> Il viaggio di Tornielli con Papa Francesco - Blog - Biblioteca Neval 3

Vai ai contenuti

Menu principale:

> Il viaggio di Tornielli con Papa Francesco

Biblioteca Neval 3
Pubblicato da in Articoli di In Terris ·
Tags: Papa Francesco

Esce oggi il nuovo libro di Andrea Tornielli, vaticanista della Stampa e coordinatore del sito specializzato Vatican Insider, “In viaggio” (Piemme, pag. 348, 18 euro) in cui racconta le visite apostoliche internazionali di Papa Francesco. In Terris lo ha intervistato.

Perché un libro sui viaggi del Pontefice?

“Ho iniziato a seguire quelli di san Giovanni Paolo II e mi sembra bello poter raccontare questo aspetto specifico del pontificato di Francesco, il modo in cui li affronta, che in fondo sono un modo per descrivere come vive la sua missione e ne rappresentano alcuni dei momenti più belli e significativi. E’ una sorta di diario di viaggio”.

Qual è quello che ti ha più colpito, che ti è rimasto nel cuore?

“Se devo dirne uno solo il momento più commovente rimane quello della Messa celebrata nel gennaio 2015 a Tacloban, nelle Filippine. Il Papa era voluto andare per forza a incontrare i parenti delle vittime del tifone del 2013 ma quel giorno stava arrivando un’altra tempesta: ricordo la celebrazione con l’impermeabile giallo, l’omelia sotto una pioggia battente, con il Papa che buttò via il testo scritto e parlò a braccio della sofferenza, della consolazione. Fu una delle emozioni più grandi. Poi il programma fu accorciato e dovemmo partire in extremis. Il S. Padre doveva restare tutto il pomeriggio ma ci imposero di ripartire alle 13 o saremmo rimasti bloccati. In effetti, un aereo con esponenti del Governo dopo di noi finì fuori pista per le condizioni meteo proibitive. Ma il Papa ci teneva ad andare a confortare quella gente. Però ce ne sono almeno altri due che mi sono rimasti impressi”.

Quali?

“Il primo è quello in occasione dell’apertura della Porta Santa a Bangui, un’altra di quelle cose che ti colpiscono. Non era mai successo che un Giubileo venisse aperto in anticipo e per di più in uno dei Paesi più dimenticati e più poveri del pianeta, una tappa che non si voleva che il Papa facesse per motivi di sicurezza. L’altro è quello di 4-5 ore a Lesbo di aprile, un segno forte sul tema dei migranti. Del resto la storia dei viaggi di Francesco era iniziata nello stesso modo, con la visita imprevista a Lampedusa. Quello di Lesbo è stato importante anche perché è stato il primo viaggio veramente ecumenico di un Papa, su invito del Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo e fatto tutto insieme a lui e all’arcivescovo ortodosso di Atene Hieronymos. Non ha avuto un momento né come capo di Stato né come capo della Chiesa cattolica. E’ stato un segno di ecumenismo del grembiule, del darsi da fare… del resto nel campo profughi lavoravano fianco a fianco la Caritas cattolica e quella ortodossa”.

A proposito di ecumenismo, non sono mancate le critiche al viaggio in Svezia. Lo stesso Papa ha detto che sarebbe stato un errore non incontrare la comunità cattolica.

“L’errore alla fine non c’è stato ma le critiche sono arrivate lo stesso. All’inizio Francesco aveva programmato un solo giorno, perché, come dice nel colloquio che apre il libro, non ama viaggiare. Lo scopo di quella visita era l’incontro ecumenico e poi ha aggiunto la Messa con i cattolici. Ma è stato criticato per il gesto con i luterani, che peraltro è stato compiuto nella scia dei predecessori”.

Che differenza c’è tra i viaggi di Francesco e quelli di S. Giovanni Paolo II e Benedetto XVI?

“Ho seguito S. Giovanni Paolo II nella parte finale del suo pontificato, quando era già malato, quindi con programmi meno faticosi. Francesco, come Benedetto, per carattere sarebbe stato meno propenso a muoversi mentre S. Giovanni Paolo II aveva reso i viaggi parte integrante della sua missione. Benedetto non concedeva molto ai fuori programma e aveva una predilezione per la profondità della parola. Francesco invece ama parlare con i gesti. In questo è più simile a Giovanni Paolo ma forse l’attuale Pontefice è più concreto, fa cose che gli vengono al momento”.

Un esempio?

“Quando in Kenya, in uno stadio gremito, dovendo parlare contro il tribalismo, ha invitato tutti ad alzarsi in piedi e a prendersi per mano, al di là di ogni appartenenza a clan e tribù. Quello fu un gesto molto concreto. E poi c’è un’altra caratteristica per i viaggi di Francesco”.

Ovvero?

“La scelta delle mete. A parte alcune obbligate, penso alla Gmg di Rio o alla Giornata delle famiglie di Philadelphia, ha una predilezione per Paesi e luoghi in cui può incoraggiare processi positivi in atto per risolvere guerre civili, conflitti religiosi, per incoraggiare tentativi di rispondere a problemi sociali. Ecco dunque che in America Latina sceglie Ecuador, Bolivia e Paraguay, in Europa non Paesi dell’Unione ma mete come Tirana, Sarajevo, l’Armenia e la Georgia. L’Albania, ad esempio, era una nazione uscita dal comunismo, multireligiosa; idem la Bosnia. Per il S. Padre è una priorità dare questi segnali di incoraggiamento”.

Omelie, interviste, telefonate… Non c’è il rischio di una sovraesposizione mediatica del Papa?

“Certo, il rischio c’è… In un’altra mia intervista gli chiesi come reagiva a tutti questi osanna e lui mi rispose citando un episodio di cui fu protagonista il Patriarca Luciani. Il futuro Giovanni Paolo I disse a un gruppo di chierichetti che lo applaudivano che l’asinello che portò Gesù a Gerusalemme non poteva pensare che gli osanna fossero indirizzati a lui, erano per chi gli stava in groppa. Luciani si paragonava all’asinello e Francesco fa lo stesso. E c’è anche un altro rischio, quello della polarizzazione intorno alla figura del Papa. Un processo iniziato da parecchio. Con le telecamere, l’informazione in tempo reale amplificata dai social, si tende a fare l’equazione Chiesa uguale Papa. Ma non è affatto così. C’è molto di più nella Chiesa, realtà che vale la pena raccontare. Però c’è un risvolto positivo della medaglia. Nell’odierno panorama mondiale, di fronte al venir meno di ogni leadership, negli ultimi cinquant’anni abbiamo avuto Pontefici che hanno avuto un’influenza enorme, andata ben oltre l’ambito cattolico e cristiano, perché tutti hanno visto nei Papi persone credibili e portatrici di un messaggio universale e decisivo”.




Articoli recenti
Nuvole
Purgatorio No Apocalisse video Stephen Pontefice Costituzione terremoti Valtorta religiosa gender Verginità di Maria Gandolfini Don Giuseppe Berardino domanda ibernazione alluvioni crollo del tetto di una chiesa battesimo Santiago del Estero incendio infallibilità e indeffettibilità della Chiesa Sander Magister Convegno Valtorta Papa obiezione di coscienza Suor Lucia di Fatima assolvere il peccato di aborto intervista a Burke Ordine di Malta assassinio bellezza sogno avvelenamento di massa Basta Bugie ecografia prenatale monachesimo Giudizio Particolare Pensieri a Voce Alta CONVEGNO iNTERNAZIONALE su Maria Valtorta Giovanni Paolo II aborto Strage di Viareggio Tosatti carmelitana Papa Benedetto XVI articolo 138 raccolta firme x chiedere dimissioni l'antilingua Cardinali Pensiero a voce bassa 1002 La necessità della... Resistenza Papa Francesco Cristo Re Presepe misericordia mons. Fellay Valeria Fedeli demonologia fenomeni Amoris laetitia Pensieri a voce alta Giuda Papa Bergoglio Intervista Benedettini Pillole satanismo Amoris Laetitia creazionismo teologia del processo e del divenire comunione a divorziati risposati nuovo cristianesimo San GIuseppe commissariamento Ordine di Malta Dott.ssa Elisabetta Frezza Islam moderato Gerusalemme j'accuse Rom comunismo Don Zucchini imparare la Lis luterani Benedetta Frigerio FB bufale Non praevalebunt! fastfood massoneria comunicazione non ostile voce assenza di Dio Lund Frezza silenzio della S. Sede Vaticano Benedetto XVI Unità dei cristiani consumismo condanna Blondet evoluzionismo Świebodzin genocidio medaglia miracolosa dittatore terremotati Scalfari dimissioni congelate La Croce di S. Benedetto Mistica viareggina liturgia antica treni a vento rifugiati Wilders Giornata della pace streghe Quaresima Conferenze valtortiane Card. Raymond Burke Pontificato Bergoglio Melloni varie rissa vaticana Cattedrale di Reggio Emilia Porta Santa Gedeone Medaglia miracolosa Buon Natale correzione formale sofferenza dei bambini PENSIERI VOCE ALTA Immacolata Concezione tsunami Card. Brandmuller Kasper otto errori. eresia ariana teoria Omelie Convegno valtortiano 2016 Neo Modernismo Don Ariel Giappone pro gender Cascioli referendum riforma della curia darwinismo Concistoro Avvenire filatelica vescovo Robert W. McElroy LGBT morte di Fidel Castro diritti Mary Wagner PENSUERI A VOCE BASSA profezia sbarackato Obama droga comunione ai divorziati risposati Gomez Davila 80 anni Catechismo Maggiore di S. Pio X disorientamento pastorale gelo Madonna serate valtortiane modernismo Sindone castigo di Dio pillole) Israele antidarwinismo Boff Satana omosessualità DUBIA feto Vittorio Agnoletto Incontro 80 sindaci da tutto il mondo fondazione Maria Valtorta Risurrezione dei morti Expo Theologica Beata Giovanna Scopelli Claudio Pierantoni confessione Bergoglio Aleppo peronismo nazionalcattolico Amoris Laetitia interviste Card. Burke morte dei bambini Morte SOSPESO A DIVINIS S. Antonio Abate supplica cattolici statunitensi a Trump settimana di preghiera Google Madonna della Ghiara Giobbe fare chiarezza Aldo Maria Valli la Beppina Polonia Fedeli Gesù sacramentato Atti di riparazione Socci valanga Pensieri a voce bassa il cornoletame il mercante d'armi pensieri a voce alta Transustanziazione pro-life italiano Toscana Fraternità San Pio X Stephen Austin Pietro riforma Don Ariel S. Levi di Gualdo Concilio Apparizione a Lourdes leucemia Pensieri Clinton antimassoneria Fidel Castro elezioni rivoluzione religiosa GUERRA CIVILE FRA CATTOLICI Schneider Germain Grisex il reato di intralcio all'aborto pro-life Consacrazione Fumagalli AVVISO IMPORTANTE riconteggio Johm in ricordo del viaggio in Italia Volto Santo Guido Landolina sesto dubia Fillon anima vittima Guido Villa Trump Italia apologetica profughi Kosovo eretico Crisi del Dogma modernisti Renzi Argentina protestanti Dogma Newman Francia eresie articolo su Maria Valtorta Lutero Quo Vadis? Scopelli doveri L'Evangelo come mi è stato rivelato eutanasia alta! Referendum Rwanda Insediamento Trump febbre spirituale Re Magi strage di Berlino Pence Don Minutella Paradiso globalizzazione Beato Mayr-Nusser lotta contro l'aborto Lourdes Italicum Pensieri a voce alta (in pillole) cappella agli islamici Maria Valtorta Musica Sacra ex-cathedra omosessuali tragedia a Uyo Mistica Maria Valtorta Pensieri a voce alta (in pillole) a Eye Pyramid peccato originale Medjugorje Inferno Russia populismo latinoamericano Cina Misericordia et misera assistenza umanitaria Mattarella padre Lombardi Natale indagato Sala aborto peccato gravissimo arrogante Caritas Palmaro Limbo verginità della Vergine La sconfitta di Renzi Giubileo della Misericordia Marchino leggere Commiato all'Opera Preti sposati Cuba Renxit Finnis prostituzione Ratzinger Gender P. Giovanni Cavalcoli Card. Biffi PENSIERI A VOCE ALTA convivenza odio Camicia della Madonna Spadaro cremazione Lefebvre IMU Robert Spaemann Fatima Carlo Acutis anno giubilare Twitter il sacro tugurio limbo perdono scisma Obama Parlamento fedeltà Maria consustanziazione Umberto Benigni lingue di vermi John Major Isis Fedeli. Difendiamo i nostri figli furto di ostie economia Laetitia Dubia miracoli articoli vari Basta Bugie Redenzione la Colonna dell'Immacolata Roberto De Mattei effetto Paglia sincretismo la verità su Aleppo infallibilità I 4 Novissimi scandalo sacerdoti omosessuali e conviventi dubia proselitismo Mama Antula Creazione Cattedrale di Pristina flat tax 25 novembre 2016 lettera dei quattro Cardinali Ministra dell'Istruzione Raul Castro seminari intervista integrale al Card. Burke traumi tradizionalisti Amoris guarigioni Pensieri a Voce Bassa Storia sociale della Chiesa messainlatino Brexit Santa Veronica Giuliani Padre Pio Bukavu sisma strafalcioni Jean-François Lavére cinwue Dubia Santo Sepolcro Radio Maria Lo Straniero promesse Family Day (in Politi CONFERENZE E SANTE MESSE Bernadette Card. Sarah
Torna ai contenuti | Torna al menu