Purgatorio Suor Lucia di Fatima infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Quo Vadis? teoria Incontro 80 sindaci da tutto il mondo Ratzinger Spadaro il reato di intralcio all'aborto Giudizio Particolare padre Lombardi Guido Villa gender disorientamento pastorale domanda Italia Avvenire Convegno Valtorta Lourdes elezioni Kosovo peccato originale 25 novembre 2016 odio Creazione Blondet Morte voce Socci Aldo Maria Valli Fatima PENSIERI A VOCE ALTA Card. Raymond Burke Pensieri a Voce Alta Stephen Austin Omelia Pontificato Bergoglio Beata Giovanna Scopelli fare chiarezza massoneria San GIuseppe Benedetta Frigerio ibernazione Don Minutella Referendum Difendiamo i nostri figli Lezioni spirituali p. Enzo Pensieri a voce alta Basta Bugie Catechismo Maggiore di S. Pio X morte dei bambini serate valtortiane infallibilità S. Antonio Abate Pensieri a voce alta (in pillole) Costituzione scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi Fillon limbo l'antilingua OMELIE Renzi fedeltà Dott.ssa Elisabetta Frezza imparare la Lis Lund pillole) Jean-François Lavére supplica obiezione di coscienza Commiato all'Opera Radio Maria arrogante Satana Santiago del Estero valanga indagato Sala Mistica viareggina sogno droga omelie comunismo Maria Valtorta Benedetto XVI il sacro tugurio proselitismo sale tragedia a Uyo misericordia Lefebvre Don Ariel nuovo cristianesimo bufale omelia castigo di Dio Amoris laetitia rifugiati promesse Musica Sacra aborto Medjugorje evoluzionismo articolo 138 Card. Sarah monachesimo Islam moderato miracoli articolo su Maria Valtorta Bernadette bellezza assistenza umanitaria Fidel Castro Francia anima vittima Cattedrale di Reggio Emilia febbre spirituale Argentina Amoris carmelitana I 4 Novissimi LEZIONI SPIRITUALI Pillole Finnis eutanasia Amoris Laetitia CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Trump Melloni profughi Wilders Ministra dell'Istruzione Intervista Benedettini Scopelli Pensiero a voce bassa 1002 Sander Magister eresie Cina fenomeni rissa vaticana Toscana Obama Caritas articoli vari Basta Bugie feto antimassoneria Giovanni Paolo II condanna rivoluzione religiosa Apparizione a Lourdes Giubileo della Misericordia Italicum profezia cremazione globalizzazione Cuba Lezioni spirituali Marchino Re Magi seminari leggere guarigioni 80 anni Crisi del Dogma traumi Papa a Sindone Cristo Re Misericordia et misera dittatore Roberto De Mattei Russia strafalcioni economia Valtorta Madonna sisma Camicia della Madonna effetto Paglia Neo Modernismo Cardinali referendum ex-cathedra Renxit il cornoletame tsunami Padre Pio omosessuali Santa Veronica Giuliani Vittorio Agnoletto L'Evangelo come mi è stato rivelato la Beppina Świebodzin assenza di Dio Israele (in Lo Straniero riconteggio Schneider Lutero comunione ai divorziati risposati fondazione Maria Valtorta commissariamento Ordine di Malta alluvioni anno giubilare silenzio della S. Sede Card. Biffi Family Day Pensieri a voce alta (in pillole) Theologica Isis Giobbe confessione liturgia antica populismo latinoamericano consustanziazione Raul Castro Giappone Amoris Laetitia ecografia prenatale Palmaro Gomez Davila alta! Concistoro Gedeone battesimo cinwue Dubia assolvere il peccato di aborto Politi Buon Natale Tosatti pro-life italiano Papa Benedetto XVI Polonia Dogma furto di ostie raccolta firme x chiedere dimissioni luterani Don Ariel S. Levi di Gualdo Cascioli interviste Eye Pyramid tradizionalisti La necessità della... Resistenza comunicazione non ostile Consacrazione Pensieri a voce bassa Bergoglio P. Giovanni Cavalcoli comunione a divorziati risposati avvelenamento di massa messainlatino modernismo Parlamento Storia sociale della Chiesa Carlo Acutis Santo Sepolcro luce Fedeli Pensieri a Voce Bassa Clinton La sconfitta di Renzi Mama Antula sesto dubia Giuda pensieri a voce alta antidarwinismo Madonna della Ghiara modernisti Preti sposati assassinio Mary Wagner Medaglia miracolosa LGBT verginità della Vergine No cattolici statunitensi a Trump varie Porta Santa Immacolata Concezione dimissioni congelate morte di Fidel Castro
Torna ai contenuti | Torna al menu